Charles Piutau e un’altra, diversa sfaccettatura dei problemi di eleggibilità

L’estremo dei Bristol Bears non parteciperà alla RWC, alla quale mirava di figurare con la maglia di Tonga

Charles Piutau barbarians

ph. Action Images/Peter Cziborra

Charles Piutau non parteciperà alla Rugby World Cup 2019, dopo che la sua presenza alla precedente rassegna iridata con la maglia degli All Blacks era stata minata dall’annuncio della sua partenza per i dorati lidi della Premiership, dove avrebbe vestito la maglia dei Wasps.

Le 17 presenze, con 4 mete, ottenute con la maglia dei tuttineri fra il 2013 e il 2015 rimangono l’unica testimonianza del transito dai palcoscenici internazionali di un giocatore dalle doti indubbie, testimoniate anche dal fatto che i Bristol Bears, squadra in cui milita da quest’anno, abbia deciso di renderlo il giocatore con lo stipendio più alto della Premiership, che si attesta intorno al milione di sterline annuo.

Trequarti versatile e potente, Piutau sperava di raggiungere il fratello Siale fra le fila della nazionale tongana in vista della prossima coppa del mondo. Nato a Auckland da una famiglia tongana, Piutau ha rispettato la regola di World Rugby che impone tre anni di assenza dalle scene internazionali per poter cambiare la propria eleggibilità, ma non basta.

Il cambio di eleggibilità può infatti avvenire se il giocatore rappresentasse la nuova nazionale (Tonga, in questo caso) a una competizione Sevens valida come qualificazione per le prossime Olimpiadi. E World Rugby ha appena posticipato tale tipo di competizione dopo i prossimi mondiali nipponici.

“Stavamo cercando di capire la situazione di un gruppo di giocatori, non solo Charles, che erano sulla stessa barca, per vedere se potessero qualificarsi per noi prima della Rugby World Cup, ma non potremo andare avanti” ha dichiarato il coach della nazionale tongana Toutai Kefu.

La questione dell’eleggibilità è particolarmente pruriginosa per World Rugby, con tante regole diverse e un po’ confuse che rischiano di minare la credibilità dell’intero procedimento. Da una parte si cerca di conciliare la possibilità di crescita delle nazionali minori concedendogli di utilizzare giocatori che hanno già giocato per altre nazionali, dall’altra si cerca di ovviare al fenomeno di cambi di casacca troppo frequenti, e magari interessati da valutazioni più economiche che di appartenenza.

“Credo che i tre anni di assenza [dalle scene internazionali] siano abbastanza. Non penso che qui ci siano problemi di integrità – ha commentato ancora Kefu, che a livello internazionale ha rappresentato l’Australia – Poi ci sono squadre come il Giappone, dove metà della rosa è tongana, e cominci a pensare che forse dei problemi di integrità siano presenti in quello scenario.”

Secondo le voci, infatti, i nipponici sarebbero un’altra squadra alla finestra per utilizzare il torneo Sevens per vincolare nuovi giocatori alla propria nazionale.

Dopo il caos delle qualificazioni mondiali che ha portato la Russia alla qualificazione e la Germania al torneo di ripescaggio in vece di Spagna, Romania e Belgio, penalizzate per ragioni di eleggibilità dei propri giocatori, un altro aspetto sul quale è necessario l’intervento della federazione internazionale per fermare una vera e propria giungla normativa e una speculazione che mina la costruzione di un percorso formativo interno ai vari paesi che mirano a far crescere il proprio movimento ovale.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il nuovo ranking mondiale con il Galles al comando

I Dragoni sono la quarta squadra nella storia ad andare in vetta alla classifica. La Francia ha scavalcato la Scozia

18 agosto 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Ranking mondiale: cosa può accadere nel weekend

Indipendentemente dal risultato della Bledisloe Cup, il primo posto potrebbe andare al Galles o all'Inghilterra

16 agosto 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Francia: Geoffrey Doumayrou salterà la Rugby World Cup

Il centro della nazionale francese si è infortunato al tendine d'Achille e non potrà andare in Giappone

16 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: i 31 convocati delle Fiji

John McKee ha scelto i nomi per il Mondiale giapponese, guidati da capitan Waqaniburotu

16 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Il Sudafrica ha perso un pezzo del suo staff tecnico

Swys de Bruin, tecnico dell'attacco, ha lasciato il suo incarico per ragioni "personali e di salute"

14 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup – The History. Il videoracconto dell’edizione 2011 in Nuova Zelanda

Settima puntata del documentario prodotto da OnRugby sulla Webb Ellis Cup raccontata dalla voce dei protagonisti

14 agosto 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
  1. Mich 4 dicembre 2018, 12:11

    Mi dispiace tanto per il giocatore, ma questa storia della elegibilità già mi stanca da anni.

    • And 5 dicembre 2018, 12:16

      stancati quanto vuoi, ma senza eleggibili non saremmo nel 6N. Infatti finiti gli oriundi (Dominguez, Parisse, Castrogiovanni…devo continuare?) siamo tornati dove ci compete…attorno al 15° posto. La nostra mischia e scarsa e i nostri migliori 3/4 alla Benvenuti e Campagnaro si segnalano x perdere il pallone a contatto (ho visto le loro ultimissime 2 partite). Fai te.

      • Mich 5 dicembre 2018, 12:55

        Faccio io.
        Credi che uno straniero possa essere la risposta alla nostra condizione?
        Quindi secondo te una squadra, benchè nazionale, può diventare una superfranchigia multinazionale puchè si stia al 6N (a prendere calci in ogni caso, tanto vale far giocare i “nostri”) a discapito del movimento nazionale, indipendentemente dal livello espresso.
        Che senso ha, ti chiedo, fare qualche risultatuccio in più con una squadra nazionale che di nazionale ha ben poco? Correre ai ripari (stranieri) per strappare qualche misero risultato è una visione miope.
        Al movimento serve altro, non idoli esotici a tempo determinato, ma sostegno costante dal basso, fiducia nostrana a lungo termine e tradizione costruita nel tempo e con pazienza.

  2. xnebiax 4 dicembre 2018, 13:44

    È un gran peccato, avrei volentieri visto Piutau al mondiale.

  3. lexv 4 dicembre 2018, 16:38

    A me il fatto che si possa giocare con una rappresentativa nazionale A se hai già giocato con la rappresentativa nazionale del paese B pare assurda!

    • Mich 5 dicembre 2018, 13:01

      Concordo in pieno, ribadendo che già a monte bisogna identificare a mio avviso CHI può giocare DOVE.
      Le nazionali non sono franchigie, come molti qui continuano a credere. Non puoi cambiare casacca nazionale a seconda della reciproca convenienza. O esprimi il gioco e la tradizione della nazionale A (per nascita o formazione che sia), come tu la indichi, oppure sei fuori. Già il semplice fatto di poter essere equiparati per regolamento lo trovo assurdo, al di là delle intenzioni che pure rilevao nobili. Ma la risposta non può essere mercificare anche l’espressione nazionale di uno sport.
      Chi vuole risultati e li vuole subito ad ogni costo non ha capito il senso dello sport in genere, e non solo del rugby, che sia il praticante lo sport o il tifoso seduto sul divano.

Lascia un commento