Le mete dell’Italia contro il Yamaha Jubilo

I momenti salienti del primo test in terra giapponese per gli azzurri, vittoriosi 19-52 a Nagano

L’Italia ha battuto 19-52 il Yamaha Jubilo a Nagano, nel no-cap test che ha aperto la tournée in Giappone degli Azzurri di Conor O’Shea. Otto le mete di Ghiraldini&co., con un Matteo Minozzi sugli scudi e come di consueto giocatore più pericoloso in fase offensiva dell’intera squadra.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La grande meta del pilone argentino al Mondiale Under 20

Thomas Gallo, pilone sinistro dei Pumitas, ha segnato una meta memorabile per uno del suo ruolo

15 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Mondiale Under 20: gli highlights della sfida tra Italia e Inghilterra

Le azioni salienti della tiratissima gara di Santa Fè

9 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Ben Smith: All Black, waterboy e papà allo stesso tempo

Il trequarti degli Highlanders ha portato sua figlia a vedere una partita da molto vicino

7 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Mondiale Under 20: gli highlights di Italia-Australia

Tutte le azioni salenti nella sfida andata in scena a Santa Fè

5 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Quando gli ippopotami invadono il campo da rugby

L'incredibile scena ripresa dai giocatori della formazione sudafricana del Letaba Rugby Club

3 giugno 2019 Foto e video
item-thumbnail

Premiership: gli highlights della spumeggiante finale tra Exeter Chiefs e Saracens

Grande spettacolo nell'atto conclusivo della stagione britannica a Twickenham

2 giugno 2019 Foto e video
  1. gian 2 giugno 2018, 11:51

    dai, si è corso abbastanza, peccato non vedere le mete subite per capire cosa si è sbagliato, positiva la voglia di tenere il pallone vivo, contro altri certi giochini da funamboli li eviterei, magari, comunque non male, bene minozzi in mezzo come il prezzemolo, tantissima voglia; ma sulla seconda meta il buco di 60mt l’ha preso steyn? se sì vorrei vederlo sempre con questa gamba e gestione del pallone

    • aries 2 giugno 2018, 12:11

      Mi sembrava Bellini…
      Comunque da quel poco che si ricava dalla sintesi, sembrava un bel colabrodo la squadra giapponese

    • narodnik 2 giugno 2018, 13:51

      puo’ essere steyn con la 11????

  2. mauro 2 giugno 2018, 13:34

    Penso che neanche la Corea del Nord diffonderebbe degli highlights nei quali si ignorano le mete (3) degli avversari. La fir rappresenta uno sport o un individuo?

    • gattonero 2 giugno 2018, 14:11

      vero,sembra un video di propaganda…

    • LiukMarc 2 giugno 2018, 15:55

      Ehm, non sono certo uno che difende la Fir, ma non è la prima volta che lo fanno. Anche per sintesi dell’U20 (specie quando non erano prodotte) o U18 si facevano vedere solo le mete dell’Italia, o anche in alcuni casi nel Pro14

  3. Darko 2 giugno 2018, 13:35

    Qualità immagini che mi fanno ricordare la coppa intercontinentale degl’anni 80’…….sul buco di Steyn un sostegni latitanti. Ancora tanti errori nella gestione dei contrattacchi, 2 o 3 mete potevano arrivare n fasi prima, giusto per trovare il pelo nell’uovo

  4. coco_1962 2 giugno 2018, 14:03

    grande Minozzi !!!

  5. ermy 2 giugno 2018, 15:14

    Difesa jap all’acqua di rose… o meglio, al sakè… 😀

  6. LiukMarc 2 giugno 2018, 15:53

    Benvenuti da quanti anni non faceva una meta cosi?
    Comunque condivido @Darko, con sostegni migliori si facevano mete 2-3 fasi prima. Ancora parecchia confusione sul cosa fare e quando farlo. Comunque bene cosi, una vittoria fa comunque bene

    • Unforgiven79 3 giugno 2018, 16:11

      …da quando hanno smesso di farlo giocare secondo centro e lo mettono all’ala (dove più di tanti miracoli non può fare).

Lascia un commento