Test Match: le formazioni di Australia-Irlanda per la rivincita di Melbourne

Nessun cambio fra i Wallabies, i “Verdi” invece modificano ben otto pedine

Ph. AAP/Dave Hunt

C’è chi non cambia niente e chi cambia praticamente tutto, o quasi. La “Gara 2” di Australia-Irlanda si può sintetizzare così, almeno nella scelta delle formazioni iniziali.
Michael Cheika, per la prima volta da quando è allenatore dell’Australia (2014), conferma tutti e 23 i giocatori scelti la settimana prima, nella vittoriosa gara per 18-9 del Suncorp Stadium di Brisbane; mentre Joe Schmidt dopo le sperimentazioni di qualche giorno fa torna all’antico affidandosi a molti degli uomini che gli hanno consentito di vincere il Sei Nazioni 2018 compiendo il Grande Slam.
Fra i trequarti il rientro più significativo è quello di Johnny Sexton nel ruolo di mediano di apertura, ma non è l’unico: nel triangolo allargato infatti Andrew Conway ricoprirà il ruolo di ala destra facendo scivolare Keith Earls a sinistra, in luogo di Jacob Stockdale, con Rob Kearney a fungere sempre da estremo; mentre la coppia di centri sarà costituita da Robbie Henhaw, come numero 12, e dalla novità Garry Ringrose nei panni del 13.
Davanti invece si assisterà al cambio totale della prima linea, con Cian Healy e Tadhg Furlong incaricati di giocare ai lati del tallonatore Niall Scannell, all’inserimento di Devin Toner nel comparto delle seconde linee ed infine all’avvicendamento fra Dan Leavy e Jordi Murphy nella posizione di flanker, con quest’ultimo che si accomoderà in panchina.
Kick off previsto alle 12.00 (italiane), con diretta TV su Sky Sport 2.

 

Australia: 15 Israel Folau, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Samu Kerevi, 12 Kurtley Beale, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 Caleb Timu, 7 Michael Hooper (c) 6 David Pocock, 5 Adam Coleman, 4 Izack Rodda, 3 Sekope Kepu, 2 Brandon Paenga-Amosa, 1 Scott Sio
A dispoosizione: 16 Tolu Latu, 17 Tom Robertson, 18 Taniela Tupou, 19 Rob Simmons, 20 Lukhan Tui, 21 Pete Samu, 22 Nick Phipps 23 Reece Hodge

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Andrew Conway, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 Keith Earls, 10 Johnny Sexton, 9 Connor Murray, 8 CJ Stander, 7 Dan Leavy, 6 Peter O’Mahony (c), 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Niall Scannell, 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Rob Herring, 17 Jack McGrath, 18 Andrew Porter, 19 Tadhg Beirne, 20 Jordi Murphy, 21 John Cooney, 22 Joey Carbery, 23 Jordan Larmour

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match, calendario novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale

Tutti i dettagli da sapere sulla prossima finestra internazionale

item-thumbnail

La federazione inglese mette pressione ad Eddie Jones

Steve Brown, CEO di RFU, si aspetta che l'Inghilterra vinca tutti i test del prossimo autunno

item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match