I giocatori dello Zimbabwe sono stati costretti a dormire in strada in Tunisia

Le cause sono state la mancanza di fondi e un albergo reputato inaccettabile. Rugby Afrique e la Federazione tunisina si sono scusate

I giocatori dello Zimbabwe sulle strade tunisine (da Facebook)

I giocatori dello Zimbabwe in trasferta in Tunisia per una sfida dell’Africa Gold Cup sono stati costretti a dormire per le strade di Beja la scorsa notte. I Sables (soprannome della nazionale) erano sbarcati in Tunisia in vista del match di sabato contro i padroni di casa, ma da quel momento per loro è iniziata una serie drammatica di imprevisti ed inconvenienti, culminata con la decisione di occupare i marciapiedi cittadini per riposare e in segno di protesta per il trattamento ricevuto. Ma andiamo con ordine.

Come ha scritto su Facebook l’ex primo ministro del Paese, David Coltart, il calvario dei giocatori è partito dall’aeroporto, dove sono stati trattenuti alla dogana per circa sei ore poiché le autorità locali richiedevano il pagamento di 600 euro per il rilascio dei visti. Soldi che i giocatori non avevano, anche perché come ha dichiarato il capitano della squadra Takudzwa Mandiwanza alla radio Capitalk FM “non ci sono stati corrisposti gli indennizzi per la trasferta in Kenya e per la partita giocata”.

Giunti in albergo, la nazionale zimbabweana si è però rifiutata di alloggiare nel luogo scelto per loro dalla Federazione tunisina a causa delle pessime condizioni trovate al suo interno, come riportano i media africani. A quel punto, i giocatori e lo staff tecnico avrebbero deciso di scendere in strada e di dormire sui marciapiedi. L’allenatore della squadra, l’ex Springboks Peter de Villiers, ha inoltre pagato di tasca propria dei panini e delle bibite per tutti,

Nel pomeriggio di martedì, Rugby Afrique- l’organo organizzatore del torneo e quindi della partita tra Tunisia e Zimbabwe – ha rilasciato un comunicato stampa in cui si rassicura il Ministero dello sport zimbabweano del fatto che la Federazione tunisina ha trovato una nuova sistemazione per giocatori e staff a Nefza (ad una cinquantina di chilometri da Beja), reputata accettabile dagli ospiti. Sia Rugby Afrique sia la Federazione locale si sono scusati con lo Zimbabwe.

A Beja sarà in programma il match di sabato 7 luglio per la terza giornata dell’Africa Gold Cup, il torneo che mette a disposizione un posto per la qualificazione diretta alla Coppa del Mondo e un posto per il torneo di ripescaggio mondiale. Al momento lo Zimbabwe è terzo in classifica dietro al Kenya e conserva ancora speranze di scavalcare i Simbas, mentre la Tunisia è già tagliata fuori.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019