Six Nations Festival: l’Italia chiude in bellezza, battendo il Galles 34-13

Netto successo per gli azzurrini, che fanno la differenza nella ripresa

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 21 Aprile 2019, 19:17

    Forse la migliore under degli ultimi anni, bilanciata in tutti i reparti, con un gioco di trequarti veramente di ottimo livello.
    Questi ragazzi sono proprio un bel vedere, anche il Galles non era assolutamente male, ma gli azzurrini li hanno dominati in lungo e largo

  2. Marte_ 21 Aprile 2019, 19:44

    Quando c’è da cazziare la federazione lo si fa ma bisogna ammettere che le Under degli ultimi 5/6 anni sono migliorate sistematicamente e comunque sono competitive con i pari età.
    Oggi ho visto a sprazzi una squadra straripante, con una competenza tecnica invidiabile. Come dice COS il passaggio all’alto livello è fondamentale e non siamo stati finora all’altezza ma io personalmente sono fiducioso che le cose possano migliorare

  3. gattonero 21 Aprile 2019, 19:51

    eppur si muove…il movimento,queste sono belle notizie…

  4. TommyHowlett 21 Aprile 2019, 20:09

    Quello che mi chiedo io, dopo due vittorie e un bonus difensivo sfiorato contro la Francia, è: in cosa siamo stati bravi in questo torneo? Sentiamo da tutte le parti, lecitamente, che ai nostri ragazzini mancano gli skills, mancano i fondamentali, manca la mentalità… eppure abbiamo messo sotto un movimento come quello gallese come se fossimo noi dei rugbysti nati. In qualche maniera siamo stati superiori, quindi l’altra domanda è: come facciamo a perdere tutto questo negli anni successivi?

    • Lazzaro 21 Aprile 2019, 20:17

      E’ gia onesto rendersi conto che perderemo il vantaggio crescendo se Cos non mette i fatti dietro le parole. Perché questi ragazzi hanno lavorato bene. Potranno continuare ? Mi sembra che negli anni statisticamente sia capitato spesso di mettere sotto una volta la Francia, una volta la Scozia e via di questo passo. Segnatevi i nomi e tra tre anni o quattro avremo risposte. Per il momento mi sono goduto una splendida partita ben giocata ed una mentalità collegiale ( anche se il nove guardava un po’ troppo spesso l’arbitro con un atteggiamento che non mi piace e l’ho già detto ). Bravi avanti così ! E bravo Dolcetto dai !

    • Marte_ 21 Aprile 2019, 20:30

      Però bisogna dire che le prime annate davvero positive (intendo quelle che si giocavano più del 11esimo posto al mondiale) devono ancora essere assimilate e verosimilmente lo saranno dopo il mondiale: Intendo i vari Licata, Lamaro, Riccioni, Zanon, Rizzi, Cannone, Bianchi, D’onofrio… Sono già stati integrati invece talenti straordinari come Minozzi, Polledri, Ruzza, Campagnaro ma loro giocavano in nazionali giovanili che si giocavano la retrocessione con Fiji e Tonga.
      Ecco, speriamo che con questi giovani in U18 e U20 si faccia un ulteriore step ma ne parliamo fra 4 anni dei frutti raccolti

      • Sandokan 23 Aprile 2019, 05:39

        In altre nazioni (anche di tier 1) ci esce dalla U20 puo’ esordiere direttamete in nazionale. Noi dobbiamo aspettare 4/6/8/28… anni?

    • Parvus 22 Aprile 2019, 07:43

      quindi l’altra domanda è: come facciamo a perdere tutto questo negli anni successivi?

      ciao tommi,
      hai perfettamente ragione fare questa domanda!
      la volevo fare, ma qua in questo blog troppo spesso se vai a scavare trovi sempre qualcuno che ti dice, ma perché lo fai?? hai problemi?? ecc….

      e allora perché perdiamo negli anni successivi tutto???

      • Sandokan 23 Aprile 2019, 05:44

        Fino a pochi (pochipochi) anni fa le nostre U20 al 6Nazioni non vincevano praticamente mai, mentre la Nazionale maggiore magari una o due partite ogni uno o due anni le vinceva.
        Da quando e’ cominciato il filotto storico di sconfitte consecutive a livello di nazionali maggiori, a quanto pare, si e’ invertito tutto e la U20 riesce a conquistare qualche bella vittoria (e anche piu’ di qualcuna)… mentre la nazionale maggiore…:(
        Magari le altre categorie avessero avuto negli anni i risultati della Nazionale femminile!

  5. aries 21 Aprile 2019, 20:09

    Che bravi, complimenti!
    Non vedo l’ora di gustarmi le mete!
    Mi fa piacere leggere i commenti sopra, che evidenziano le competenze dei ragazzi e della squadra tutta! Avanti così!

  6. kinky 21 Aprile 2019, 20:38

    Bravi bravi bravi!
    Qualcosa mi dice che l’anno prossimo avremo un’altra grande annata!…..e bellissimo sarà il fatto di avere concorrenza altissima all’apertura!

  7. ermy 21 Aprile 2019, 20:51

    Bravissimi, 2 su 3 non è cosa da poco!
    Speriamo la FIR non riesca a rovinare anche questi con i giochini permit si, permit no, accademia si, accademia no, seconde squadre si, seconde squadre no, emergenti si, emergenti no, erc, etc…

    • Marte_ 21 Aprile 2019, 21:12

      Tra l’altro con la Francia due mete sono state letteralmente regalate. E oggi i transalpini hanno regolato nettamente l’Inghilterra (che insieme all’Irlanda, ultima, non abbiamo incontrato)

  8. pesbrindisi 21 Aprile 2019, 21:40

    qualcuno sa dirmi perché Varney gioca per l’Italia?

  9. sanfrancesco 21 Aprile 2019, 22:23

    Tutti bravi. Cannone e Drago mi hanno impressionato

  10. Dusty 21 Aprile 2019, 22:48

    Anche con queste prestazioni facciamo vedere vhe il nostro movimento è da tier1.Bene avanti cosi

  11. sanfrancesco 21 Aprile 2019, 22:58

    Non so quante mete abbiamo fatto in 3 partite di torneo, ma parecchie…

  12. Sandokan 22 Aprile 2019, 02:02

    Chissa’ che bella esperienza per i ragazzi!

    • kinky 22 Aprile 2019, 12:23

      …e ancora più bella la stanno facendo i ragazzini del Petrarca U12 che sono a fare un torneo in Giappone invitati dalla Federazione Giapponese!

  13. Parvus 22 Aprile 2019, 07:47

    sperimo che cos si prenda questi cei-fioi-bocie e li porti avanti….

  14. Parvus 22 Aprile 2019, 07:51

    dimenticavo…, non vedo l’ora di vedere le mete…….
    grandi ragazzi.

  15. Flaviuz 22 Aprile 2019, 10:35

    Forse il futuro non è così fosco come preannunciava il vecchio Munari…speren

    • Giambo 22 Aprile 2019, 15:27

      A me Munari piace tantissimo come personaggio e lo rispetto per la sua profonda conoscenza del rugby.
      Però ultimamente mi è sembrato piuttosto menagramo nel voler sempre dipingere tutto di nero per l’Italia… non voglio pensare male di lui, ma siamo sicuri che a volte sia veramente obbiettivo nel giudicare il movimento italiano, visti i suoi trascorsi con la Federazione?

  16. Parvus 22 Aprile 2019, 11:05

    BRAVISSIMO DOLCETTO.

  17. madmax 22 Aprile 2019, 12:29

    Letta la storia personale del pilone sx Dorin Tica redazione vale un’intervista

    • aries 22 Aprile 2019, 12:51

      L’avevo letta un paio di anni fa, mi pare per le festività, in effetti faceva molto natale… Comunque, sembra la sceneggiatura di un film effettivamente! Mi auguro arrivi fino in fondo il ragazzo, le motivazioni immagino non siano un problema per lui! In bocca al lupo a Dorin! Un’intervista sarebbe interessante!

    • balin 22 Aprile 2019, 17:47

      Mamma mia, ho letto ora la storia, forza Dorin e tutta la sua famiglia, mi ricorda quelle storie di minatori gallesi o di ragazzi di Calabria, o ciclisti d’antan, quelli che se trovano allenatori ed ambienti giusti con la “fame” che hanno son capaci di ogni impresa sportiva. Spero proprio che gli italioti che imperversano non lo rovinino.

  18. Camoto 22 Aprile 2019, 14:39

    Io penso ci voglia sempre equilibrio, nel bene e nel male.
    Questi sono i ragazzi di cui vi raccontavo circa un mese fa insieme ai 2000 che a proposito faranno un gran mondiale. Ho vissuto questo periodo fino alle under 14 (mio figlio è del 2000 e ha giocato fino a quella categoria) non dobbiamo ringraziare solo i vari Aboud e Dolcetto ma anche i club che in giro per l’Italia hanno lavorato bene grazie anche ad un periodo in cui il rugby era molto gettonato, non so come andrà avanti visto che ultimamente molti piccoli club son costretti ad unirsi per fare ad esempio un u14 o u16.
    Che ne usciranno campioni non è detto, ma almeno fino al 2003 la base è larga su cui scegliere ed avremmo un livello medio piuttosto elevato. Questo ci garantirà per lo meno un top12 divertente e 2 franchigie competitive tutto l’anno, la nazionale è un terno al lotto.
    Poi CoS ha detto una gran cosa, ricordate che i nostri al primo anno di under 20 somo gli unici ancora non diplomati, questo è e rimarrà uno svantaggio non da poco. Le nostre scuole superiori sono quasi più impegnative in termini di tempo da dedicare rispetto a svariati corsi universitari ed i mondiali si giocano durante la preparazione alla maturità.

    • aries 22 Aprile 2019, 17:13

      Hai detto un sacco di cose in 20 righe!

      • Camoto 22 Aprile 2019, 20:05

        Così è meno comprensibile:)

        • aries 22 Aprile 2019, 20:33

          Purtroppo le fusioni per fare una squadra stanno diventando la norma, almeno da queste parti, qui addirittura si parte dall’ u12… Fino a 5/6 anni fa c’era ľimbarazzo su chi portare ai tornei, adesso invece, la settimana prima siamo a fare gli scongiuri!

          • fracassosandona 23 Aprile 2019, 08:58

            Calo demografico mostruoso. Tra dieci anni chiudiamo metà delle scuole, figurati con chi farai i vivai…

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: diretta streaming Francia-Italia Under 20

Azzurrini in campo alle 21:00 ad Aix-en-Provence: seguiamo insieme il match

7 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: Italia in Francia, sfida ai campioni del mondo

Scoglio durissimo da superare per gli Azzurrini di capitan Garbisi: la Francia non è la stessa di Napoli

7 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia, Under 18: i convocati per il raduno di metà febbraio

Sono 28 gli atleti scelti da coach Mattia Dolcetto

5 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20, coach Roselli: “Nel gruppo ci sono potenzialità e personalità”

Intervista all'head coach degli azzurrini: lavoro di gruppo, scelta del capitano, la sfida al Galles e i propositi per il futuro

31 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia, Under 20: sconfitta contro gli Espoirs di Grenoble

All'esordio stagionale, gli azzurrini cedono ai francesi 31-19

15 Dicembre 2019 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Italia, Under 20: i convocati per il raduno di Biella

Fabio Roselli ha selezionato 24 atleti per il ritiro piemontese, in programma dal 12 dicembre, e la sfida agli Espoirs di Grenoble (sabato 14)

3 Dicembre 2019 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili