Sei Nazioni, Italia-Galles i precedenti: la vittoria del 2007 firmata da Mauro Bergamasco

Un successo storico in una partita tiratissima risolta nel finale

Ph. Sebastiano Pessina

E’ il 10 marzo 2007, il sole splende alto su Roma e sullo stadio Flaminio che si prepara ad ospitare la quarta giornata del Sei Nazioni. Nell’impianto capitolino si sfidano Italia e Galles.
Gli azzurri di Berbizier dopo aver iniziato il torneo con due sconfitte, rispettivamente contro Francia e Inghilterra, hanno espugnato Edimburgo dominando e raccogliendo la prima vittoria esterna della storia; contro la Scozia per 17-37.
La sfida contro i Dragoni però, è diversa:  Troncon e soci partono ancora forte e grazie ai calci di Pez e alla meta di Robertson vanno al riposo sul 13-7, ma nella ripresa gli ospiti reagiscono. Rees, il tallonatore di quel Galles, marca subito pesante in apertura di secondo tempo mentre Hook dalla piazzola si conferma il solito “cecchino in serie” mandando i suoi sul 13-20. Sembra finita, eppure gli azzurri non mollano. Pez riporta l’Italia in linea di galleggiamento per il 16-20, che infiamma gli ultimi seicento secondi di gara. Il pubblico spinge la selezione del Bel Paese. A tre giri di lancette dal termine è ancora il mediano italo-argentino a rendersi protagonista: calcetto a scavalcare la linea, attimi di trepidazione, poi l’arrivo di un esplosivo Mauro Bergamasco che raccoglie l’ovale, brucia tutti sul tempo, e va in meta. Si va sul 23-20.
Manca pochissimo, ai “Rossi” viene concessa una punizione in attacco che varrebbe il pareggio, ma i gallesi rifiutano l’idea del nuovo equilibrio volendo andare in touche per vincere. Il calcio va verso la rimessa laterale. Ci si prepara alla contesa aerea, quando il direttore di gara però richiamato all’auricolare decide di decretare la fine, fra l’incredulità generale e la gioia italiana per la seconda affermazione consecutiva di quell’edizione.

 

 

ITALIA-GALLES 23-20 (13-7)
GALLES: K. Morgan; M. Jones, Shanklin, Hook, S. Williams; S. Jones (28′ p.t. G. Williams, 1′ s.t. S. Jones, 34′ G. Thomas)), Peel; R. Jones (30′ s.t. J. Thomas), M. Williams, Popham; A. Jones, Gough; Horsman (16′ s.t. A. Jones), Rees (37′ s.t. R. Thomas), Gethin Jenkins (21′ s.t. D. Jones). All. Gareth Jenkins.
ITALIA: De Marigny; Robertson, Canale (21′ p.t. Zaffiri), Mirco Bergamasco, Pratichetti; Pez, Troncon; Parisse, Mauro Bergamasco, Zanni (22′ s.t. Bernabò, 29′ Zanni); Bortolami, Dellapè; Nieto (18′ s.t. Staibano), Festuccia, Lo Cicero (18′ s.t. Perugini). All. Berbizier.
MARCATORI: p.t. 12′ e 19′ c.p. Pez, 26′ m. S. Williams tr. S. Jones, 36′ m. Robertson tr. Pez ; s.t. 3′ c.p. Hook, 5′ m. Rees tr. Hook, 14′ c.p. Hook, 32′ c.p. Pez, 37′ m. Mauro Bergamasco tr. Pez,.
ARBITRO: White (Inghilterra).
NOTE: spettatori 25.115. Colpi duri: Horsman, Canale, Peel, S. Jones, Troncon, Gough, R. Jones, Zanni, Parisse, Rees.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Borsino azzurro dopo Italia-Scozia

Come sono le quotazioni dei singoli azzurri, in vista dell'Irlanda?

25 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia, i convocati per l’Irlanda

Franco Smith ha selezionato 30 atleti per il raduno romano

25 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Italia: il bollettino medico post Scozia

Gli aggiornamenti sugli infortuni di Marco Riccioni e Marco Lazzaroni

23 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: le parole degli Azzurri dopo Italia-Scozia

Le dichiarazioni del CT e del capitano della Nazionale Italiana Rugby post partita Italia-Scozia del 6 Nazioni 2020

22 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia, tanta voglia di vittoria con la Scozia

Kick-off alle 15.15, diretta tv DMAX, streaming anche su OnRugby

22 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Luca Bigi: “Vogliamo essere dominanti nelle fasi statiche”

Il capitano azzurro ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Scozia

21 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale