Qualificazioni Mondiali: Spagna e Romania fanno ricorso

World Rugby ha comunicato che le due federazioni, escluse dalla RWC nelle scorse settimane, hanno chiesto di rivedere la sentenza

spagna rugby

ph. Reuters

Secondo quanto si apprende da una nota ufficiale di World Rugby, le federazioni nazionali di Romania e Spagna hanno entrambe fatto ricorso contro le sanzioni che il comitato indipendente di World Rugby ha emesso lo scorso 15 maggio, aventi come risultato l’esclusione delle due nazionali dalla prossima Rugby World Cup.

La sentenza lasciava la possibilità di ricorrere in appello e sia la Romania che la Spagna, penalizzate per l’infrazione della Regulation 8 sull’eleggibilità dei giocatori, hanno scelto di adire alla procedura.

Oltre a questo la Spagna ha sottoposto un ricorso anche sulla decisione di non rigiocare la partita fra Belgio e Spagna, decisiva per la qualificazione mondiale e sorprendentemente persa dalla squadra iberica, anche a causa del pessimo arbitraggio nell’occasione dell’arbitro rumeno Iordachescu.

Il ricorso sarà ascoltato il prossimo primo giugno da un apposito comitato indipendente formato da Christopher Quinlan, già presidente del Judicial Panel di World Rugby, dall’ex giocatore statunitense Phaidra Knight e dal presidente del Disciplinary Panel della EPCR Mike Hamlin.

Il secondo grado dovrebbe finalmente mettere un punto finale alla vicenda, stabilendo per l’ultima volta vincitori e vinti della telenovela sulle qualificazioni europee ai Mondiali in Giappone.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Vincent Koch, ovvero il giocatore più vincente del 2019 (e non solo)

Il ventinovenne pilone sudafricano è il protagonista di un record difficilmente eguagliabile

5 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
  1. cesarec 29 Maggio 2018, 15:57

    Premettendo che tutti hanno diritto a una revisione del giudizio, mi siano consentite due riflessioni:
    a) “Il ricorso sarà ascoltato il prossimo primo giugno da un apposito comitato indipendente formato da Christopher Quinlan, già presidente del Judicial Panel di World Rugby, dall’ex giocatore statunitense Phaidra Knight e dal presidente del Disciplinary Panel della EPCR Mike Hamlin”.
    Il primo è un avvocato, la seconda è una giurista (non si capisce se sia avvocato o no) e il terzo è un altro giurista.
    Ora che a decidere l’appello di una sentenza scritta da Lex Mpati, ex giudice della Corte Suprema Sudafricana, James Dingemans, giudice della High Court of Justice of England and Wales, e Peter Fraser, giudice dell’High Court inglese, mi pare a dir poco risibile;
    b) seconda considerazione: spero che non viga il principio di “reformatio in peius” e li bastonino (scusate il giuridicismo) adeguatamente per aver appellato una decisione molto chiara e condivisibile.

  2. gian 29 Maggio 2018, 18:09

    che ci provino ci stà tutta, ma la spagna, la partita con il belgio, la lascerei stare, metti caso che eviti di fare in modo di stare sugli zebedei, magari una mezza possibilità in più ce l’hai

  3. TommyHowlett 30 Maggio 2018, 08:37

    Di solito nel rugby gli appelli servono per aumentare le sanzioni, tranne casi più unici che rari (vedi Parisse nel 2013). La vedo dura, davanti all’evidenza schiacciante delle prove, ovvero giocatori ineleggibili effettivamente scesi in campo, non c’è pietà che tenga.

Lascia un commento