Inghilterra: Eddie Jones non chiude la porta in faccia né a Cipriani né a Ashton

Il tecnico della nazionale non sembra così sicuro di volersi privare delle prestazioni dei due trequarti

ph. Sebastiano Pessina

Nel bene o nel male alla fine si passa sempre e comunque dalle scelte di Eddie Jones. Una constatazione con cui il rugby d’Oltremanica ha dovuto saper fare i conti in questi anni e che si appresta a vivere nuovamente nella decisione del ct circa il “Caso Cipriani”.
Dopo l’arresto e la querelle che ne è seguito, il nome del trequarti è stato nominato un po’ da tutti in Inghilterra con l’opinione pubblica e gli addetti ai lavori che accusavano o difendevano il giocatore in forza al Gloucester a seconda delle situazioni.
Ora però a parlare è stato Eddie Jones, che si è così espresso circa una possibilità di continuare a vedere Cipriani con la maglia della Rappresentativa della Rosa: “Con Danny e il suo club abbiamo avuto una bella chiacchierata – esordisce nella sua intervista con i media britannici – lo giudicheremo per quello che farà sul campo. Volete sapere se ha ricevuto da me un ultimo avvertimento? Non proprio, ma come ogni giocatore si deve disciplinare. Il tempo che intercorre fra una sessione di allenamento e l’altra deve essere speso meglio”.

Una possibile assoluzione emerge quindi dalle parole del tecnico, a patto che il rendimento rimanga di alto livello. Stessa condotta riconducibile anche alla decisione su Chris Ashton: “Stiamo osservando ciò che sta facendo in allenamento. Abbiamo mandato uno dei nostri collaboratori, negli ultimi due giorni, a lavorare con lui. Aspetteremo e vedremo – continua parlando del rendimento dell’utility back – ha una grande attitudine, è eccezionale, vuole migliorare e lavorare sodo: è un buon elemento. Non avrebbe potuto fare di più per impressionarci. “

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Italia: Ghiraldini operato, comincia la corsa alla Rugby World Cup

Il tallonatore azzurro si è sottoposto all'operazione a Roma e proseguirà la riabilitazione a Tolosa

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: cosa ci dicono i numeri di fine torneo

Il Galles bada al sodo, puntando sulla propria grande difesa. Tra i singoli spicca Braam Steyn nelle statistiche individuali

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: Alun Wyn Jones vince il premio come miglior giocatore del torneo

Il capitano del Dragoni diventa il quinto gallese ad ottenere questo riconoscimento

item-thumbnail

Le avventure di Russellberry Finn

Sabato abbiamo visto di cosa può essere capace la Scozia quando il suo 10 è in stato di grazia

item-thumbnail

Sei Nazioni : il calendario e gli orari delle edizioni 2020 e 2021

L'Italia aprirà la sua avventura post Mondiale contro il Galles, a Cardiff, l'1 febbraio 2020

item-thumbnail

Sei Nazioni 2019: il XV del Torneo secondo OnRugby

Abbiamo provato a scegliere i migliori di questa edizione del Torneo

  1. mic.vit 6 settembre 2018, 14:48

    Jones è quello studente che ad un mese dall’esame ha tutto chiaro…una settimana prima ha mille dubbi…
    ha tanti campioni ma il lavoro principale da fare è nelle loro teste, chissà se tenerli sulle spine sia la chiave giusta…

Lascia un commento