Sei Nazioni 2018: Sergio Parisse è diventato l’uomo con più presenze nel torneo

Il numero 8 azzurro ha raggiunto l’irlandese O’Driscoll in vetta alla speciale graduatoria

sergio parisse

ph. Sebastiano Pessina

Il pomeriggio di ieri, all’olimpico di Roma, è stato probabilmente tra i più amari degli ultimi anni di Sei Nazioni azzurro. Estrapolare un motivo di vanto e gioia da una sconfitta del genere (in rimonta, e arrivata nonostante una prestazione italiana più che positiva) non è affatto impresa semplice, soprattutto per un combattente del calibro di Sergio Parisse, eppure, il numero 8 dello Stade Francais, ne avrebbe ben donde.

Come avevamo preannunciato prima dell’inizio del torneo (qui), infatti, il nativo di La Plata, dopo aver giocato tutte le partite dell’edizione 2018, ha raggiunto in vetta alla speciale graduatoria dei giocatori con più presenze nel Sei Nazioni una leggenda del gioco come il centro irlandese Brian O’Driscoll, appaiato a quota 65 gare. Un monte partite impressionante, che da l’idea della grandezza di Parisse, e di come l’ex Benetton Treviso abbia saputo mantenersi costantemente al vertice del rugby mondiale nel corso di oltre tre lustri. Dovesse scendere in campo in almeno una delle cinque sfide del 2019, il capitano azzurro diventerebbe il numero uno assoluto, senza dover più condividere il primato.

Non solo milestone positive, però, per Parisse nella giornata appena trascorsa. Il KO con la Scozia, infatti, rappresenta anche la sconfitta numero 100 in nazionale per il 34enne azzutrro

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno