Sei Nazioni: dopo la sconfitta in Irlanda, la Francia ripiomba nel pessimismo

Oltralpe la nazionale viene definita come “una formazione di seconda divisione”

Ph. Sebastiano Pessina

I Bleus sono tornati nuovamente nell’occhio della critica dopo il ko subito in Irlanda per mano dei Verdi. In terra francese infatti non è piaciuta la facilità con cui la squadra di Brunel si è fatta dominare dai rivali.
Se la vittoria contro la Scozia – a Parigi, due settimane fa – aveva rinvigorito il sentimento attorno alla nazionale, la dipartita di Dublino sembra aver risollevato malumori e patimenti.

Quei calci non messi fra i pali, ma in touche
Il match comincia con Sexton e soci immediatamente in controllo e desiderosi di segnare il prima possibile quattro mete, per garantirsi il punto di bonus. La partita di fatto non è mai in bilico, tanto che i padroni di casa per accelerare questo processo decidono, ogni qualvolta ne hanno la possibilità avendo ottenuto una punizione nella metà campo francese, di andare in touche in maniera convinta senza nemmeno pensare all’ipotesi di piazzare verso i pali. Un sintomo di sicurezza e superiorità: meglio un tentativo per i sette punti, piuttosto che un piazzato ma soli da tre punti.

Le dichiarazioni di Paul O’Connell
L’ex giocatore della nazionale irlandese, ora coinvolto come opinionista tv, ha recentemente dichiarato presentando proprio la partita fra Irlanda e Francia: “Quando ho esordito in nazionale io era il 2002 e ho dovuto aspettare sette anni prima di battere i Bleus. Il mio bilancio è di 11 sconfitte, 4 vittorie e 1 pareggio”. Un affermazione su cui i critici si stanno rivalendo per far capire quanto i rapporti di forza siano cambiati.

La vittoria a Roma potrebbe non bastare
“La nostra squadra è in grado di far disputare una buona partita a tutte le altre squadre del Sei Nazioni. Non abbiamo giocatori all’altezza dei migliori standard di gioco dell’Emisfero Nord”. In un’analisi cruda si mettono sul piatto i problemi di una squadra a cui vincere a Roma contro l’Italia, nell’ultima giornata del torneo, potrebbe veramente non bastare a livello psicologico e di credibilità. Le sconfitte contro il Galles, partendo da una netta situazione di vantaggio, e quelle nette contro Inghilterra e Irlanda hanno lasciato il segno venendo dopo un novembre non proprio scintillante, culminato nel ko interno contro le Fiji, e da quel pareggio di un anno prima contro il Giappone. Qualcuno addirittura definisce la Francia come una “una formazione di seconda divisione”.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Nominato il nuovo amministratore delegato del Sei Nazioni, succederà a Ben Morel da aprile

Si tratta di Tom Harrison, ex capo dell'England and Wales Cricket Board (ECB) ed ex dirigente di IMG Media e ESPN STAR Sports

27 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni chiude la porta al Sudafrica: “Nessuna espansione in questo momento”

Il CEO di Six Nations, Ben Morel, ha messo le cose in chiaro

25 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2023: Inghilterra, problemi di infortuni. Ben 4 cambi rispetto ai primi convocati

Il ct Steve Borthwick deve gestire un'infermeria già molto piena

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles: Gatland vuole riconsiderare la regola dei 60 cap

L'allenatore del Galles stringe i tempi per discutere la regola sul numero di presenze necessarie a un giocatore che milita all’estero per essere conv...

24 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

Il tecnico del Galles ha risposto alle nostre domande in conferenza stampa

23 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra, torna d’attualità la staffetta Smith-Farrell

Steve Borthwick deve decidere se metterli in campo insieme o preferire uno all'altro, Kevin Sinfield dà un indizio

19 Gennaio 2023 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni