Inghilterra, doppio allenamento con la Georgia a Londra

Eddie Jones: “Hanno la miglior mischia del mondo, perché non dovremmo voler allenarci con loro?”

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Dusty 13 Febbraio 2018, 11:34

    Lovotti, Ferrari e compagnia bella cominciate a pensarci… 🙁

  2. fabiogenova 13 Febbraio 2018, 12:12

    Temo che questa dichiarazione rinfocolerà i propositi dei Lelos di chiedere un Sei Nazioni con una formula che non li esclude a priori, come questa in essere. Le pressioni sull’Italia sono chiare e ormai quasi solo la credibilità internazionale di O’Shea può essere un argine. Credo che il prolungamento del contratto fino al 2023 per il tecnico irlandese risponda a questa logica. Far vedere agli altri che abbiamo la volontà di progettare seriamente a mediolungo termine con uno che ha ancora credibilità, perchè Gavazzi, se vuole evitare il disastro, non ha alternative. Non è neanche contemplata l’ipotesi che si possa cambiare ancora. Dopo O’Shea, il tempo sarà scaduto. E’ l’ultima occasione che abbiamo. Ho l’impressione che ci sia stata una sorta di “lettera dalla BCE” da parte del Board del Sei Nazioni a Gavazzi. Ma il Nostro si è messo (e ci ha messo) in questa condizione con scelte scellerate.

    • narodnik 13 Febbraio 2018, 12:25

      a meno che oshea non trovi la lampada di aladino nel 2023 saranno ancora a questo punto,puntare sui vertici e lasciando la base com’era prima,si continua a provare a costruire la casa partendo dal tetto.

    • Dusty 13 Febbraio 2018, 12:36

      Mi sono forse perso un qualcosa? Non sapevo che COS ha avuto il rinnovo al 2023…io ho solo letto che siamo nel Pro14 fino a quella data.

    • feltre59 13 Febbraio 2018, 13:27

      sei sicuro? dove l’hai letto?

      • fabiogenova 14 Febbraio 2018, 09:20

        Forse mi sono spiegato male. Non è stato firmato alcun nuovo contratto segreto, almeno non che io sappia, e la data del 2023 è appunto quella del Pro14. Ma le voci che vogliono la FIR intenta a prolungare il contratto del tecnico irlandese – comprensibilmente fino ai mondiali in Francia del 2023 – sono diverse e rispondono alla logica di cui parlavo prima. Il punto è che non sono sicuro che O’Shea voglia andare al di là di quella data.
        Ve ne posto una, giusto per capire le intenzioni Fir.
        http://www.r1823.it/2018/01/30/la-fir-vuole-oshea-oltre-2020-ascione-al-telegraph-figura-chiave/

        • fabiogenova 14 Febbraio 2018, 09:22

          …al di là di quella data, cioè al di là della scadenza naturale del suo contratto, che è il 2020

  3. Bariddu 13 Febbraio 2018, 23:39

    Eddie caro, vedi anche di accertarti che non abbino i migliori tmo del mondo…

  4. And 14 Febbraio 2018, 11:06

    i miglioramenti dell’Italia ci sono, 5 mete coi 3/4 in 2 partite contro Irlanda e Inghilterra non si erano mai viste. Il problema è la mischia. Su 8 elementi nessuno convince al 100%, a parte il tallonatore (forse). Come piloni Castro, Lo Cicero e soci erano alieni, a seconde linee giochiamo con degli adattati, i flanker titolari non si sa chi siano e Parisse ha 34 anni

    • And 14 Febbraio 2018, 11:07

      Castro e Lo Cicero avevano una personalità che questi si sognano, fanno il compitino e basta

    • Dusty 15 Febbraio 2018, 09:53

      Il rugby, e non solo la mischia, è cambiato e personalmente credo che giocatori come Castro, Perugini, Lo Cicero ecc. oggi non avrebbero vita facile anzi io ho la sensazione che la maggior mobilità di un Lovotti, un Ferrari e anche gli altri li renda più preformanti e utili al gioco. Sia chiaro che non voglio sminuire nessuno perché ogni giocatore va giudicato relativamente al periodo e al rugby che si giocava nel suo tempo. Non sono trascorsi molti anni è vero, ma in questi pochi anni il rugby è cambiato moltissimo (se in meglio o in peggio è un altro discorso) . Forse solamente alcuni come ad esempio Cole e pochi altri che si sono trovati a vivere a scavalco di questo periodo transitorio hanno dimostrato di adattarsi ai cambiamenti con ottimi risultati.

Lascia un commento

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il board del Sei Nazioni prende posizione sulla possibilità di un “4 Nazioni” senza Italia e Francia in autunno

Definite "inaccurate speculazioni" le voci giornalistiche circolate nelle scorse ore in UK

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni