Jonny Wilkinson rivela: “Da giocatore ho avuto grossi problemi psicologici”

L’ex apertura inglese racconta le sue fragilità mentali legate al campo

ph Action Images – Paul Thomas

A distanza di anni Jonny Wilkinson ha deciso di tirare fuori uno scheletro piuttosto pesante dall’armadio. Anche un totem come lui ha sofferto di “demoni mentali” (così come sono stati definiti), nel corso della carriera ovale.
Nonostante gli innumerevoli trofei, fra cui anche la World Cup 2003 con l’Inghilterra che lo ha letteralmente consegnato alla leggenda di questo sport, l’apertura britannica ha deciso di confessare ciò che gli succedeva poco prima di entrare in campo, in diverse situazioni sia con i club sia con la nazionale.

“Con Tolone – esordisce – mi chiudevo in uno stanzino del bagno dello spogliatoio in modo che nessuno potesse vedere cosa stavo facendo: cercare di chiamare Dave, il mio guru motivazionale. La squadra intanto era fuori che mi aspettava. Avevo il compito di fare il discorso motivazionale per la partita, anche se pochi attimi prima ero in bagno a piangere e a tremare”. 

“Ho avuto problemi psicologici per tutta la mia vita – continua Wilkinson – ci sono stati momenti, in Inghilterra, in cui sono stato a tanto così dal mollare tutto dicendo ai miei allenatori che non potevo giocare. Una sensazione di puro panico e caos interiore. Ero ansioso: perchè avevo bisogno di sapere che tutto sarebbe andato come volevo.
Eppure avevo tutto, non c’era motivo di non essere felici”.

Infine conclude: “Lo sport, per sua natura, ti fa vivere costantemente tra due intervalli di giudizio: l’ultima partita che hai giocato e la prossima che devi disputare. Ci sono migliaia di persone che guardano, scrivono, ti chiedono una foto e lo fanno sempre sulla tua persona. E’ facile rafforzare la propria immagine su questo, ma può anche avvenire il contrario”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Allenarsi a casa con stile e fantasia unici: interpretano i fratelli Du Preez

I ragazzi in forza ai Sale Sharks hanno lavorato sul passaggio a modo loro

1 Aprile 2020 Foto e video
item-thumbnail

Pesce d’Ovalia: le migliori fake news del primo aprile a tema rugby

Dai videogiochi alla ripresa della Premiership in un isola sperduta: facciamoci una risata

1 Aprile 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Carlos Spencer è The King anche in quarantena

Canestro da una ventina di metri con un reverse pass: provateci anche voi nel cortile di casa

1 Aprile 2020 Foto e video
item-thumbnail

Il giocatore preferito di Eddie Jones e altre curiosità

Ad esempio: l'episodio più divertente della sua carriera, la vittoria più importante con l'Inghilterra e uno sguardo al Sei Nazioni

item-thumbnail

Qual è il miglior posto nel World Rugby Ranking mai raggiunto da ogni nazionale di vertice?

In 5 hanno toccato il primo posto. 41 team sono entrati almeno nella top30

1 Aprile 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugbymercato: Greig Laidlaw lascia il Top14, destinazione Giappone?

Il mediano di mischia potrebbe optare per una scelta di vita nella parte finale della sua carriera

31 Marzo 2020 Emisfero Sud