All Blacks: l’uomo dei record lascia la nazionale

Wyatt Crockett dice addio dopo 71 cap e una percentuale di vittorie del 94%, ma non solo

crockett

ph. Sebastiano Pessina

Dopo otto anni e 71 cap, Wyatt Crockett ha deciso di ritirarsi dal rugby internazionale e rinunciare alle prossime convocazioni per gli All Blacks. Il pilone neozelandese ha annunciato la sua decisione in una lettera pubblicata su RugbyPass: “Alla fine dell’ultima stagione, consultandomi con mia moglie e la mia famiglia, abbiamo deciso di iniziare un nuovo capitolo delle nostre vite, che permetta a tutti noi di trascorrere più tempo insieme”.

Nell’articolo, il 35enne ripercorre la sua intera carriera, dagli inizi con la Canterbury Academy fino alla prima convocazione con la nazionale più forte del mondo, passando per i successi conquistati con la maglia dei Crusaders, con cui finora Crockett ha vinto tre titoli del Super Rugby. “E posso assicurare che il mio focus è sul vincere il quarto in questa stagione”.

Con gli All Blacks, Crockett ha prevalentemente rivestito il ruolo di riserva, tanto da esser partito titolare soltanto in 25 occasioni su 71. Rimarchevole anche il suo record con la maglia tutta nera, visto che il prima linea classe 1983 può vantare una percentuale di vittorie del 94,36% con 66 successi, 3 sconfitte e 2 pareggi. A fare impressione, tuttavia, è anche un altro dato: il pilone è rimasto imbattuto con gli All Blacks per 49 partite consecutive tra il giugno 2013 e il giugno 2017 ottenendo nel frattempo 32 successi di fila, che rappresenta la striscia di vittorie (e di partite senza sconfitta) più lunga per un giocatore nella storia a livello di Test Match.

Crockett, inoltre, ha colto l’occasione per annunciare anche un’altra decisione, ovvero quella di lasciare il suo club storico, Canterbury, con cui ha giocato 13 anni, per spostarsi a Nelson e legarsi a Tasman. “Ho firmato per le prossime due stagioni, non vedo l’ora di tornare nella provincia della mia gioventù. Arriverò con un grande desiderio di giocare bene e di contribuire a una squadra che ha fatto grandi cose nel rugby neozelandese, sin dalla sua formazione nel 2006”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Il Sudafrica comincia la preparazione: i 26 convocati di Rassie Erasmus

C'è anche Francois Steyn, unico reduce dalla Rugby World Cup vinta nel 2007

24 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: l’idea di un ampliamento del torneo è all’orizzonte

Con il fallimento del progetto Nations Championship il torneo dell'emisfero sud potrebbe avere due squadre in più

22 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Steve Tew lascerà il ruolo di chief executive di New Zealand Rugby a fine 2019

L'ex Crusaders se ne andrà dopo 18 anni in seno alla federazione tuttanera

5 giugno 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il calendario del Rugby Championship 2019: luoghi, date, orari e tv del torneo

Tutti i dettagli sulla principale competizione australe per nazionali

22 maggio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La prima lista di All Blacks verso la Rugby World Cup 2019

Steve Hansen ha convocato anche Sam Cane per il primo di tre "foundation days" in vista della stagione internazionale

9 aprile 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Argentina: Creevy resta fino a fine 2019, Tuculet due anni in più

Ma per il tallonatore potrebbe essere l'ultima stagione in patria, prima di un trasferimento in Francia

19 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
  1. Giorgio Brera 28 febbraio 2018, 11:27

    Oltre ai record citati bisogna ricordare che Crockett ha quello di presenze nel Super Rugby, 187, dato aggiornato allo scorso campionato (quindi, siccome sta giocando, in aumento).
    Il buon Wyatt era nella squadra AB a San Siro quando l’arbitro non concesse la meta tecnica all’Italia dopo millemila mischie nei 22 neozelandesi. Buttò fuori uno dei piloni in nero che era cotto e non ce la faceva più a reggere la spinta di Perugini e C. e fece un piacere agli AB: rientrò Crockett che si era riposato e non riuscimmo più ad arare la mischia avversaria come stavamo facendo fino a quel momento. Così non vale! 🙂
    Ah, ci ha fatto una meta a Roma nel 2016…

  2. Frank_BOBO 28 febbraio 2018, 14:19

    Grazia Wyatt! Ho sempre stimato il suo tipo di gioco. Atleta poco appariscente e con una costanza di rendimento invidiabile… (da me si direbbe “Ad aveccene..”)grazie ancora!!!

  3. TommyHowlett 2 marzo 2018, 10:40

    Pensavo avesse già in mano il biglietto aereo per Parigi, invece si trasferirà nel suo club di gioventù.

Lascia un commento