Sei Nazioni: il Galles perde Dan Biggar almeno per metà torneo

Le prime due scelte a mediano d’apertura sono infortunate. Owen Williams e Rhys Patchell i sostituti

dan biggar

ph. Sebastiano Pessina

Dan Biggar potrebbe saltare le prime tre giornate del Sei Nazioni 2018 per infortunio. Come riportato da BBC Radio 5, il mediano d’apertura del Galles sarebbe sofferente ad una spalla dopo l’ultima giornata di Champions Cup, in cui gli Ospreys hanno giocato in casa del Clermont, e sembra molto probabile la sua assenza per le sfide contro Scozia, Inghilterra e Irlanda.

La maglia numero 10 dei Dragoni, dunque, al momento non ha un padrone. L’alternativa ideale sarebbe stata quella rappresentata da Rhys Priestland (titolare a novembre contro la Georgia), ma a sua volta il giocatore del Bath è incappato in un problema al bicipite femorale che potrebbe fargli saltare l’intero torneo.

Per Gatland non è un un dilemma di facile risoluzione, anche se le carte da estrarre dal mazzo sono essenzialmente due: Owen Williams e Rhys Patchell. Il primo, di stanza a Gloucester, è stato impiegato dal CT neozelandese come primo centro (e dunque secondo playmaker) nei Test Match contro Australia e All Blacks, sempre nell’ottica di prendere le distanze da quella Warren Ball ormai superata e scontata per gli avversari. Williams ha svolto un compito egregio, pur senza impressionare, dimostrando soprattutto che un altro regista può contribuire ad innalzare il livello qualitativo della manovra offensiva.

Il 25enne può essere considerato il favorito poiché è già stato inserito nei nuovi schemi dallo staff tecnico gallese, ma le prestazioni di Patchell negli ultimi mesi allo stesso tempo non possono essere ignorate. Dopo aver disputato una stagione 2016/2017 di altissimo profilo, il 24enne si sta confermando il perfetto direttore d’orchestra degli Scarlets di Wayne Pivac, con cui è diventato un giocatore pressoché completo dotato di un’ottima visione di gioco. A novembre Gatland lo ha utilizzato soltanto nell’ultimo Test contro il Sudafrica, facendolo partire dalla panchina, ma nelle prossime settimane l’ex Cardiff sembra essere destinato a vestire più spesso la maglia dei Dragoni.

Sfogliando la margherita, inoltre, Gatland potrebbe individuare anche in Gareth Anscombe una terza (ma meno probabile) opzione, mentre la stagione negativa disputata fin qui da Sam Davies con gli Ospreys non lo rende tra i papabili per una convocazione in corsa.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: l’Argentina batte la Francia 33-25

I Pumas segnano 5 mete e pareggiano i conti nella serie con i transalpini di Galthiè

item-thumbnail

Summer Series: il secondo round di Argentina-Francia, la preview

Bleus per chiudere al meglio la finestra internazionale, nonostante i guai extra-sportivi, Pumas per entrare in forma e ingranare: calcio d'inizio all...

item-thumbnail

Summer Series: clamoroso a Durban! Il drop all’80’ di Frawley regala la vittoria all’Irlanda. Sudafrica battuto 24-25

Un match pazzesco deciso da una grande giocata a tempo scaduto del trequarti del Leinster

item-thumbnail

Summer Series: la preview di Sudafrica-Irlanda

A Durban secondo atto fra le prime due del ranking mondiale

item-thumbnail

Summer Series: la Georgia rimonta il Giappone in doppia inferiorità numerica

Altalena di emozioni a Sendai: i Brave Blossoms, in 14 sin dal 20', lottano e quasi portano a casa il match, salvo subire nel finale un'altra sanzione

item-thumbnail

Summer Series: I Wallabies battono il Galles in un secondo test pieno di emozioni

Festival di mete a Melbourne, alla fine la serie la vince un'Australia più brava a sfruttare gli errori avversari