Marzio Innocenti ha lasciato Pronti al Cambiamento

Innocenti era il leader del principale movimento di opposizione politica ovale. La decisione presa durante l’ultima assemblea

ph. Sebastiano Pessina

Marzio Innocenti non è più il leader di Pronti al Cambiamento, che aveva rappresentato alle elezioni federali del 2016 e principale movimento di opposizione nella politica ovale italiana. L’annuncio è arrivato al termine di un’assemblea straordinaria, tenutasi a Bologna sabato 8 settembre, con un comunicato stampa:

“Nel corso del dibattito, Marzio Innocenti ha dichiarato le proprie irrevocabili dimissioni dall’Associazione, dichiarando a qualunque titolo conclusa la sua esperienza al suo interno – si legge nella nota diffusa da Pronti al Cambiamento – L’assemblea ha preso dolorosamente atto della decisione personale di Innocenti, proseguendo la discussione fino alla votazione finale con la quale Pronti al Cambiamento ha determinato di non definire con così largo anticipo il proprio candidato ma di lavorare per costruire, insieme a tutti coloro che desiderano un reale cambiamento della gestione politica del rugby italiano, un programma ed una candidatura vincente e credibile”.

Domenica sera, però, il presidente del Comitato Veneto ha pubblicato un post su Facebook in cui dice di non aver comunicato la sua uscita dal movimento all’inizio dell’assemblea, ma “dopo più di due ore di discussione sulla proposta di Roman di distinguere la posizione di Leader, che mi veniva riconosciuta, da quella di candidato alle prossime elezioni che poteva essere un altro”, scrive Innocenti.

“Alla mia richiesta di conoscere chi fosse questa alternativa si è risposto che non c’era e che si sarebbe cercato. Ho fatto presente che questo è il modo migliore per perdere e che non potevo accettare una scelta politica così nefanda – ha continuato Innocenti – Visto che si voleva una conta ho capito che Pronti al Cambiamento diviso in due era morto e che chiunque avesse vinto avrebbe avuto solo rovine. A quel punto non ho accettato di mantenere in vita un paziente ormai morto come evidentemente la ipocrisia democristiana suggeriva ed ho staccato la spina”.

Alle ultime elezioni federali del 2016, vinte dall’attuale presidente Alfredo Gavazzi, Marzio Innocenti aveva ottenuto 30.566, pari al 44,65%.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Consiglio federale: i contributi alle società del massimo campionato

E su come considerare conclusi o meno i campionati se ci dovesse essere una nuova interruzione nel 2020/2021

17 Settembre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il protocollo FIR per l’attività agonistica nazionale

Le disposizioni federali relative alla ripartenza: ci sarà un contributo per i test medici

15 Settembre 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Consiglio federale: approvato il bilancio consuntivo 2019. Termine iscrizioni ai campionati il 22 agosto

Approvata anche la prima nota di variazione del bilancio preventivo 2020

1 Agosto 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il nuovo percorso formativo degli atleti di interesse nazionale

Cosa cambia dopo quanto emerso dal Consiglio Federale di venerdì scorso?

25 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

I ragazzi invitati in Accademia Nazionale: ruolo ed età – trequarti

Uno sguardo alla linea arretrata guidata da coach Mattia Dolcetto

21 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

I ragazzi invitati in Accademia Nazionale: ruolo ed età – avanti

Uno sguardo alla rosa a disposizione di Mattia Dolcetto

21 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale