Sei Nazioni femminile: un’Italia da sogno stende la Francia e si prende il secondo posto

Le azzurre disputano un match di grande livello, annichilendo le transalpine 31-12

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Machete 17 Marzo 2019, 16:24

    ragazze meno male che ci siete voi……!!!!!Forza azzurre!!!

  2. Camoto 17 Marzo 2019, 16:28

    Che rimpianto non essere andato. Stadio a soli 10 km da casa…..
    Bravissime ragazze, meritate l’ Olimpico.

  3. gattonero 17 Marzo 2019, 16:30

    posso dirlo… mi sono commosso…grandi ragazze siete fenomenali.

  4. DropMan 17 Marzo 2019, 16:30

    Grandi ragazze!!!
    E poi ieri devo leggere e cose del tipo: “la programmazione”, “bisogna ripartire dalle basi”, “lo staff non ha colpe”, “i ragazzi questi sono”…ma vaffanculo!
    Queste giocatrici partivano sfavorite con la metà delle squadre del torneo ed hanno conquistato un miracoloso secondo posto. Grazie staff e grazie ragazze! GRAZIE!

    • Giambo 17 Marzo 2019, 17:30

      Piccola differenza: il rugby femminile non è ancora professionistico (a parte in Inghilterra), quindi non si può giudicare con quello maschile.
      P.S: ricordami quando hanno fatto le nostre ragazze contro l’unica squadra professionistica incontrata? Se non ricordo male, neanche un punto hanno fatto in 80 minuti.
      Bravissime le ragazze, ma piano con i complimenti e piano con i paragoni. Quando anche il rugby femminile diverrà professionistico, vedremo se saranno capaci del vero salto di qualità.

      • giomarch 17 Marzo 2019, 17:49

        Un nuovo modo di giustificare le prestazioni di livello di maschile e under20, nemmeno un primo ministro ha tanti avvocati…
        Un solo professionista su sei quindi risultato con valore relativo anche se sei il primo dei non professionisti…
        Meno male non giudichiamo la box alle olimpiadi, non sono paragonabili gente come teofilo stivenson o felix savon con dei pugili professionisti…
        Brave ragazze, certi commenti aumentano il valore della vs impresa…
        Non si sa più come giustificare mancati investimenti che producono risultati, la differenza l’avete fatta voi..
        Speriamo non vengano dalla federazione a fare i professori anche nel femminile..

        • Giambo 17 Marzo 2019, 18:01

          Stessi discorsi di chi criticava le vittorie sporadiche della nazionale maschile di 10 anni fa. Dimmi un po’, chi ha avuto ragione: gli ottimisti o i gufi?
          Attaccarsi alle vittorie delle ragazze per criticare è davvero penoso, loro sono delle bravissime dilettanti ma gli uomini giocano un altro sport.
          Quando la differenza con le professioniste non sarà più di 55 punti, ma di 3-4 punti allora si potrà parlare di svolta. Fino ad allora, applausi, ma la strada è lunga.

          • giomarch 17 Marzo 2019, 20:44

            Allora a questo punto ti chiedo di illuminarmi, è dilettantesco il loro impegno, il loro approccio, la loro abnegazione o il loro livello si misura dagli investimenti della federazione?
            Senza scomodare gli oltre 100punti presi dal saf nell’era dominguez, mi ricordi i punti presi dai professionisti maschili nell’ultima tornata di test match contro gli all blacks?
            credo che il paragone quindi ci stia tutto, e che le ragazze se lo meritino..
            Concludo con una frase tanto cara ai più in questo forum, dillo a loro in faccia che sono delle dilettanti..

          • Giambo 17 Marzo 2019, 21:42

            E quale sarebbe il problema di dire loro in faccia la verità? Se uno non pratica uno sport per professione è un dilettante, non ci vedo nessuna offesa. Io non critico il loro impegno, critico chi usa le loro vittorie per screditare il movimento maschile, dimenticandosi che esiste un abisso tra le due categorie ora come ora.

          • giomarch 17 Marzo 2019, 21:56

            Scusa,
            Non è inferiore all’abisso che c’è tra la maschile e le squadre di vertice?
            Che ci sia differenza tra sport femminile e maschile… hai scoperto l’acqua calda, anche nel tennis iperprofessionistico c’è…
            Non credo ci sia bisogno di screditare quanto avvenuto nell’ultimo ventennio, ci pensa la federazione… Non centra nulla con il fatto che le donne con investimenti trascurabili sono tra le prime al mondo mentre i maschi sono 15esimi circa..
            Sono numeri, non sono opinabili..

          • Giambo 17 Marzo 2019, 22:06

            La differenza è che le nostre ragazze lottano contro delle dilettanti, i nostri ragazzi contro gente che vive e gioca di rugby 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.
            Ed infatti, come le nostre si sono trovate davanti delle professioniste, hanno preso 55 punti.

          • giomarch 17 Marzo 2019, 22:19

            E i nostri ragazzi che vivono di rugby e ne hanno presi più di 60…
            Chi si sono trovati davanti? Extraterrestri o li stesso vertice del movimento rugbistico?

          • greenleaf 18 Marzo 2019, 11:58

            Scusatemi, ma da quello che so anche in Francia sono professioniste.
            In Inghilterra da gennaio di quest’anno in Francia da qualcosa di più.
            In Galles lo sono, praticamente (anche se gestito come “rimborso spese”) da almeno un paio d’anni.

      • Nuvole! 18 Marzo 2019, 14:38

        @Giambo
        se sono professioniste in Inghilterra, allora lo sono anche in Francia (e Giappone).
        Infatti negli anni diverse delle nostre ragazze sono andate a giocare in Francia e Inghilterra (e anche Giappone…)
        Per questo la vittoria sulla Francia fa particolarmente scalpore.
        Detto questo, ci sono state tre vittorie, un pareggio e una sconfitta (miglior risultato Italiano di sempre al Sei Nazioni) e tu cosa commenti? La sconfitta.
        Perdono anche gli All Blacks, talvolta. Fa parte del gioco.

  5. ginomonza 17 Marzo 2019, 16:32

    non ci sono parole per commentare queste grandi DONNE

  6. tinapica 17 Marzo 2019, 16:32

    Ennesima grande prestazione delle Nostre! L’Italia Ovale è orgogliosa di loro. E c’è chi naturalmente già prospetta sicuri futuri scenari disastrosi se non si passerà al professionismo, inteso come creazione di franchigie che possano espropriare le squadre delle migliori giocatrici finendo col distruggere il Campionato Nazionale (paritario) su cui, fino a prova contraria, si basa questa Nazionale; così come uno analogo era la base della Nazionale maschile che ci diede le maggiori soddisfazioni nei primi 10 anni di questo millennio. Proprio vero che non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere.

    • ginomonza 17 Marzo 2019, 16:37

      Le Inglesi sono professioniste e ce ne hanno dati 55 a 0.
      Le altre tranne,forse, la francia sono dilettanti.
      Sarebbe bene ricordarselo tra qualche tempo.

      • tinapica 17 Marzo 2019, 17:05

        Già il “forse” riguardo alle Francesi è molto indicativo; ma il mio intento non è demonizzare il professionismo: ben venga se e quando è la naturale conseguenza di un movimento così vasto , sia nella pratica che nel seguito, da generare un giro d’affari che consenta adeguate ricompense. Quello che pavento io è la replica del fallimentare modello che al maschile, non essendoci da noi le finanze adeguate per far disputare un Campionato professionistico a 10/12 squadre ( in realtà un Campionato, professionistico o no, è tale solo quando paritario, quando cioè in prospettiva ad ogni squadra, anche dalle categorie minori, è consentito ambire con le proprie forze al riconoscimento di squadra più forte di una Nazione) fu deciso essere l’arbitraria elezione di due squadre ( denominate franchigie per meglio far capire che sono di censo diverso e superiore alle altre) ad un livello a cui le altre non possono aspirare e per di più saccheggiando a piacimento i vivai altrui.

        • Giambo 17 Marzo 2019, 17:36

          In Galles, Scozia ed Irlanda il sistema delle franchigie, bene o male, funziona e sta portando risultati. Noi non abbiamo le risorse, umane e di capitale, per ambire a creare un campionato professionistico come quello inglese o francese. E se devo scegliere tra 2 squadre professionistiche (o franchigie) o 10 squadre di dilettanti, che godono a vedere chi ha l’orticello più bello, mi scelgo le due franchigie senza pensarci due volte. Il paragone con 10 anni fa non può sorreggere, visto che i risultati della nazionale erano drogati dagli equiparati argentini, e da una transizione al professionismo non ancora completata.
          Poi, se preferiamo mandare in vacca il rugby professionistico, così che i tifosi del Petrarca di turno possano tornare a sentirsi importanti fate pure, ma ricordatevi che indietro non si torna.

          • giomarch 17 Marzo 2019, 22:15

            Hai portato l’unico esempio di società che collabora attivamente con una franchigia professionistica…
            I problemi sono altrove..
            Se invece di investire in tribune vuote anche in partite di cartello come oggi quella calvina o si mettesse l’accademia dove serve e non in mezzo al nulla, se si dirottassero i fondi in maniera razionale tutto il movimento ne gioverebbe ed il termine professionismo potrebbe avere un senso..

      • Nuvole! 18 Marzo 2019, 22:49

        Se le Inglesi sono professioniste, lo sono anche le Francesi. Non é che per aver perso contro di noi perdono lo status di professioniste 😛

  7. buk 17 Marzo 2019, 16:32

    bravissime, peccato che queste partite non le facciano vedere in chiaro in tv.
    complimenti alle ragazze

  8. spike 17 Marzo 2019, 16:33

    Maria Cristina Tonna presidente FIR

  9. ginomonza 17 Marzo 2019, 16:33

    dai un pò di contegno 🙂

  10. Marte_ 17 Marzo 2019, 16:34

    Che impresa. Per ora solo complimenti, la rabbia me la terrò per dopo quando nessun media nazionale darà a queste ragazze lo spazio che meritano.
    Fossi nella federazione un pensierino a fare dei contratti centralizzati alle atlete di interesse nazionale.. con lo zampino delle FO, con l’obiettivo delle Olimpiadi 7s.. ma fate qualcosa

    • ginomonza 17 Marzo 2019, 16:41

      per quanto riguarda il 7s le nostre attuali atlete del 15 non sono troppo adatte allo scopo

  11. tinapica 17 Marzo 2019, 16:35

    Sono d’accordo ma temo che la direzione sia proprio quella opposta: non mi stupirei se tra poco anche la nazionale maschile sarà visibile solo a pagamento (o in “clandestinità”, come ho fatto oggi io per vedere le nostre eroine)

  12. Camoto 17 Marzo 2019, 16:37

    Il terzo tempo dove la fanno?
    Valsu o Plebiscito?

  13. carpediem 17 Marzo 2019, 16:44

    brave,brave,brave

  14. feltre59 17 Marzo 2019, 16:52

    adesso non pacche sulla spalla, servono a poco per non dire niente.
    vero sostegno economico e formativo. ma vero , non medagliette.
    meno male che ci sono loro. giocano benissimo e rianimano lo spirito ,non solo rugbistico.
    grazie ragazze stupende

  15. xnebiax 17 Marzo 2019, 17:15

    Minchia!
    Questa sì che è un’impresa.
    Grandissime!

  16. Parvus 17 Marzo 2019, 17:21

    per favore sono ritornato dal lavoro poche minuti fa, come si potebbe vederla?? you tube??? avete un lik per favore.
    grazie mille.

  17. fabrio13H 17 Marzo 2019, 17:27

    Incredibile risultato delle ragazze che non avrei previsto neppure nel piu’ roseo dei sogni, mentre non è difficile azzeccare i risultati delle maschili. Come ho detto piu’ volte nel corso di questo Sei Nazioni e come già scritto da altri, è a questo punto improrogabile che la Federazione impegni la maggioranza del proprio bilancio per il settore femminile che dà queste soddisfazioni.

  18. madmax 17 Marzo 2019, 18:28

    Bravissime. Senza parole.

  19. Totalmente incompetente 17 Marzo 2019, 19:47

    Straordinarie.
    Non solo la vittoria, ma una performance assolutamente strabiliante. S
    Che sapessero giocare un bel rugby si era gia’ visto, ma qua hanno fatto un capolavoro di tattica e controllo , contro un avversario volatile dal punto di vista emotivo, ma fortissimo sotto ogni altro aspetto.
    Da vedere, rivedere ed ammirare

  20. LiukMarc 17 Marzo 2019, 20:55

    Stre-pi-to-se
    A meritarsi le prime pagine (magari) domani

  21. Sergio Martin 17 Marzo 2019, 22:26

    Maria Cristina Tonna presidente FIR!!

  22. RigolettoMSC 17 Marzo 2019, 22:46

    Che brave! Che brave!! Che brave!!!

    Poi, da bravi tafazziani (o tafaziani? 🙂 ) invece di godere per la bella prestazione di queste ragazze bravissime e bellissime, ci perdiamo in INUTILI polemiche e confronti con il rugby dei ragazzi.

    Questo è un articolo sull’ottima prestazione delle nostre ragazze che hanno battuto una squadra che ha nella sua formazione anche una buona quota di professioniste e quindi è una vittoria (a cui non credevo, sbagliando) che ha un valore maggiore delle altre. Di loro dobbiamo parlare, senza sempre mettere insieme cose che non c’entrano. Non è questo il momento e il luogo delle polemiche. Grazie.

  23. xox 17 Marzo 2019, 23:10

    Grandissime! Peccato non poter vedere il match

  24. fabrio13H 17 Marzo 2019, 23:27

    Quando chiedo alla di investire la maggioranza del bilancio nel settore femminile non sono per nulla polemico poiché la Nazionale femminile ha ottenuto dei risultati nettamente superiori a quelli ottenuti da qualsiasi squadra maschile italiana, compreso l’ottavo posto dell’Under20 al Mondiale e compresi i risultati della Maggiore negli anni 90. Sono anzi moderato dal momento che se il bilancio venisse ripartito in base ai risultati le ragazze meriterebbero almeno i 2/3 del bilancio e mi sono limitato nella percentuale giusto per il fatto che il rugby maschile è piu’ seguito.

  25. fabrio13H 17 Marzo 2019, 23:30

    Quando chiedo alla Federazione di investire la maggioranza del bilancio nel settore femminile, non sono per nulla polemico poiché la Nazionale femminile ha ottenuto dei risultati nettamente superiori a quelli ottenuti da qualsiasi squadra maschile italiana, compresi i due ottavi posti dell’Under20 al Mondiale di categoria e compresi i risultati della Maggiore negli anni 90. Sono anzi moderato dal momento che se il bilancio venisse ripartito in base ai risultati le ragazze meriterebbero almeno i 2/3 del bilancio e mi sono limitato a chiedere un po’ piu’ della metà giusto per il fatto che il rugby maschile è piu’ seguito.

    • fabrio13H 17 Marzo 2019, 23:32

      …sono quindi stato di “manica piuttosto larga” con il settore maschile e con i suoi protagonisti.

Lascia un commento

item-thumbnail

Italia: anche le Azzurre in campo a novembre?

Dopo la qualificazione mondiale

24 Ottobre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Bill Beaumont fa i complimenti alla Nazionale femminile di rugby

Il presidente di World Rugby sottolinea lo spettacolo visto a Parma e applaude le azzurre aspettando di vederle al Mondiale

30 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Michela Sillari a OnRugby: «Siamo migliorate, il girone mondiale è equilibrato»

La numero 13 e piazzatrice azzurra racconta le 3 settimane di Parma e analizza il futuro delle azzurre fino al mondiale

29 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

World Rugby Ranking: punto esclamativo dell’Italia, Scozia da record

L'aggiornamento al termine del torneo di qualificazione mondiale a Parma

28 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Francesca Sgorbini a OnRugby: «Meglio di così non poteva andare, il gruppo ha fatto la differenza»

Al termine del torneo che ha portato l'Italia direttamente al mondiale. La terza linea delle azzurre si racconta a OnRugby

27 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile