Sei Nazioni 2018: l’ottimismo degli Azzurri nel dopopartita di Roma

Bellini, Biagi e Minozzi riconoscono i limiti della prestazione, ma vedono il bicchiere mezzo pieno

Italia

ph. Sebastiano Pessina

ROMA – “C’è tanto da lavorare, non è la migliore delle situazioni, ma ci sono state tante cose buone: il Sei Nazioni comincia con il bicchiere mezzo pieno.” Sono le parole di Matteo Minozzi in zona mista nel dopopartita di Italia-Inghilterra, un’opinione condivisa più o meno da tutti i componenti del gruppo azzurro.

“Sapevo che mi avrebbero testato – ha anche detto l’estremo ex Calvisano, alla sua prima da titolare con la maglia azzurra – Avevano una gran batteria di calciatori fra Farrell, Ford e Youngs, che si è infortunato subito, ma Care non è comunque da meno. Un estremo giovane, 21enne, non particolarmente alto. Sapevo che mi avrebbero messo alla prova. E credo di essermi fatto trovare pronto in quello che ritengo sia uno dei miei punti di forza.”

“L’Inghilterra è la seconda squadra al mondo e lo ha messo particolarmente in mostra con i suoi attacchi da seconda fase – ha dichiarato invece Mattia Bellini, riguardo alle difficoltà difensive specialmente relative alla linea dei trequarti – Personalmente credo che in occasione delle prime due segnature, saremmo dovuti salire più velocemente, mentre invece li abbiamo aspettati un po’ troppo. E’ una cosa che dobbiamo migliorare per la settimana prossima, ma nel piano di gioco che abbiamo costruito ci crediamo tutti.”

Chi ha le idee altrettanto chiare è George Biagi. Il seconda linea è entrato nella parte finale del match per dare il suo consueto contributo di sostanza e, come sempre, analizza con molta lucidità l’andamento della partita: “Io ci credevo veramente a fare una grande partita oggi e ad arrivare a un risultato positivo. E’ chiaro che ci sono stati dei progressi e penso che il risultato ci abbia punito più del dovuto. I giovani hanno tutti ben figurato, e se fossimo riusciti a segnare quella meta con Tommaso Boni e a rimanere attaccati alla partita non so cosa sarebbe potuto succedere negli ultimi venti minuti.”

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

10 Years Challenge: 2009-2019, com’è cambiata la nazionale italiana di rugby

Dal primo raduno verso il Sei Nazioni di dieci anni fa a quello che inizierà a Roma fra pochi giorni

17 gennaio 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Leonardo Sarto ha firmato con i Leicester Tigers

E' ufficiale la firma del trequarti ala ex Glasgow e Zebre con il club di Welford Road

30 dicembre 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2019, Italia: tegola Polledri. Rischia di saltare tutto il torneo

L'azzurro si è infortunato alla caviglia in occasione del match di Champions Cup fra Gloucester e Exeter

20 dicembre 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Eddie Jones si è proposto per allenare la nazionale, ma per ora non c’è intesa su filosofia e ingaggio

Il presidente Gavazzi rivela di alcuni incontri avvenuti con l'attuale tecnico della nazionale inglese per il post O'Shea

30 novembre 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, il post novembre: l’analisi lucida di Lovotti sui Test Match

Il pilone azzurro ha fotografato diversi aspetti del mese di partite proiettandosi verso il Sei Nazioni 2019

28 novembre 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Borsino azzurro: le quotazioni dopo i test di novembre

Un mese tutto sommato deludente per l'Italia: abbiamo provato a metterlo in prospettiva Coppa del Mondo

27 novembre 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale