Zebre-Glasgow: le parole di Michael Bradley e Tommaso Castello a fine partita

Il coach irlandese rimarca le difficoltà nell’approccio alla partita. Il capitano dei ducali: “Serviva più aggressività”

zebre glasgow warriors 2019

ph. Luca Sighinolfi

Per le Zebre è stata forse la partita più deludente della stagione: 35 punti subiti in poco più di mezzora, bonus offensivo concesso dopo appena ventisei minuti e, a differenza del match contro Leinster a Viadana, nessuna reazione concreta. I ducali non subivano una sconfitta così pesante in casa dalla seconda giornata della scorsa stagione, quando gli Scarlets passarono a Parma 10-41, e sulla faccia di Michael Bradley in conferenza stampa si può leggere una certa frustrazione.

– Guarda anche: gli highlights di Zebre-Glasgow

“Nel primo tempo non abbiamo giocato bene, abbiamo fatto molti errori – ha esordito laconicamente l’irlandese – Glasgow ha sfruttato il momentum e ha giocato un bel rugby. Sono stati molto cinici, ci hanno messo sotto grande pressione; hanno segnato, ma abbiamo anche concesso mete facili. Gestire queste due cose è stato molto difficile per noi”. E il secondo tempo non può essere certamente una consolazione: “Meglio nella ripresa, ma per me la gara era finita. Non dobbiamo cominciare i match così. Era già successo contro Leinster, dobbiamo cambiare il nostro focus sull’inizio dei match”.

Contro i Warriors, visti gli infortuni e i giocatori a riposo per la nazionale, sono scesi in campo diversi giocatori poco impiegati durante il resto della stagione, come Tenga, Brown o i permit player (Matteo Nocera, classe 1999, ha fatto il suo esordio dalla panchina). “Roberto (Tenga) ha fatto bene in mischia e in difesa, portando avanti anche qualche pallone. È stato bello vedere Matteo (Nocera) giocare gli ultimi dieci minuti e fare tre mischie. Era felice. Su Bianchi siamo contenti del suo contributo. James Brown ha fatto bene contro Ulster e oggi (sabato) ha fatto una gara solida”.

In conferenza è poi intervenuto anche Tommaso Castello, a cui viene fatto notare il divario di aggressività e fisicità emerso nei confronti di Glasgow. “È stato un limite nostro aver subito il loro rugby. Abbiamo subito anche in altre occasioni l’aggressività avversaria: mi ha ricordato la partita contro i Kings alla prima giornata, in cui siamo riusciti a vincere lo stesso anche perché l’avversario era di qualità inferiore. Si è visto che per giocare a rugby a questo livello, oltre al talento, serve fisicità e aggressività”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre Rugby: Guglielmo Palazzani si allena con un amico…speciale

Il trequarti continua a lavorare per rimanere in forma, aiutato da un personal trainer inedito

1 Giugno 2020 Foto e video
item-thumbnail

Il XV “ideale” delle Zebre Rugby in otto anni di storia celtica

Una selezione fatta con i migliori giocatori multicolor nel torneo transnazionale: in campo tanti azzurri ma non solo

29 Maggio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

OnRugby relive: Zebre v Ulster, Pro14 2017/18

Alle 15.00 appuntamento con la storia dei ducali: a Parma arriva Ulster in formazione-tipo, lo spettacolo è garantito

24 Maggio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre, Biondi: “I giocatori saranno pronti a pieno regime per la fine di settembre”

Il preparatore atletico dei multicolor ha fatto il punto della situazione dopo la prima settimana di lavoro

23 Maggio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Maxime Mbandà “Ho provato sensazioni mai immaginate prima”

Il flanker delle Zebre e della Nazionale racconta la sua lunga esperienza con la Croce Gialla di Parma

21 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Zebre e Benetton: il punto sugli allenamenti del mese di maggio

Le due franchigie italiane proseguono nei loro programmi individualizzati

20 Maggio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby