Pro14: il Benetton si prende derby e bonus, Zebre sconfitte 27-14

Treviso si impone al termine di un match ruvido, sul quale pesa anche il cartellino rosso a Meyer ad inizio ripresa

ph. Ettore Griffoni

A Monigo va in scena il primo derby tricolore della stagione di Pro 14, tra Benetton Treviso e Zebre. Sfida azzurra in tutto e per tutto, visto che il direttore di gara è l’italiano Marius Mitrea. Dopo 5 minuti interlocutori, ecco la fiammata di Canna: calcetto per se stesso sontuoso e break importante, con l’assistenza precisa per Boni, che, però, perde la preziosa palla in avanti, vanificando una situazione di assoluto pericolo per la difesa veneta. Nella prima decina di minuti, le Zebre provano a giocare alla mano, con insistenza, anche dentro i propri 22 metri, cercando di sfilacciare la difesa dei padroni di casa, sbattendo, però, contro il muro solidissimo dei Leoni. Alla prima scorribanda in attacco, Treviso è cinica e porta a casa il macinato: touche a 5 metri dalla linea di meta conquistata senza patemi. La rolling maul sembra vincente ma viene disarcionata ad un passo dalla marcatura pesante. Le Zebre difendono in modo arcigno per quattro fasi, ma soccombono quando i Leoni allargano l’ovale con qualità, con Esposito che firma i primi 5 punti del match. Banks fallisce la trasformazione e al minuto 20 il punteggio è cristallizzato sul 5-0. Le Zebre si iscrivono a referto subito dopo la mezzora: fuorigioco della difesa di Treviso in zona punti, e dalla piazzola Violi non sbaglia, riportando i suoi a sole due lunghezze. Nel finale di frazione, il Benetton ha la possibilità di battere un paio di touche nei 22 dei parmigiani, ma le perde malamente e si va alla pausa lunga sul punteggio di 5-3, al termine di un primo tempo caratterizzato da qualche errore di troppo, che, però, ha confermato la diversa attitudine delle due compagini.

L’inizio di ripresa è spumeggiante. Le zebre pasticciano sul calcio di rinvio, Ioane recupera l’ovale e da il via all’azione che porta alla meta del subentrato Faiva, trasformata da Banks. Gli ospiti rispondono subito e con un calcio piazzato di Canna tornano sotto break, 12-6. Al 47esimo svolta del match: Budd commette un fallo di ostruzione, Meyer (stando alla valutazione di arbitro e TMO) lo scalcia da terra. Rosso al parmigiano, giallo a Budd e punizione per i Leoni. Banks centra i pali e si va sul 15-6. Al minuto 50 azione alla mano stupenda delle Zebre. La rete difensiva dei padroni di casa, su calcio dalla base di Tebaldi, sale lentamente e Minozzi trova il break vincente, aprendo l’autostrada a Bisegni per la meta del 15-11. Le Zebre, nonostante l’uomo in meno, alzano il livello fisico della propria prestazione e all’ora di gioco accorciano ulteriormente con un calcio semplice di Canna per il 15-14. Treviso, però, non si scompone troppo, torna nei 22 avversari e firma la terza marcatura pesante del match, al minuto 63. I Leoni vincono una touche in zona caldissima, portano una serie di pick and go di qualità e al momento opportuno Banks allarga sapientemente su Esposito, che va per la doppietta personale (20-14). Banks fallisce la trasformazione, ma Treviso allunga in modo deciso al minuto 70. I Leoni arano gli avanti parmigiani durante una mischia sui 5 metri e Gori deve solo appoggiare l’ovale in meta. La quarta per i padroni di casa, che si prendono il bonus offensivo. McKinley trasforma per il 27-14. E’ l’ultimo sussulto del match, con le Zebre che provano ad accorciare le distanze (per il bonus difensivo), ma l’inferiorità numerica si fa sentire, e gli sforzi si rivelano vani.

 

Il tabellino

Benetton Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Ignacio Brex, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Marty Banks, 9 Tito Tebaldi, 8 Robert Barbieri, 7 Abraham Steyn, 6 Whetu Douglas, 5 Dean Budd (c), 4 Alessandro Zanni, 3 Tiziano Pasquali, 2 Tomas Baravalle, 1 Nicola Quaglio
A disposizione: 16 Hame Faiva, 17 Federico Zani, 18 Cherif Traore, 19 Federico Ruzza, 20 Marco Barbini, 21 Edoardo Gori, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Benvenuti

Mete: Esposito (17′, 63′), Faiva (41′), Gori (69′)
Trasformazioni: Banks (41′), McKinley (70′)
Punizioni: Banks (47′)

Zebre Rugby: 15 Matteo Minozzi, 14 Mattia Bellini, 13 Tommaso Boni, 12 Tommaso Castello (c), 11 Giulio Bisegni, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi, 8 Renato Giammarioli, 7 Johan Meyer, 6 Maxime Mbandà, 5 George Biagi, 4 David Sisi, 3 Dario Chistolini, 2 Oliviero Fabiani, 1 Andrea Lovotti
A disposizione:: 16 Tommaso D’Apice, 17 Cruze Ah-Nau, 18 Roberto Tenga, 19 Jacopo Sarto, 20 Derick Minnie, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Serafin Bordoli, 23 Ciaran Gaffney

Mete: Bisegni (49′)
Trasformazioni:
Punizioni: Violi (32′), Canna (44′, 60′)

Arbitro: Marius Mitrea (Italia)
Assistenti: Manuel Bottino (Italia), Andrea Piardi (Italia)
TMO: Alan Falzone (Italia)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Video: OnRugby Relive, la larga vittoria delle Zebre a Newport – Pro14 ’19/’20

Rivivi il brillante successo dei Multicolor contro i Dragons

5 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il momento di Federico Mori, tra Nazionale, popolarità ed una famiglia di campionissimi

Abbiamo parlato con il giovane azzurro, nella cui crescita c'è anche lo zampino dello zio Fabrizio, fuoriclasse dell'atletica leggera

5 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Callum Braley: “Voglio guadagnarmi la maglia numero 9”

Il mediano di mischia azzurro è da poco sbarcato in Italia. Obiettivi chiari per crescere insieme alla squadra biancoverde

5 Luglio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Matteo Drudi: “Un pilone non deve mai smettere di aggiornarsi. Sogno l’azzurro nel 2023”

Intervista all'avanti romano: uno dei 6 permit player in forza ai Leoni

3 Luglio 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Zebre, Paolo Pescetto: “C’è competitività nel ruolo d’apertura. Vorrei acquisire leadership e ritmo”

L'ambientamento, gli obiettivi per il futuro e gli idoli di infanzia: il trequarti parla a cuore aperto

1 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, “il ritorno” di Dewaldt Duvenage: “Non vedo l’ora di ricominciare. Treviso è casa mia”

Il mediano di mischia sudafricano spiega quello che ha vissuto in questi mesi e racconta l'amore per l'Italia

30 Giugno 2020 Pro 14 / Benetton Rugby