Tahiti infrange il regolamento, le Isole Cook vanno avanti nelle qualificazioni mondiali

Nello scontro diretto, i tahitiani (vincitori 9-13) avevano schierato due giocatori ineleggibili

Webb Ellis Cup rugby world cup 2023

ph. Reuters

Le Isole Cook prenderanno il posto di Tahiti nel processo di qualificazione alla Coppa del Mondo 2019, dopo che World Rugby ha riscontrato alcune irregolarità nell’impiego di giocatori tahitiani nello scontro diretto dello scorso 4 agosto.

Otto mesi fa, a Rarotonga (nelle Isole Cook), Tahiti aveva vinto 9-13 e si era qualificato alla fase successiva, ma un’indagine dell’organo di controllo mondiale ha portato alla luce delle infrazioni alla Regola 8, quella sull’eleggibilità dei giocatori. Il risultato è stato ribaltato a favore delle Isole Cook, che così potranno sfidare nel playoff intercontinentale la vincitrice dell’Asia Rugby Championship, che si contenderanno Corea del Sud, Hong Kong e Malesia dal 28 aprile al 2 giugno.

Lo spareggio tra le Isole Cook e una delle tre nazioni asiatiche si terrà, in gara di andata e ritorno, il 30 giugno e il 7 luglio. La nazionale vincitrice accederà poi al torneo di ripescaggio finale, che garantisce l’ultimo posto alla Coppa del Mondo nel girone di Sudafrica, Nuova Zelanda e Italia, in cui sfiderà Canada, la seconda classificata dell’Africa Nation Cup e la vincitrice del playoff tra Spagna o Portogallo e la Samoa.

I ‘colpevoli’

Il caso è nato per l’eleggibilità dei mediani Guillaume Brouqui e Andoni Jimenez (nati e cresciuti in Francia), che non avevano i requisiti per rappresentare la nazionale locale poiché non avevano un genitore o un nonno nato lì e non avevano vissuto per 36 mesi consecutivi nell’arcipelago prima di giocare con Tahiti.

Entrambi avevano esordito con la nazionale oceanica il 6 luglio 2013, ma Jimenez era residente nell’arcipelago soltanto da 24 mesi, mentre Brouqui era ritornato in Francia nel 2012 interrompendo dunque il periodo di residenza. Dei 13 punti segnati contro le Isole Cook, avevano segnato una meta (Brouqui) e un calcio di punizione (Jimenez).

Oltre al ribaltamento del punteggio, la Commissione Disciplinare ha inflitto anche una multa di 50mila sterline alla Federazione, sospesa però fino al 4 agosto 2022 se non ci saranno ulteriori infrazioni poiché la sanzione avrebbe un impatto economico devastante sul gioco a Tahiti.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup: annunciate le sedi del ritiro azzurro

Quattro sedi di ritiro diverse, con la principale a Fukuoka. Per i tifosi è giunta l'ora di fare i biglietti

20 aprile 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Dal Mondiale 7s alla Rugby World Cup 2027: Stati Uniti, una scintilla da far scoccare

Dal Campionato del Mondo di San Francisco al torneo iridato fra 9 anni: un passo non impossibile

11 aprile 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup: Peter de Villiers, lo Zimbabwe e le altre

L'ex CT degli Springboks allenerà lo Zimbabwe, squadra ancora in corsa per la qualificazione ai mondiali nipponici

7 febbraio 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

L’Uruguay si è qualificato alla Rugby World Cup 2019

Canada battuto anche il ritorno per 32-31 a Montevideo

4 febbraio 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Dal pareggio francese alla Rugby World Cup in casa: il Giappone e l’obiettivo 2019

Il "rovescio della medaglia" del pareggio francese. La nuova dimensione nipponica e l'obiettivo della Coppa del Mondo domestica

3 gennaio 2018 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup: l’Australia presenta una doppia candidatura

Potremmo vedere due mondiali (uno per ambo i sessi), a Sydney e dintorni, nel giro di pochi anni

13 dicembre 2017 Rugby Mondiale / Rugby World Cup