Le mete dell’Italia contro il Yamaha Jubilo

I momenti salienti del primo test in terra giapponese per gli azzurri, vittoriosi 19-52 a Nagano

L’Italia ha battuto 19-52 il Yamaha Jubilo a Nagano, nel no-cap test che ha aperto la tournée in Giappone degli Azzurri di Conor O’Shea. Otto le mete di Ghiraldini&co., con un Matteo Minozzi sugli scudi e come di consueto giocatore più pericoloso in fase offensiva dell’intera squadra.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il reportage sulle differenze nel mondo del rugby che dovete vedere

Si chiama Level Playing Field ed è prodotto dalla tv neozelandese. Parla di Samoa e dei suoi incredibili sforzi per rimanere nel rugby professionistic...

20 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Gli highlights di Francia-Scozia

Le immagini della netta vittoria dei Bleus a Nizza, arrivata sabato sera

20 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Un pomeriggio tutto azzurro

Il racconto fotografico della vittoria italiana contro la Russia, attraverso gli scatti di Ettore Griffoni

18 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Test Match: gli highlights del perentorio successo dell’Italia sulla Russia

Riviviamo le 13 mete marcate dagli azzurri a San Benedetto del Tronto

18 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Gli highlights del doppio successo ‘tuttonero’ sull’Australia ad Eden Park

Le azioni migliori nelle vittorie di All Blacks e Black Ferns

17 agosto 2019 Foto e video
item-thumbnail

Rugby Championship: gli highlights del trionfo Springboks

Il Sudafrica ha avuto vita facile dei Pumas, abbattuti dalla fisicità del pack ospite e da Handré Pollard

11 agosto 2019 Foto e video
  1. gian 2 giugno 2018, 11:51

    dai, si è corso abbastanza, peccato non vedere le mete subite per capire cosa si è sbagliato, positiva la voglia di tenere il pallone vivo, contro altri certi giochini da funamboli li eviterei, magari, comunque non male, bene minozzi in mezzo come il prezzemolo, tantissima voglia; ma sulla seconda meta il buco di 60mt l’ha preso steyn? se sì vorrei vederlo sempre con questa gamba e gestione del pallone

    • aries 2 giugno 2018, 12:11

      Mi sembrava Bellini…
      Comunque da quel poco che si ricava dalla sintesi, sembrava un bel colabrodo la squadra giapponese

    • narodnik 2 giugno 2018, 13:51

      puo’ essere steyn con la 11????

  2. mauro 2 giugno 2018, 13:34

    Penso che neanche la Corea del Nord diffonderebbe degli highlights nei quali si ignorano le mete (3) degli avversari. La fir rappresenta uno sport o un individuo?

    • gattonero 2 giugno 2018, 14:11

      vero,sembra un video di propaganda…

    • LiukMarc 2 giugno 2018, 15:55

      Ehm, non sono certo uno che difende la Fir, ma non è la prima volta che lo fanno. Anche per sintesi dell’U20 (specie quando non erano prodotte) o U18 si facevano vedere solo le mete dell’Italia, o anche in alcuni casi nel Pro14

  3. Darko 2 giugno 2018, 13:35

    Qualità immagini che mi fanno ricordare la coppa intercontinentale degl’anni 80’…….sul buco di Steyn un sostegni latitanti. Ancora tanti errori nella gestione dei contrattacchi, 2 o 3 mete potevano arrivare n fasi prima, giusto per trovare il pelo nell’uovo

  4. coco_1962 2 giugno 2018, 14:03

    grande Minozzi !!!

  5. ermy 2 giugno 2018, 15:14

    Difesa jap all’acqua di rose… o meglio, al sakè… 😀

  6. LiukMarc 2 giugno 2018, 15:53

    Benvenuti da quanti anni non faceva una meta cosi?
    Comunque condivido @Darko, con sostegni migliori si facevano mete 2-3 fasi prima. Ancora parecchia confusione sul cosa fare e quando farlo. Comunque bene cosi, una vittoria fa comunque bene

    • Unforgiven79 3 giugno 2018, 16:11

      …da quando hanno smesso di farlo giocare secondo centro e lo mettono all’ala (dove più di tanti miracoli non può fare).

Lascia un commento