Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno

COMMENTI DEI LETTORI
  1. tinapica 23 Marzo 2018, 10:53

    Quel gioco francese che negli ‘80 mi fece innamorare della palla ovale a casa mia si è sempre chiamato rugby champagne ed era il frutto di una apparente follia improvvisa che in realtà era il risultato di schemi di gioco riprovati fino alla nausea e che avevano nel minimo mantenimento di palla individuale e nella molteplicità di soluzioni di sostegno la chiave, apparentemente semplice, di riuscita. Una direzione di gioco orchestrale eseguita a velocità che in musica corrispondono al “presto “. Non me ne voglia chi apprezza il gioco muscolare, probabilmente accentuato e reso sempre più necessario da nuove e discutibili regole, se continuo a pensare che quell’epoca fosse rugbysticamente molto più divertente a vedersi ( ed immagino anche a giocarsi, dato anche il progressivo aumento degli infortuni verificatosi nell’ultimo ventennio) di quella attuale.

    • Giambo 23 Marzo 2018, 12:44

      C’è anche da dirsi che il rugby degli anni 80 non era ancora entrato nel professionismo, quindi era uno sport con altri ritmi di gioco. Comunque sia, credo che la Francia in Europa con il suo rugby champagne sia stata per decenni una piacevole variazione al rugby intenso e muscolare dei britannici. Peccato che ora la Francia sembri solo una variante europea del Sud Africa. Forte quanto vuoi, ma veramente brutta a vedersi.

Lascia un commento

item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni