Benetton Rugby, Bortolami: “Abbiamo posto l’asticella in alto, l’obiettivo è arrivare al livello del Leinster”

Dopo la sconfitta, la naturale delusione dei protagonisti, pur consapevoli di aver sfidato una corazzata e pronti a ripartire verso il prossimo incontro

COMMENTI DEI LETTORI
  1. tony 28 Ottobre 2018, 08:25

    Il rugby ti presenta una rampa con dei scalini, noi stiamo scalando questa rampa , ora siamo a metà del percorso , a livello performance atletico /fisiche siamo al 90%, a livello tecnico dobbiamo fare le cose con più qualità anche se un importante percorso è stato fatto, ci mancano gli ultimi gradini , ma credo non ci siano preclusi essendo la parte più consistente e centrale della rosa attorno ai 24 anni , c’è da dire che sono anche i gradini più difficili perchè sono quelli che ti portano verso l’eccellenza, importante che nella testa di ciascuno ci sia quell’obbiettivo.

    • aldo68 28 Ottobre 2018, 09:21

      Mi associo. La squadra e i ragazzi hanno fatto un grande passo in avanti, sia fisico che mentale. Non vedo più il classico buco del 60’ che in passato caratterizzava le squadre Italiane e un c’è invece un’idea di gioco più precisa. Occorre lavorare su questa strada e i risultati arriveranno. Bravi tutti!

  2. bangkok 28 Ottobre 2018, 10:33

    Tutto bello e tutto giusto??
    Secondo me sono belle parole e intenti ottimi, ma per arrivare al livello del Leinster uno degli step fondamentali è definire in maniera precisa quali sono nel breve-medio e lungo periodo gli obbiettivi e quindi quali le “partite da non sbagliare”.
    Ed in questo, mi spiace ripeterlo, società e staff nelle ultime settimane hanno sbagliato alla grande.
    Società e staff NON giocatori che anche ieri con i tanti giovani fortissimi hanno dato il massimo.

    • Giambo 28 Ottobre 2018, 12:46

      Tolta la partita di Agen, dove comunque hanno giocato la mediana e i trequarti titolari (tolto Hayward), quali sarebbero le partite sbagliate? Quella di Edimburgo dove Tolone si è preso 40 punti?

    • cammy 28 Ottobre 2018, 18:29

      Se dici di ambire ai play off x la champions e quarti di Challenge.. le partite dove far risultato sono quelle contro Edimburgo e Agen.. sono andate male.. c’è la possibilità di rifarsi contro Ulster e Grenoble fuori casa.. certo al momento le cose si sono complicate un pochino..

  3. gian 28 Ottobre 2018, 10:40

    penso che la delusione sia data dal fatto che si pensasse che la squadra B (nel senso di quella senza, o quasi, internazionali) potesse contrastare un po’ meglio, soprattutto nelle fasi statiche, gli avversari, qualsiasi altro risultato atteso diverso da una sconfitta, era pura utopia.
    bene si è fatta esperienza (e comunque loro sono venuti con una squadretta niente male, non certo con le riserve), spero si sia capito quali sono le criticità, adesso bisogna lavorarci sopra perché comincia la via crucis della nazionale e, non solo noi italici, bisognerà rendere al massimo con la profondità di rosa e non saranno più test (cosa che questa partita, a mio modo di vedere, è stata)

  4. mic.vit 28 Ottobre 2018, 11:17

    la partita di ieri è un passo indietro verso l’obiettivo di crescita…sbagliate più touche in questa partita che in tutte le sfide precedenti…errori di handling banali, vero che il campo era pesante…ma lo è stato anche contro i kings solo che lì le fasi statiche hanno funzionato alla grande…ripartire da questi fondamentali per poi riprendere il percorso di crescita

    • Giambo 28 Ottobre 2018, 12:47

      Dimentichi che in campo ci vanno anche gli avversari. Consoderato che Leinster aveva il pack titolare in campo, come ci si poteva aspettare una prestazione diversa?

      • mic.vit 28 Ottobre 2018, 13:40

        credo che con meno errori di esecuzione avremmo potuto sperare in un punteggio più stretto…poi è indubbio che con la prima della classe la sfida era complicata…

  5. Diesel83 28 Ottobre 2018, 14:11

    Quella che ha giocato ieri è la Benetton del futuro. Persa per persa Crowley e Company hanno dato a dei ’93 l’occasione di confrontarsi con uno dei top team europei e dato modo di misurare le distanze con i rispettivi pari ruolo. Trovo ottuso criticarli.

  6. onit52 29 Ottobre 2018, 11:46

    Già in altre occasioni Bortolami è stato lodato perché parla” bene” ed è chiaro, questo è certo.
    Ma essere un po’ dubbiosi con lui immagino che sia possibile, sopratutto qui.
    Che fosse una squadra giovane e sperimentale in qualche modo non era necessario altro chiarimento ….ma davanti all’evidenza di avere segnato in negativo ( fino ad ora) la situazione , mi avrebbe piaciuto ( sono di chiedere troppo) una motivazione e/o spiegazione delle scelte ultime.
    Treviso aveva fin da inizio torneo attuato un tour over atto a preservare i giocatori primo per loro poi per un impiego anche in nazionale.
    Paragonando quanto fatto da Treviso rispetto alle zebre mi viene da dire che qualcuno non ha mantenuto patti ( rispetto propisiti dichiarati e/ o ventilati come comportamento in ottica nazionale).
    Poi avere l’ obiettivo di arrivare come loro ( gli irlandesi), lo auguro ma sarà sempre e comunque per gli anni avvenire ( forse), il presente è come il tempo atmosferico di oggi: grigio cupo.

Lascia un commento

item-thumbnail

Benetton Rugby: il bollettino medico su Federico Zani

Grave infortunio per il prima linea che dovrà osservare un lungo periodo di stop

12 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Marco Lazzaroni: “Giocherei anche pilone se servisse”

Il seconda linea friulano fa il punto della situazione a dieci giorni dal ritorno in campo. "Solo con il lavoro possiamo crescere"

11 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: Quasi fatto l’accordo con la FIR per il rinnovo della licenza Pro14

Amerino Zatta conferma che le trattative con la Federazione sono a buon punto e si aspetta di vedere i Leoni nel Pro14 fino al 2025

10 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Tommaso Allan: “Voglio essere un riferimento”

Il numero 10 dei leoni e della Nazionale inquadra il suo momento in vista del ritorno in campo nel Pro14

8 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: Irné Herbst non vede l’ora di tornare in campo

Il roccioso sudafricano è tornato ad allenarsi con i compagni dopo mesi in Sudafrica. Queste le sue sensazioni in vista della ripresa

6 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton, Federico Zani: “Voglio che la mia duttilità sia un plus per la squadra”

Il ruolo dell'azzurro emiliano avrà ancor più importanza nella rosa dei Leoni, dopo le notizie sul fronte infortunati

4 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby