Jonny Wilkinson rivela: “Da giocatore ho avuto grossi problemi psicologici”

L’ex apertura inglese racconta le sue fragilità mentali legate al campo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Dusty 23 Marzo 2018, 12:21

    Una domanda, cosa fa adesso Sir Wilkinson? In effetti è da un po’ che non si sentiva parlare di lui.

  2. Hullalla 23 Marzo 2018, 15:57

    Sono molti i giocatori, anche di primissimo piano nella storia del rugby, che avevano o hanno simili problemi.

    • mauro 23 Marzo 2018, 16:47

      … e magari noi li critichiamo, li stronchiamo e li gettiamo nel baratro compreso tra i due intervalli di giudizio…

  3. mic.vit 23 Marzo 2018, 17:04

    la fragilità interiore e la reazione alla paura è ciò che ci eleva, questo meccanismo con le dovute proporzioni, lo abbiamo sentito scattare tutti almeno una volta nella vita…tuttavia spero per lui che sia stato così solo nelle sfide decisive…sennò ha vissuto l’inferno di una carriera…

    • xnebiax 23 Marzo 2018, 17:28

      L’ansia di una perona sana che si fa pensieri per qualcosa non è paragonabile all’ansia di uno che soffre di ansia e di ocd come probabilmente Wilkinson.
      Attacchi di panico, pianti, fifa pura che viene all’improvviso senza seri motivi. Cose che si curano solo con psicofarmaci e tanti anni di terapia.

      • mic.vit 23 Marzo 2018, 18:15

        credo che Wilko non avesse patologie, altrimenti non avrebbe raggiunto vette massime…il discorso è quando sei di fronte a situazioni davvero provanti…una finale, una partita della vita…lì è normale che si mettano in atto meccanismi di difesa volti a scaricare tensione in eccesso, spero e credo che lui non abbia vissuto tutto questo ogni singola partita…in ogni caso il coaching, per lavorare e migliorarsi anche sul fattore psicologico a quei livelli è la regola…
        diversa cosa è andare in ansia per un qualcosa che riguarda la quotidianità, es. una semplice uscita,un luogo chiuso, un insetto…li si può parlare di patologia e di cure sistemiche

  4. Bozzilla 23 Marzo 2018, 17:18

    Per chi mastica l’inglese la sua biografia è molto bella e interessante. Tratta molto bene questo argomento della sua vita sportiva e non

  5. lexv 24 Marzo 2018, 20:31

    Eccessiva competizione!

  6. And 25 Marzo 2018, 01:13

    in questo direi la ragione del suo successo: riuscire a convertire la tensione psicologica in energia sul campo.

  7. gian 25 Marzo 2018, 17:49

    da lui, sempre lucido e spietato in campo, non me l’aspettavo

Lascia un commento

item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Monumenti: Barry John

Il miglior numero 10 di tutti i tempi, almeno secondo i pareri raccolti dalle parti di Cardiff

26 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Eddie Jones vorrebbe sedersi in panchina durante le partite, come gli allenatori di calcio

Il tecnico dell'Inghilterra pensa a un'evoluzione del ruolo, che andrebbe a impattare anche sull'aspetto emotivo del gioco

26 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Leggende ovali: Shane Williams, il rapporto con Paul O’Connell e il valore di Brian O’Driscoll

L'ex ala gallese svela retroscena del tour dei Lions 2009 e non solo

item-thumbnail

E se il rugbymercato diventasse simile al calciomercato?

Scott Johnson lancia l'idea dall'Australia

26 Maggio 2020 Emisfero Sud