La partita più in quota di tutti i tempi

Diversi elementi di spicco del rugby britannico, tra i quali Shane Williams, hanno portato avanti questa iniziativa con scopo benefico

Partita di rugby sul monte Everest (ph. Facebook Wooden Spoon Charity)

Quando si pensa al celeberrimo Monte Everest, abitualmente, l’ultima cosa che vi si associa è una palla ovale ed un campo con le H. Per una volta, però, lo scorso 30 aprile, la cima himalayana ha assunto connotati rugbistici, ospitando sul ghiacciaio East Rongbuk, molto vicino al campo base dell’Everest, la partita di rugby (con contatto) più in quota (6.331 metri) della storia, “vincendo” così a Everest Rugby Challenge.

Un record posto in essere da un gruppo di persone guidato da grandi volti noti del rugby britannico (da Shane Williams, ancora in grande spolvero, nonostante età ed altitudine, ad Ollie Phillips, passando per Tamara Taylor, campionessa del Mondo con l’Inghilterra nel 2014), con lo scopo di raccogliere fondi benefici (già 250mila le sterline raccolte) in favore di Wooden Spoon, un’associazione che si occupa di sviluppare progetti per bambini e giovani in UK.

Il primato ottenuto al campo base (ancora da certificare, va detto, dalla Guinness) non è stato l’unico dell’avventura in Nepal per il team degli LMAX Exchange Everest Rugby Challengers, che, prima di spingersi così in altro, avevano fissato a 5.119 metri la quota più alta a cui sia mai stata giocata una sfida di Touch Rugby.

Raggiungere un simile traguardo, anche e soprattutto alla luce delle impervie condizioni a quella quota, non è stato affatto semplice, a tal punto che uno dei partecipanti all’impresa si è sentito poco bene in quota, venendo evacuato e trasportato in ospedale, anche se fortunatamente le sue condizioni, ora, sono buone.

“L’energia profusa è stata enorme, con tutti gli elementi del gruppo che si sono spronati a vicenda e, anche se siamo esausti, stiamo ancora brindando al successo. Dopo giorni complessi, nei quali abbiamo dovuto affrontare uno degli ambienti più difficili del mondo, non vediamo l’ora di scendere dalla montagna e provare pienamente la sensazione di aver infranto due record mondiali ed aver raccolto tanti di soldi per cause molto importanti”, ha spiegato, chiarendo la difficoltà dell’impresa, Tamara Taylor, impegnata come giocatrice nella gara di touch e come arbitro in quella con contatto.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

James Haskell diventerà un lottatore delle MMA

L'ex flanker farà il suo esordio nel 2020 e disputerà gli incontri nella categoria dei pesi massimi

22 agosto 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #53: le qualità di un finalizzatore

Sbu Nkosi ha realizzato una doppietta a Pretoria mettendo in mostra un arsenale offensivo infinito

20 agosto 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #52: Celti, tremate!

Michael Leitch ha firmato contro gli USA una splendida meta corale: Scozia e Irlanda dovrebbero cominciare a preoccuparsi

13 agosto 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

RWC Best XV: il miglior mediano di mischia è Joost van der Westhuizen

Battuto in finale il connazionale Fourie du Preez. Da sabato i sondaggi per scegliere il numero otto

13 agosto 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

C’è chi va e c’è chi viene (dal football americano)

Si incrociano le storie di Christian Wade, al suo primo touchdown in NFL, e di Tyrese Johnson-Fisher, nuovo acquisto di Bristol

9 agosto 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

RWC Best XV: il miglior mediano d’apertura è Jonny Wilkinson

La sfida contro Carter è stata vinta dall'inglese. Intanto, ecco i quattro candidati per il ruolo di mediano di mischia

6 agosto 2019 Terzo tempo