Test Match: Ofa Tu’ungafasi e Sam Cane non sono stati citati per il placcaggio su Remy Grosso

I due All Blacks non riceveranno, dunque, alcun tipo di sanzione e potranno essere della partita il prossimo weekend

sam cane all blacks

ph. Henry Browne/Action Images

Negli ultimi giorni, uno dei temi più caldi sul pianeta di “Ovalia” è, senza ombra di dubbio, il doppio, scomposto, placcaggio in contemporanea di Sam Cane ed Ofa Tu’ungafasi ai danni di Remy Grosso.

Le conseguenze del contatto, per il trequarti di Clermont colpito al volto sia dal braccio di Cane, che dalla spalla destra di Tu’ungafasi, sono state estremamente pesanti: doppia frattura facciale per l’autore dell’unica meta francese sabato ad Eden Park, e qualche pernottamento obbligato in un letto d’ospedale. Un intervento ruvido, aldilà di quanto consentito dal regolamento vigente nello sport ovale, eppure non sanzionato, nel corso del match, da (almeno) un cartellino, generando stupore e comprensibile scetticismo anche tra una delle più alte cariche di World Rugby, come Agustin Pichot, il vice CEO.

Reazioni che hanno assunto toni ancor più infastiditi perché, come riportato dalla stampa neozelandese, i due All Blacks dovrebbero evitare anche la citazione postuma per quanto accaduto. Nessun rischio di squalifica, dunque, per i tuttineri protagonisti dell’intervento, che potranno essere della partita già in gara 2 della serie, il prossimo fine settimana.

Aggiornamento 15:23: il Citing Commissioner della partita di sabato, Freek Burger, ha emesso soltanto un “warning” per Ofa Tu’ungafasi. Dopo aver rivisto l’episodio da tutte le inquadrature a disposizione, Burger ha considerato il placcaggio del pilone neozelandese “just short of red card level”, quindi a forte rischio di espulsione ma appena distante da quell’area di giudizio. A condizionare questa decisione è stata la posizione del corpo Grosso al momento del contatto, influenzata dal placcaggio avvenuto un istante prima da Sam Cane. Per quanto riguarda il terza linea, il Citing Commissioner si è trovato d’accordo con il giudizio dell’arbitro Pearce sul campo, ovvero l’assegnazione di un calcio di punizione contro l’All Black. Per il flanker non è arrivato nemmeno il warning.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Irlanda, una questione di profondità: le nuove risorse di Joe Schmidt

Nelle due partite contro l'Australia hanno giocato due tallonatori inesperti, ma che hanno dimostrato grande valore

item-thumbnail

All Blacks: è arrivato il momento di Damian McKenzie

Smiley ha esordito da numero dieci a livello internazionale, e sabato dovrebbe partire da titolare vista la concussion di Barrett

item-thumbnail

Test Match, Rassie Erasmus fotografa gli Springboks: “Ci prendiamo le vittorie, ma c’è tanto da fare”

L'allenatore dei sudafricani analizza la situazione dei suoi citando anche il lavoro fatto da Coetzee

item-thumbnail

Test Match: due azzurri nel XV ideale del weekend di Planet Rugby

Matteo Minozzi e Jake Polledri nella formazione tipo del prestigioso portale ovale

18 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Benjamin Fall non è stato squalificato dopo l’espulsione in All Blacks-Francia

La commissione disciplinare non ha ritenuto volontario o incauto il suo intervento. L'estremo sarà a disposizione per la terza sfida

item-thumbnail

I momenti migliori del secondo sabato di Test Match

Gli highlights delle partite più importanti giocate ieri, da Suva a Houston passando per Wellington, Melbourne e Bloemfontein

17 giugno 2018 Foto e video