Sei Nazioni 2019: Irlanda-Francia è un monologo, a Dublino finisce 26-14

La squadra di Joe Schmidt ritrova l’intensità dei giorni migliori e schiaccia gli ospiti per tutta la gara. I punti francesi negli ultimi cinque minuti

ph. Reuters

Dublino – La Francia pareggia subito ma il TMO annulla perché Penaud, saltando per contendere a Larmour il calcio aereo di Ntamack, tocca ma non controlla facendo in avanti. Il vento forte impedisce all’Irlanda la solita quantità di calci. I Verdi dunque si affidano alle mani e alla fantasia degli avanti, oltreché alle cariche di Ryan e Stander. Al 10’ la Francia perde Lauret, al suo posto Aldritt. Al 17’ battaglia sulla linea di meta francese, il TMO mostra un in avanti di Healy che vanifica un placcaggio dominante di Ryan ai danni di Dupont nell’area di meta. L’Irlanda vince la mischia sui cinque metri ma un nuovo in avanti volontario, stavolta di Murray, vanifica tutto.

L’Irlanda continua a premere, anche se le mani non sono sempre precisissime. Punizione in touche su un altro fallo. Dopo un fallo francese sul carretto l’Irlanda sceglie ancora la touche sui cinque metri a sinistra, il lancio è lungo e diventa un assist per Sexton che non controlla: la Francia introduce la mischia sui cinque metri ma Dupont non riesce a calciare lontano e la pressione continua.

L’Irlanda ormai ha messo le tende nei 22 francesi da almeno 15 minuti quando Dupont salva i francesi con una gran rubata. I francesi sono sempre più spesso sul limite della difesa sporca: il pubblico rumoreggia e l’arbitro richiama la maul transalpina. Al minuto 30 le mani tornano quelle dei tempi migliori e Sexton confeziona con Ringrose una splendida meta che lui stesso schiaccia e trasforma: 14-0. Meno di tre minuti dopo Ringrose ricorda a tutti il proprio talento rubando palla al volo a Ramos e schiacciando in meta, ma il Tmo evidenzia che ha perso il controllo dell’ovale strusciando verso la meta: la Francia si salva con la mischia ordinata.

L’Irlanda è però un fiume in piena e non molla la presa. Una rubata di Henderson dà il via all’ennesima serie di cariche che si chiudono con la terza meta verde, segnata da Conan al 37’ nell’angolo destro. Sexton non trasforma, comunque un primo tempo a senso unico si chiude sul 19-0 Irlanda. Due numeri che a questo livello sono rari: l’Irlanda ha messo insieme il 77% di possesso e l’89% di territorio.

 

La Francia inizia il secondo tempo affacciandosi nei 22 irlandesi: respinta da un in avanti più mischia irlandese. Da una punizione per un grillotalpa di Vahaamahina su Murray nascono alcune cariche francesi sui 22, poi un grillotalpa di Peter O’Mahony.

La parentesi francese dura otto minuti, poi l’Irlanda torna a premere. Una gran azione alla mano destra-sinistra con calcio in avanti porta Ringrose a placcare Dupont nell’area di meta. Un malinteso nei cinque metri provoca un in avanti, sul quale la Francia spazza con la mischia, ma solo appena fuori dai 22. Poi un incrocio da manuale Stander-Earls apre in due la difesa francese e l’ala vola in meta per il punto di bonus. È il 58’ e a quel punto Schmidt toglie Sexton, Murray e Best (alla sua ultima partita casalinga del 6 Nazioni). Carty si presenta all’Aviva tagliando due volte perfettamente il campo col diagonale. Sulla seconda l’Irlanda va in mischia sui cinque metri (la rimessa laterale francese era storta). I verdi vincono la prima mischia, la seconda e la terza (giallo al francese Aldegheri) ma la Francia alla fine si salva.

Al 77’ l’orgoglio francese trova un varco nella difesa irlandese ormai rilassata: Huget schiaccia fra i pali la meta del 26-7 e a cronometro rosso

L’Irlanda ritrova furore agonistico e schemi offensivi, infliggendo alla Francia una dura lezione, tuttavia se gli irlandesi fossero stati più precisi sarebbe stata anche più dura.

 

Irlanda: 15 Jordan Larmour, 14 Keith Earls, 13 Garry Ringrose, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Jonathan Sexton, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Peter O’Mahony, 5 James Ryan, 4 Iain Henderson, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Niall Scannell, 17 Dave Kilcoyne, 18 John Ryan, 19 Ultan Dillane, 20 Jack Conan, 21 John Cooney, 22 Jack Carty, 23 Andrew Conway

Marcatori Irlanda

Mete: Rory Best (3′), Jonathan Sexton (30′), Jack Conan (37′), Keith Earls (57′)

Trasformazioni: Jonathan Sexton (4′, 31′, 58′)

Francia: 15 Thomas Ramos, 14 Damian Penaud, 13 Mathieu Bastareaud, 12 Gaël Fickou, 11 Yoann Huget, 10 Romain Ntamack, 9 Antoine Dupont, 8 Louis Picamoles, 7 Arthur Iturria, 6 Wenceslas Lauret, 5 Felix Lambey, 4 Sebastien Vahaamahina, 3 Demba Bamba, 2 Guilhem Guirado (c), 1 Jefferson Poirot
A disposizione: 16 Camille Chat, 17 Etienne Falgoux, 18 Dorian Aldegheri, 19 Paul Willemse, 20 Gregory Alldritt, 21 Baptiste Serin, 22 Anthony Belleau, 23 Maxime Medard

Marcatori Francia

Mete: Yoann Huget (76′), Arthur Iturria (80′)

Trasformazioni: Baptiste Serin (77′, 80′)

Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Perché Rory Best non canta mai gli inni irlandesi

Il capitano della nazionale irlandese, senza mancare d'ironia, ha spiegato il motivo per cui rimane sempre in silenzio

14 Agosto 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il Sei Nazioni è vicino ad un accordo da 500 milioni di sterline con CVC

la società d’investimento starebbe per acquisire una quota di minoranza (attorno al 15%)

13 Luglio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

“La retrocessione al Sei Nazioni? Per ora è impraticabile”

Lo dice Bill Sweeney, il nuovo CEO della federazione inglese, al debriefing stagionale a Twickenham

14 Giugno 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento