La partita più in quota di tutti i tempi

Diversi elementi di spicco del rugby britannico, tra i quali Shane Williams, hanno portato avanti questa iniziativa con scopo benefico

Partita di rugby sul monte Everest (ph. Facebook Wooden Spoon Charity)

Quando si pensa al celeberrimo Monte Everest, abitualmente, l’ultima cosa che vi si associa è una palla ovale ed un campo con le H. Per una volta, però, lo scorso 30 aprile, la cima himalayana ha assunto connotati rugbistici, ospitando sul ghiacciaio East Rongbuk, molto vicino al campo base dell’Everest, la partita di rugby (con contatto) più in quota (6.331 metri) della storia, “vincendo” così a Everest Rugby Challenge.

Un record posto in essere da un gruppo di persone guidato da grandi volti noti del rugby britannico (da Shane Williams, ancora in grande spolvero, nonostante età ed altitudine, ad Ollie Phillips, passando per Tamara Taylor, campionessa del Mondo con l’Inghilterra nel 2014), con lo scopo di raccogliere fondi benefici (già 250mila le sterline raccolte) in favore di Wooden Spoon, un’associazione che si occupa di sviluppare progetti per bambini e giovani in UK.

Il primato ottenuto al campo base (ancora da certificare, va detto, dalla Guinness) non è stato l’unico dell’avventura in Nepal per il team degli LMAX Exchange Everest Rugby Challengers, che, prima di spingersi così in altro, avevano fissato a 5.119 metri la quota più alta a cui sia mai stata giocata una sfida di Touch Rugby.

Raggiungere un simile traguardo, anche e soprattutto alla luce delle impervie condizioni a quella quota, non è stato affatto semplice, a tal punto che uno dei partecipanti all’impresa si è sentito poco bene in quota, venendo evacuato e trasportato in ospedale, anche se fortunatamente le sue condizioni, ora, sono buone.

“L’energia profusa è stata enorme, con tutti gli elementi del gruppo che si sono spronati a vicenda e, anche se siamo esausti, stiamo ancora brindando al successo. Dopo giorni complessi, nei quali abbiamo dovuto affrontare uno degli ambienti più difficili del mondo, non vediamo l’ora di scendere dalla montagna e provare pienamente la sensazione di aver infranto due record mondiali ed aver raccolto tanti di soldi per cause molto importanti”, ha spiegato, chiarendo la difficoltà dell’impresa, Tamara Taylor, impegnata come giocatrice nella gara di touch e come arbitro in quella con contatto.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

80° minuto: il percorso di crescita di Braam Steyn

Il flanker del Benetton e della nazionale ha giocato la miglior stagione della sua carriera finora. E lo confermano anche i numeri

16 giugno 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dal 14/06 al 17/06

Il fine settimana ovale si preannuncia più lungo del solito, con le semifinali del Mondiale Under 20, lunedì, tutte da vivere su Onrugby

13 giugno 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby e libri: “L’ovale storto – ritratto poetico del rugby inclusivo”.

Disabilità, malattie mentali, carceri e periferie raccontate con un viaggio "ovale" attraverso l'Italia

13 giugno 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #45: corri Frost, corri

Nella rosa dell'Australia Under 20, c'è un seconda linea molto simile a un'arma di distruzione di massa. L'Irlanda lo ha visto da vicino al Mondiale

10 giugno 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

L’eredità di Israel Dagg

L'ex estremo degli All Blacks ha parlato dei momenti più difficili prima del ritiro, e soprattutto di come ci si dovrebbe preparare alla fine della ca...

10 giugno 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Rugby in diretta: il programma tv e streaming dal 7/06 al 9/06

Giornate decisive per il Super Rugby. Sabato ci sarà la 2^ giornata del Mondiale Under 20. Domenica in programma la finale Under 18

6 giugno 2019 Terzo tempo