Centri di formazione: oltre 100 Under 18 in ritiro a Calvisano il prossimo weekend

i giovani di maggior interesse nazionale potranno così lavorare insieme, confrontarsi e competere tra loro

COMMENTI DEI LETTORI
  1. LiukMarc 7 Febbraio 2019, 09:09

    Bella iniziativa, certo da capire perchè a Calvisano quando lo stesso Aboud ha l’ufficio alla cittadella di Parma (stadio anche più bello del San Michele)

    • mamo 7 Febbraio 2019, 09:36

      Buongiorno LiukMarc,
      in realtà ci sono precedenti illustri. Donde, parmense, ha spostato il fulcro del rugby italiano da Tirrenia a Parma, Gavazzi, calvino, ha spostato l’Accademia da Parma a Remedello ma le partite si giocano a Calvisano.
      Calvisio caput mundi e non c’è da meravigliarsi ma credo si possa esser liberi di scandalizzarsi (anche se c’è il rischio di esser tacciati di vivere nel mondo dei puffi).

      • LiukMarc 7 Febbraio 2019, 09:50

        Ciao mamo, si ero volutamente (subdolamente) sarcastico 🙂
        La cosa mi lascia sempre un po’ cosi, almeno fossero chiari e limpidi a riguardo, tanto tutti l’hanno capito che il presidente di turno fa un po’ quello che vuole con le sedi federali, quasi volesse fare meno strada

    • Camoto 7 Febbraio 2019, 14:55

      Costano meno gli alloggi 🙂

  2. carpediem 7 Febbraio 2019, 10:46

    cara Redazione, uno sforzo se potete fornire cognomi, soc.appartenenza e, se volete distinguervi , il ruolo.
    e come i “veri” : grazie in anticipo!

  3. Parvus 7 Febbraio 2019, 11:43

    bellissima e interessantissima notizia.
    speriamo che il lavoro sia proficuo…….., se no a breve avremo 15-17 equiparati….., cosa da non scandalizzarsi vista l’inghilterra e francia attualle.., ma se vogliamo fare un salto di qualità dovremmo avere almeno i nostrani forti, veramente forti.

    poi mi unisco allunisono a liuk e a mamo…., sulle questioni federali.

    • paris gino 7 Febbraio 2019, 20:14

      Buona sera a tutti. Scusatemi se ci sono qualche sbavature nel mio italiano o se mi manca qualche accento sulla tastiera… Vorrei precisare solo per informazione e magari anche per dare lo spunto ad una riflessione… Se si tratta dei 23 nazionali francesi dell’ultima partita col Galles, solo due sono equiparati (Atonio e Willemse)… Uno è nato in Camerun (Dany Priso che pero è arrivato in Francia a 11 anni)… Tutti gli altri sono nati sul territorio francese (anche Sébastien Vahaamahina nato a Noumea) e sono stati formati (cosi come Priso) dal sistema francese. In conclusione, si puo dibattere sul tema, ma meglio se fatto con i dati giusti.

  4. alessio76 7 Febbraio 2019, 15:28

    Buon giorno, mi dispiace deludere le attese ma il metodo di selezione predominante è sempre e solo quello: “statura”. Personalmente in questi anni ho un po’ bazzicato in queste selezioni e non è un mistero che è in aumento chi decide di rinunciare per stare nel club.

Lascia un commento

item-thumbnail

Italia: il ritorno di Pietro Ceccarelli

Abbiamo intervistato il pilone di Edimburgo, che, rinvigorito dalla cura-Cockerill, è pronto a guadagnarsi spazio al Sei Nazioni

20 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: Antonio Rizzi si aggiunge al gruppo azzurro

Entra nello staff come consulente dei calci e delle skills anche Albert Keuris

19 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Giovanni Poggiali è il candidato alle elezioni federali per Pronti al Cambiamento

L'assemblea dei soci di PalC ha scelto il proprio candidato e stilato un manifesto con capisaldi etici e politici

19 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Italia, al via il raduno di Roma: i convocati per il Sei Nazioni 2020

Gli azzurri debutteranno nel torneo sabato 1 febbraio, al Principality Stadium di Cardiff

19 Gennaio 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Under 20, i convocati dell’Italia

Fabio Roselli ha selezionato 24 atleti per le prime due sfide del torneo