Jonny Wilkinson rivela: “Da giocatore ho avuto grossi problemi psicologici”

L’ex apertura inglese racconta le sue fragilità mentali legate al campo

ph Action Images – Paul Thomas

A distanza di anni Jonny Wilkinson ha deciso di tirare fuori uno scheletro piuttosto pesante dall’armadio. Anche un totem come lui ha sofferto di “demoni mentali” (così come sono stati definiti), nel corso della carriera ovale.
Nonostante gli innumerevoli trofei, fra cui anche la World Cup 2003 con l’Inghilterra che lo ha letteralmente consegnato alla leggenda di questo sport, l’apertura britannica ha deciso di confessare ciò che gli succedeva poco prima di entrare in campo, in diverse situazioni sia con i club sia con la nazionale.

“Con Tolone – esordisce – mi chiudevo in uno stanzino del bagno dello spogliatoio in modo che nessuno potesse vedere cosa stavo facendo: cercare di chiamare Dave, il mio guru motivazionale. La squadra intanto era fuori che mi aspettava. Avevo il compito di fare il discorso motivazionale per la partita, anche se pochi attimi prima ero in bagno a piangere e a tremare”. 

“Ho avuto problemi psicologici per tutta la mia vita – continua Wilkinson – ci sono stati momenti, in Inghilterra, in cui sono stato a tanto così dal mollare tutto dicendo ai miei allenatori che non potevo giocare. Una sensazione di puro panico e caos interiore. Ero ansioso: perchè avevo bisogno di sapere che tutto sarebbe andato come volevo.
Eppure avevo tutto, non c’era motivo di non essere felici”.

Infine conclude: “Lo sport, per sua natura, ti fa vivere costantemente tra due intervalli di giudizio: l’ultima partita che hai giocato e la prossima che devi disputare. Ci sono migliaia di persone che guardano, scrivono, ti chiedono una foto e lo fanno sempre sulla tua persona. E’ facile rafforzare la propria immagine su questo, ma può anche avvenire il contrario”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Civitavecchia parteciperà alla Serie A al posto dell’Unione L’Aquila

I laziali saranno nel girone 3 del torneo cadetto dopo la rinuncia della società abruzzese

item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Bundee Aki squalificato per tre settimane

Mondiale finito per lui: contro gli All Blacks l'Irlanda non avrà il suo primo centro titolare

14 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Zebre: Junior Laloifi si è unito al gruppo

L'estremo samoano classe 1994, ultimo acquisto della nuova stagione, è arrivato a Parma

14 Ottobre 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019, qui Inghilterra: i dubbi di Eddie Jones verso i quarti di finale

La partita non disputata contro la Francia sembra aver scompaginato i piani del tecnico della formazione britannica

14 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

World Rugby Ranking: comanda sempre la Nuova Zelanda. Giappone 7°, mai cosi in alto

L'Italia conserva la dodicesima posizione. Tonga risale la classifica

14 Ottobre 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Benetton Rugby, il punto di Zatta: “Attenzione alla disciplina. Con la rosa al completo miglioreremo”

Il numero uno dei veneti vuole compattare i ranghi in vista della ripresa delle ostilità fra due settimane

14 Ottobre 2019 Pro 14 / Benetton Rugby