Sei Nazioni 2018: Irlanda, torneo finito per Robbie Henshaw

Il centro si era infortunato nel segnare una meta contro l’Italia

ph. Sebastiano Pessina

L’infortunio subito da Robbie Henshaw nello schiacciare in meta il 35-0 contro l’Italia costa caro al centro dell’Irlanda. Il Sei Nazioni 2018 del 24enne si è infatti qualcosa con quell’azione, al termine della quale Henshaw è apparso subito molto sofferente alla spalla. L’IRFU ha fatto sapere che il giocatore è stato già sottoposto alle procedure mediche del caso, senza specificare l’effettivo periodo di stop che sarà quantomeno di un mese.

Il peso specifico rivestito da Henshaw all’interno della Nazionale è notevole. Per Joe Schmidt si tratta di una perdita grave per gli equilibri della trequarti, vista la grande attitudine difensiva del Leinsterman e l’intesa sviluppata sia con Sexton sia con Aki, suo compagno di squadra nel Connacht dei miracoli.

Per coprire la falla lasciata da Henshaw, il CT neozelandese potrebbe avere di nuovo a disposizione Garry Ringrose, infortunatosi a gennaio e in teoria fuori dal Torneo soltanto per le prime due giornate. Gli altri centri convocati da Schmidt per il Sei Nazioni, invece, sono Rory Scannell e Chris Farrell del Munster, che in due fanno 5 cap con la maglia verde.

Dopo la partita di sabato, inoltre, in Irlanda c’era preoccupazione anche attorno alle condizioni fisiche di Tadhg Furlong e Jack Conan, usciti dal campo rispettivamente al 5′ e a fine primo tempo. Per loro sembrano esserci buone notizie: entrambi dovrebbero essere pronti per la sfida contro il Galles prevista sabato 24.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Sei Nazioni 2018: a Roma un successo organizzativo da record

Ecco i numeri delle due partite casalinghe dell'Olimpico

item-thumbnail

Quanti giocatori sono scesi in campo subito dopo il Sei Nazioni?

Quasi tutti gli eroi del Grande Slam sono rimasti a riposo, a differenza degli inglesi. Solo Parisse e Ghiraldini gli azzurri in campo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Galles al secondo posto, fra certezze e dubbi

I Dragoni hanno vinto tutte le partite casalinghe del Torneo, mostrando un gioco a tratti spettacolare, ma il cantiere è ancora aperto

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: è Jacob Stockdale il miglior giocatore del torneo

L'irlandese batte i suoi compagni di squadra. Matteo Minozzi chiude in quinta posizione

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: Scozia, il futuro non è più un’ipotesi

I Dark Blues chiudono al terzo posto un Torneo che può essere il trampolino di lancio per la RWC

item-thumbnail

Sei Nazioni 2018: la Francia ha fatto pace con se stessa

Un Sei Nazioni in ripresa per la nuova nazionale di Jacques Brunel, dopo le turbolenze a cavallo del nuovo anno

  1. mic.vit 13 febbraio 2018, 15:51

    beh…tornasse Ringrose, Schmidt cadrebbe in piedi…

Lascia un commento