Champions Cup: il post partita di Munster-Tolone

Fabien Galthié rende omaggio a Thomond Park: “Qui è come affrontare una nazionale. Stesso impatto”

ph. Reuters

LIMERICK – Come si può immaginare, le facce dei francesi nella conferenza stampa post Munster-Tolone sono state spettacolari quanto gli 80 minuti in campo. Il primo a presentarsi e il capitano francese Mathieu Bastareaud. Un giornalista irlandese inizia con la seguente domanda: ”Avete dominato tutte le statistiche e larghi tratti della partita. Avete capito come avete fatto a perdere questa partita?”. Il capitano francese risponde come da copione: “Non abbiamo segnato mete che potevamo segnare quando abbiamo creato le occasioni”.

Vengono toccati gli episodi chiave della partita, che hanno visto anche l’arbitro contestato più di una volta. “Sull’arbitro niente da dire – spiega Bastareaud – ha cercato di fare del suo meglio. Non concordo con tutte le decisioni che ha preso ma devo rispettarle”. Munster non è una delle squadre piu forti d’Europa ma ha un carattere indomito e un pubblico eccezionale. “Hanno un carattere pazzesco – conferma il capitano toulonnaise – Lo conosciamo e anche oggi lo abbiamo visto. Il pubblico poi è stato incredibile, li ha spinti”.

Arriva anche Dave Attwood: “Abbiamo avuto molte opportunità ma non le abbiamo concretizzate. Loro hanno un grande carattere e lo stadio poi li aiuta davvero. Non è un caso se quasi tutti dicono che Thomond Park è uno degli stadi più difficili dove giocare. Munster vincerà in Francia? Non lo so, hanno infortunati importanti, forse per vincere là hanno bisogno di recuperarne almeno qualcuno. Oggi carattere e stadio hanno giocato un ruolo fondamentale. Là sarà diverso, qualunque sia l’avversario”.

Anche il coach Fabien Galthié torna sulle occasioni mancate. “Perché abbiamo perso? Non abbiamo segnato quando potevamo. Munster ha segnato in modo molto intelligente alla prima occasione e costruito il momentum su quello. Sulla meta di Conway forse abbiamo calciato troppo presto, potevamo fare un paio di fasi in più e salire quando la difesa era meglio piazzata. Forse in quel caso Conway non ci avrebbe sorpreso. Però non dimentichiamo che giocare qui è davvero duro. Per stadio, folla e squadra è come affrontare una nazionale. Stesso impatto”.

Fra gli irlandesi c’è euforia, ma anche tanto realismo sul futuro della competizione. Van Graan: “Questa è stata una partita incredibile. Loro hanno iniziato, poi noi siamo riusciti a rientrare nel gioco e da allora è stata una battaglia. Vittorie come questa fanno lo spirito del club. Per vincere avevo detto che dovevamo giocare alla maniera di Munster, e lo abbiamo fatto. Certo, possiamo e dobbiamo migliorare molto. Serve più disciplina in molti momenti. Adesso guarderemo alle prossime partite. E’ stata una partita di grande fisicità e ha portato alcuni problemi ai giocatori. Li analizzeremo domani meglio, iniziando a pensare alla semifinale”.

Capitan Peter O’Mahony: “Oggi è stato magico, un grande giorno per tutti i giocatori che sono andati in campo e per tutta l’organizzazione. Permettetemi di segnalare Conway che ha segnato una meta pazzesca, incredibile. Fortuna che la palla sia arrivata in quel momento a qualcuno come lui che poteva fare la differenza. però quello che ha fatto è stato davvero fantastico”.

Il pubblico? “Difficile parlarne. Quando giochi cerchi di restare concentrato, ma la folla qui oggi è stata davvero un fattore, non sto facendo retorica”.
Sulla meta di Murray spiega che “pochi avrebbero avuto l’intelligenza di fare una cosa del genere. Noi stavamo protestando per in avanti. È stato pronto, sveglio e veloce. I troppi infortuni? In pochi adesso hanno tutti i giocatori. Non pensavamo agli infortunati ma a far giocare al meglio chi era disponibile. Chi è andato in campo merita queste partite come tutti gli altri e lo ha dimostrato. Serve sempre un po’ di fortuna in partite come questa”.

Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Champions Cup: i temi di un interessante terzo turno del torneo continentale

Saracens e Racing 92 fanno paura, Tolosa continua a volare

10 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Cos’è successo fin qui nella terza giornata di Champions Cup

I momenti più significativi e i numeri più interessanti: tante vittorie esterne, le squadre già eliminate e due ali davvero imprendibili

9 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: il programma e le formazioni del sabato

Diverse le sfide interessanti in giro per il continente

8 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Edinburgh vince con bonus e vola in vetta alla Pool 5

Finisce 31-13, Newcastle tiene un tempo prima che gli scozzesi trovino modo di scardinare la loro difesa. Nell'altra sfida della serata, preziosissima...

7 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: il programma e le formazioni del venerdì

Scarlets-Ulster vale la sopravvivenza nel girone, Edimburgo-Newcastle la testa della classifica. Calcio d'inizio alle ore 20:45

7 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Dove eravamo rimasti con la Champions Cup

Uno sguardo ai cinque gironi del massimo torneo europeo, prima del back-to-back che ci guiderà verso Natale

5 dicembre 2018 Coppe Europee / Champions Cup