Grand Prix Seven: l’Italia sconfigge la Svezia (31-14) ma è fuori dai quarti

Gli azzurri passano 31 a 14 ma sono costretti al tabellone dal nono al dodicesimo posto

COMMENTI DEI LETTORI
  1. gattonero 7 Luglio 2018, 15:38

    che pettinata anche dall’irlanda…
    non ho capito il senso di convocare lazzaroni.

  2. QueoCeo 7 Luglio 2018, 15:38

    Masochisticamente da tempo seguo il rugby a sette. Giochiamo in modo imbarazzante. E’ talmente chiaro che i giocatori non sanno cosa fare con la palla in mano che mi domando perchè accettino di essere convocati per scendere in campo facendo la figura dei polli. Quando abbiamo il possesso approcciamo l’avversario come nel XV, i passaggi spostano indietro la palla di 10/20 metri e quando li proviamo a fare in linea ci intercettano…
    L’unico che prova a giocare davvero a sette è Ambrosini.
    Dopo anni di figuracce Vilk va sempre bene?

    • nederlandia 8 Luglio 2018, 09:00

      Credo che nella prima tappa le squadre che giocano le world series non schierino i migliori visto che quel torneo è ancora nel vivo, da lì la buona classifica dell’Italia.
      Altra mia curiosita’ e’ capire come le altre nazioni, specie le tier 2, formano i loro giocatori: come mai nazioni, quali Germania, Russia e Spagna, di tradizione e movimento largamente inferiori al nostro ci bastonano nel sevens? Pescano da altri sport? Perche’ noi non lo facciamo? Redazione sarebbe interessante approfondire anche alla luce dei piani (se esistono) della nuova academia sevens. Saluti

      • Obelix-it 9 Luglio 2018, 17:08

        Perche’ prendono giocatori il cui gioco e’ adatto al Sevens (linee di corsa, intervalli, velocita’, riciclo) mentre noi prendiamo dall’eccellenza dove, a dir poco, queste doti latitano, per non dire di peggio.
        Il 15 e’ uno sport diverso, specialmente da noi dove i ‘grossi’ lavorano tanto e le ali…. fanno contorno.
        Ho visto gente che a 15 sembrava negata fare dei Sevens spettacolari, proprio perche’ le loro doti sono ‘castrate’ nell’Union, mentre nel seven vengono esaltate.
        Ma noi “continuiamo cosi’, facciamoci del male” ™
        Ps. Bello l’elogio di AW al torneo di Rovigo, peccato che in U18 non ci fosse un cane a vedere chi e come si giocava…

  3. ermy 7 Luglio 2018, 20:48

    Scadenti! Giocano in modo imbarazzante!
    Ma Vilk cosa ci fa lì da anni e anni? Altro yes man alla corte del padrone?
    Però adesso con l’accademia spezzeremo le reni al Liechtenstein! 😂😂😂

Lascia un commento

item-thumbnail

Italseven deludente nella prima giornata delle Challenger Series

Azzurri del Sevens sconfitti da Germania e Uganda nella prima giornata a Vina del Mar, in uno stadio quasi vuoto per il nuovo torneo internazionale

16 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italia, nel weekend il kick-off del world 7s challenger: i convocati

Il nuovo torneo prende il via sabato 15 da Vina del Mar

13 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italseven: i convocati per le Challenger Series

Si riduce a 14 il numero di atleti che restano a disposizione di Andy Vilk per l'avventura in America Latina

7 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italseven: 18 convocati per preparare le Challenger Series

Raduno a Parma dal 2 al 5 febbraio per preparare il nuovo torneo che debutta il sabato 15 in Sudamerica

28 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italseven: i convocati di Andy Vilk per il raduno di Napoli

Andy Vilk ha selezionato 17 elementi per il secondo ritiro del 2020

13 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven