Joe Schmidt non allenerà più l’Irlanda dopo la Rugby World Cup 2019

Il suo posto verrà preso da Andy Farrell, attuale allenatore della difesa. Il neozelandese smetterà di allenare

joe schmidt

ph. Sebastiano Pessina

Joe Schmidt ha annunciato che non allenerà più l’Irlanda dopo la Coppa del Mondo 2019 in Giappone. Il suo posto verrà preso da Andy Farrell, attuale coach della difesa in nazionale. Il CT aveva dichiarato tempo fa che nella sua scelta di restare o meno in Irlanda avrebbe tenuto in considerazione soprattutto la sua famiglia: “Voglio avere gli impegni familiari come priorità dopo i Mondiali. Penso che il rugby irlandese sia in buone mani. I dirigenti e i giocatori hanno fatto un lavoro incredibile e il supporto che abbiamo avuto in ogni momento è stato edificante”. Nel comunicato, Schmidt ha dichiarato che non allenerà più dopo la Coppa del Mondo.

“Voglio ringraziare la Federazione per il sostegno e la pazienza […] Ci sono ancora delle sfide da affrontare nei prossimi undici mesi che mi motivano a lavorare ancor più duramente al fianco dello staff, per rendere questa squadra la più competitiva possibile”.

L’impatto di Schmidt

Il 53enne era stato scelto come CT della nazionale irlandese al termine di un negativo Sei Nazioni 2013, sfiorando subito la vittoria contro gli All Blacks otto mesi più tardi durante i Test Match di novembre. Con il neozelandese alla guida, i Verdi hanno trionfato nei Sei Nazioni 2014 e 2015, battuto due volte gli All Blacks nel 2016 e nel 2018 (non ci erano riusciti per oltre un secolo), vinto l’ultimo Sei Nazioni con il Grande Slam e vinto una serie di Test Match in Australia per la prima volta. Fino a qui, ha guidato l’Irlanda in 62 partite ottenendo il 72% di vittorie. Domenica sera, a Montecarlo, è stato eletto miglior allenatore del 2018 e la nazionale da lui allenata è stata riconosciuta come la migliore dell’anno.

“Il conributo di Joe al rugby irlandese è più grande dei successi raggiunti con la nazionale – ha dichiarato il Performance Director della Federazione, David Nucifora – Ha avuto un’influenza positiva sull’intero sistema professionistico con la sua intelligenza rugbistica e nelle sue capacità di sviluppare giocatori e allenatori in tutto il Paese Parlando con lui, si avverte come questa sia una decisione difficile per lui, conoscendo quanto gli piaccia lavorare con questo gruppo di persone. Ma è una decisione che Joe, Kelly (la moglie, ndr) e i bambini hanno preso come una famiglia e va rispettata”.

Con il suo lavoro, Joe Schmidt ha reso l’Irlanda la squadra più organizzata e strutturata al mondo in campo, forse anche più degli All Blacks. La minuzia con cui il neozelandese ha dimostrato di preparare ogni singola partita è riconosciuta a livello mondiale, al pari delle abilità nel creare un playbook di schemi offensivi vasto e ricco di particolari, in cui rientra per esempio la giocata che ha portato alla meta decisiva di Stockdale contro gli All Blacks a Dublino.

Il testimone a Andy Farrell

Classe 1975, per Farrell (padre del nazionale inglese Owen) sarà la prima esperienza da capo allenatore in carriera. Prima di diventare assistant coach di Joe Schmidt, l’ex giocatore di rugby league aveva fatto parte dello staff dei Saracens (2009-2012) e dell’Inghilterra di Stuart Lancaster (2011-2015).

Ha allenato la difesa dei British & Irish Lions nei tour del 2013 e del 2017 in Australia e Nuova Zelanda, al fianco di Warren Gatland.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni, Scozia: Huw Jones sarà assente per il resto del torneo. Da verificare invece le condizioni di Hogg

Finito il torneo per il numero 13 di Townsend, mentre sull'estremo c'è ancora incertezza

15 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019, Inghilterra: Eddie Jones sceglie i 25 per la sfida al Galles

Rientra Ben Te'o, mentre Itoje e Dylan Hartley rimangono indisponibili. Fra i convocati c'è anche Ollie Devoto

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Francia, le parole di Laporte: “Brunel? E’ l’uomo con cui continueremo a lavorare”

Il presidente federale si è espresso sulla questione riguardante la nazionale analizzando anche il resto del movimento francese

14 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Mako Vunipola salterà il resto del torneo

Il pilone inglese dovrà stare fermo per 10 settimane a causa di un problema alla caviglia

13 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il Galles può recuperare Halfpenny e Faletau in vista della sfida all’Inghilterra

L'estremo e il terza linea stanno decisamente meglio e non è escluso un loro impiego nella prossimo turno del torneo

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Francia: la situazione è molto confusa. I giocatori sono pronti ad un ammutinamento

La sconfitta contro l'Inghilterra potrebbe aver scoperchiato un Vaso di Pandora molto dannoso per il rugby transalpino

12 febbraio 2019 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni