Mondiale Under 20: l’Inghilterra domina e batte l’Italia 43-5

Inglesi di un altro livello rispetto agli azzurrini, bucati troppo facilmente in difesa. Si deciderà tutto contro l’Argentina

ph. Matteo Ciambelli

A Perpignan l’Italia resta per quasi tutto il match in balìa dell’Inghilterra, venendo sconfitta con un netto 43-5 che mette a repentaglio le possibilità di qualificazione tra le prime otto del torneo. Per gli azzurrini diventa decisiva la partita contro l’Argentina, che ha vinto 29-13 contro la Scozia nel pomeriggio.

Un placcaggio in ritardo di Rizzi su Brand offre subito una ghiotta occasione agli inglesi, che hanno una penaltouche sui 5 metri: la difesa da maul degli azzurrini è pregevole, ma sui pick&go successivi Ben Curry sembra schiacciare in meta. L’arbitro concede la meta inizialmente, ma il TMO ravvisa un in avanti del flanker e annulla.

Gli azzurrini sono comunque costretti ancora a difendersi, recuperano una prima volta il pallone ma devono piegarsi sul lancio da prima fase successivo: gli inglesi giocano sullo stretto con Willis, il terza linea inglese ricicla magistralmente il pallone da terra e serve Marcus Smith in puntuale sostegno per la meta del 7-0 al 6′.

Guidata dal pack e dal piede di Rizzi, l’Italia risale il campo e si procura una penaltouche sui 5 metri al 12′. La maul è ben contenuta dagli inglesi, tant’è che l’arbitro invita gli azzurri ad usare il pallone; gli italiani provano comunque ad avanzare con il carrettino e alla fine perdono il possesso. Un calcio libero fischiato in mischia agli inglesi permette però all’Italia di avere un’introduzione a favore sui 5 metri; ci provano D’Onofrio e il pack con cariche vicine ai punti d’incontro, ma senza successo.

Gli inglesi concedono comunque un’altra opportunità agli azzurri con la seconda penaltouche nel giro di pochi minuti: la maul azzurra viene ancora disassata e Willis si riprende pure l’ovale, sventando il pericolo. Al 20′ gli uomini in maglia bianca tornano a mettere pressione all’Italia con una serie di mischie sui 5 metri italiani, ma Ibitoye spreca tutto con un in avanti.

Sul tentativo succesivo, però, l’Inghilterra colpisce ancora: la difesa dell’Italia non riesce a pareggiare il numero al largo, gli inglesi, che con tre offload consecutivi liberano Parton per la meta del 14-0. Azzurri che fanno fatica a dare ritmo al gioco, perché gli avversari aggrediscono sempre ogni punto d’incontro.

In più la difesa, quando decide di salire con le spie al largo, non è mai davvero precisa: al 25′ per Smith è troppo facile punire la spregiudicatezza italiana, i trequarti danno continuità all’azione e alla fine a marcare è Butler. Con Rizzi che sbaglia il secondo restart consecutivo, l’Inghilterra si ritrova subito con l’ovale in mano e va vicino alla meta con Brand, tenuto alto miracolosamente da Crosato in area di meta. Sulla mischia successiva l’Italia difende bene e ricaccia indietro gli inglesi.

Quando l’Italia ha il possesso, però, appare sempre contratta e poco sicura dei propri mezzi. Nel momento in cui si scrollano di dosso un po’ di ruggine, gli azzurrini premono a fondo sull’acceleratore e liberano coraggio e talento: su un pallone di recupero, l’Italia riparte dalla propria profondità e costruisce una splendida meta finalizzata da Koffi, dopo due ottimi ricicli di Moscardi e Mazza.

Sul restart, però, gli inglesi vanno subito a segno: Rizzi ha la peggio nel contrasto aereo, l’arbitro non fischia e Loader all’ala sfugge al placcaggio di De Masi (appena entrato per Biondelli) e marca il 26-5.

Ad inizio ripresa è inevitabile il cambio Di Marco-Rizzi, mentre l’Inghilterra continua a dimostrare di essere ad un livello inarrivabile per gli azzurrini per quanto riguarda velocità d’esecuzione e sostegni. Solo un paio di errori non forzati privano l’Inghilterra di occasioni più pericolose e di una meta già fatta da Smith.

Gli azzurrini poi riescono in un paio di punti d’incontro a mettere le mani sul pallone, ma la fase offensiva è approssimativa e non riesce mai a mettersi sul piede avanzante, anche perché nel corpo a corpo gli altri hanno maggiore fisicità e competenze.

Se gli inglesi riescono invece a non commettere errori, risultano facilmente devastanti, soprattutto se a guidare le operazioni poi c’è Smith: al 53′ l’apertura dei Quins squarcia ancora la difesa azzurra e allarga il gioco dove Ibitoye ne travolge due e segna il 31-5.

Poco dopo è Smith a raccogliere un brutto passaggio azzurro e ad involarsi in meta per la doppietta personale (38-5). L’Italia non riesce più a prendere le misure agli avversari, e al 65′ Brand marca facilmente la settima marcatura di giornata dalla corta distanza per il 43-5.

Negli ultimi dieci minuti il leitmotiv non cambia, mentre al 75′ Sam Lewis si prende un cartellino rosso evitabile andando a colpire con il gomito Coppo sulla testa. Gli azzurrini non riescono comunque ad approfittarne, sprecando prima una touche e poi una buona azione con lo stesso Coppo. Finisce 43-5.

Inghilterra: 15. Tom Parton, 14. Gabriel Ibitoye, 13. Fraser Dingwall, 12. Will Butler, 11. Ben Loader, 10. Marcus Smith, 9. Rory Brand, 1. Alex Seville, 2 . Henry Walker, 3. Joe Heyes, 4. Joel Kpoku, 5. Sam Lewis, 6. Tom Willis, 7. Ben Curry (C), 8. Josh Basham
A disposizione: 16. Gabriel Oghre, 17. Ciaran Knight, 18. Ehren Painter, 19. James Scott, 20. Aaron Hinkley, 21. Ben White, 22. Tom Hardwick, 23. Jordan Olowofela

Marcatori Inghilterra

Mete: Smith (6, 57), Parton (24), Loader (28, 35), Ibitoye (53), Brand (65)
Conversioni: Smith (6, 24, 28, 57)
Punizioni

Italia: 15 Michelangelo Biondelli, 14 Tommaso Coppo, 13 Matteo Moscardi, 12 Damiano Mazza, 11 Giovanni D’Onofrio, 10 Antonio Rizzi, 9 Luca Crosato, 8 Antoine Koffi, 7 Michele Lamaro (C), 6 Jacopo Bianchi, 5 Edoardo Iachizzi, 4 Niccolò Cannone, 3 Michele Mancini Parri, 2 Matteo Luccardi, 1 Danilo Fischetti
A disposizione: 16 Niccolò Taddia, 17 Guido Romano, 18 Matteo Nocera, 19 Davide Ruggeri, 20 Lodovico Manni, 21 Alessandro Fusco, 22 Filippo Di Marco, 23 Andrea De Masi

Marcatori Italia

Mete: Koffi (35)
Conversioni:
Punizioni

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Nelle pieghe dell’ultimo Mondiale Under 20: intervista a Fabio Roselli

Con l'allenatore degli azzurrini abbiamo parlato della salvezza, del prossimo torneo iridato in casa e di due squadre agli antipodi

item-thumbnail

Ufficiale: l’Italia ospiterà i Mondiali Under 20 del 2020

Lo ha annunciato la FIR: sarà la terza edizione dopo quelle del 2011 e del 2015

item-thumbnail

Mondiale Under 20: gli highlights della vittoria italiana

Le quattro mete segnati dagli azzurrini, con la bella rimonta costruita negli ultimi venti minuti

item-thumbnail

Mondiale Under 20: la formazione dell’Italia per sfidare la Georgia

Due cambi rispetto alla vittoria contro la Scozia, entrambi nel pacchetto di mischia

item-thumbnail

Mondiali under 20: sotto il diluvio domina l’Italia, Scozia KO 26-19

Partita sospesa per mezz'ora a causa di un forte temporale. Solo nel finale qualche apprensione per il risultato

item-thumbnail

Mondiali Under 20: l’Italia al giro di boa, sfida decisiva alla Scozia

Chi vince si giocherà il nono posto finale, per chi perde c'è lo spareggio per l'ultimo posto. Dopo un girone impossibile, per gli Azzurrini è il mome...