Rugby World Cup 2019: la Germania lotta, Samoa vince ancora e vola in Giappone

Gli isolani passano nel finale (42-28) e prenotano un posto nel girone A del mondiale nipponico

La pesantissima vittoria samoana, nella gara d’andata ad Apia (66-15 il punteggio) dello spareggio mondiale con la Germania, aveva di fatto già decretato la quinta ed ultima squadra del girone A, alla prossima Rugby World Cup 2019. Mancava solo l’ufficialità, che è arrivata questo pomeriggio ad Heidelberg, dove è andata in scena un frizzante incontro di ritorno tra i teutonici di Lemoine e gli isolani.

Nel nord del Baden-Wurttemberg, senza una vera e propria posta in palio concreta, la partita si è rivelata decisamente piacevole, pur con qualche errore di troppo da ambo i lati, con continui colpi di scena e sorpassi al comando del match. L’avvio è di marca oceanica, ma la reazione locale è notevole e consente ai padroni di casa, decisamente meno in difficoltà contro la fisicità ospite rispetto a due settimane fa in tutti i settori del gioco, è veemente e consente ai tedeschi di terminare la prima frazione sul 15-14 grazie al piazzato in chiusura di tempo di Hilsenbeck.

Nella ripresa, il canovaccio del match non cambia, e la Germania riesce addirittura ad allungare, entrando nell’ultimo quarto d’ora di gioco con 7 lunghezze di vantaggio (28-21), prima, però, di sciogliersi di fronte alla maggiore consistenza ospite sul lungo periodo. Negli ultimi dieci minuti, infatti, arrivano addirittura tre marcature pesanti (tutte convertite) per Samoa, con corse efficaci e più che discreta qualità nell’allargare la difesa avversaria, trovando facilmente il buco decisivo.

Una vittoria che proietta, dunque, alla fase finale del torneo Samoa, mandando al ripescaggio il team di Lemoine, che ha ancora una chance per potersi qualificare alla kermesse giapponese, ma dovrà superare la concorrenza agguerritissima di Hong Kong, Canada e “Africa 2”, la seconda piazzata al termine del Gold Cup africana. Chi riuscirà a vincere il torneino di scena a Marsiglia troverà un posticino nel girone B del mondiale, quello dell’Italia.

Germania: 1 Nostatd, 2 Fairhurst, 3 Fuchsel, 4 Marcs, 5 Vollenkemper, 6 Ferreira, 7 Otto, 8 Els, 9 Armstrong (c), 10 Schulte, 11 Coetzee, 12 Parkinson, 13 Docau, 14 Pyrasch, 15 Hilsenbeck;
A disposizione: 16 Tyumenev, 17 Dyckhoff, 18 Schroder, 19 Schosser, 20 Henn, 21 Menzel, 22 Klewinghaus, 23 Wehrspann;

mete: Fuchsel, Els, meta tecnica
conversioni: Parkinson, Hilsenbeck
punizioni: Hilsenbeck (2), Coetzee

Samoa: 1 Mulipola, 2 Matu’u, 3 Alo-Emile, 4 Tekori, 5 Nansen, 6 Vui (c), 7 Lam, 8 Treviranus, 9 Matavo, 10 Faapale, 11 Sinoti, 12 Pisi, 13 Perez, 14 Fidow, 15 Tuala;
A disposizione: 16 Lam, 17 Lay, 18 Afatia, 19 Luamanu, 20 Ioane, 21 Tino, 22 Iona, 23 Alofa;

mete: Fidow (2), Matavo (2), Tuala (2)
conversioni: Tuala (6)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019