Il nuovo percorso per la formazione degli allenatori italiani

Lo ha annunciato la FIR: basato su quattro livelli e con la possibilità (per tre di questi) di scegliere il corso di riferimento

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

La Federugby ha annunciato alcune riforme nel progetto didattico volto alla formazione degli allenatori italiani. “Mirato ad adattarsi dinamicamente alle modificazioni del gioco e alle necessità degli atleti, il cui sviluppo rimane inevitabilmente al centro del percorso tecnico federale, il nuovo piano strategico della formazione degli allenatori è volto a garantire un’offerta formativa mirata, coerente e in continua evoluzione in base ai singoli corsi” – si legge sul comunicato diramato dalla FIR.

 

L’organizzazione della struttura resta su quattro livelli, divisi nel seguente modo:

primo livello: tecnici specifici per i bambini (6-12 anni)

secondo livello: allenatori di atleti in età adolescenziale (13-18 anni)

– terzo livello: allenatori di squadre seniores Maschili e Femminili dalla Serie C sino all’Eccellenza

quarto livello: gestione delle Squadre Nazionali FIR o delle Franchigie di PRO14

 

Con questa riforma, tuttavia, si avrà libertà di scegliere il proprio corso di riferimento tra i primi tre livelli, in base agli obiettivi individuali del tecnico. Per accedere al quarto livello, invece, sarà necessario l’invito della FIR stessa.

 

“L’evoluzione costante del nostro sport ha portato la Federazione, su indicazione della Commissione Tecnica Federale, a garantire una maggiore dinamicità del processo formativo degli allenatori – ha spiegato Pasquale Presutti, allenatore de I Medicei e consigliere federale in quota tecnici – Allenatori più specializzati, con una formazione ancor più mirata a quelle che sono le categorie di loro interesse e competenza, non potrà che riflettersi positivamente sullo sviluppo degli atleti, che potranno essere formati in modo specifico in relazione alla propria età e alle competenze del momento”.

 

 

Al centro di tutto, del resto, c’è sempre lo sviluppo del giocatore. “L’offerta didattica non può che svilupparsi nel lungo termine e deve essere centrata sui giocatori, tenendo presente in ogni momento che il nostro sport cambia radicalmente in base al livello, all’esperienza, all’età di chi lo pratica – ha dichiarato Stephen Aboud, Responsabile della Formazione dei giocatori di alto livello giovanile e degli allenatori – Pertanto, dobbiamo assicurarci di formare allenatori che sappiano interagire efficacemente con gli atleti, con il giusto approccio e l’appropriata prospettiva, in base alle specificità dettate dal livello di gioco”.

 

“Abbiamo la possibilità di innalzare la qualità degli allenatori migliorando il processo che usiamo nella loro formazione, rivedendo i processi d’interazione tanto tra formatori e allenatori che tra allenatori e atleti – ha continuato Aboud – Ogni livello di gioco è specifico, e nessun livello di gioco che mantiene l’interesse degli atleti al centro è più importante di quello che lo precede o lo segue”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Gli staff tecnici di nazionali e accademie per la stagione 2019/2020

Il consiglio federale della FIR ha confermato tutti gli allenatori principali

19 Luglio 2019 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La FIR ha approvato il bilancio consuntivo del 2018 e il bilancio preventivo del 2019

Entrambi sono stati chiusi con degli utili. Nel 2018 è cresciuto il valore della produzione

10 Giugno 2019 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

È stato nominato un nuovo vice presidente della FIR

È Onorio Rebecchini, uno dei fondatori dell'Unione Rugby Capitolina. Succede al dimissionario Salvatore Perugini

6 Giugno 2019 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Le prime dichiarazioni di Salvatore Perugini dopo le dimissioni da vice presidente FIR

L'ex pilone azzurro ha parlato a OnRugby della sua decisione ufficializzata qualche giorno fa

17 Aprile 2019 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Salvatore Perugini si è dimesso da vice presidente della FIR

La decisione è arrivata durante l'ultimo consiglio federale, in critica con la gestione attuale

15 Aprile 2019 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Parla Marzio Innocenti: “Nessun Pronti al Cambiamento 2. Rispetto Gavazzi, ma abbiamo idee diverse”

Il presidente del Comitato Veneto conferma la propria candidatura e chiarisce le ragioni della frattura con Palc

3 Dicembre 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
  1. carpediem 12 Dicembre 2017, 17:46

    (…)si avrà libertà di scegliere il proprio corso di riferimento (…) tutto bene, ma chi forma? è questa la madre di tutte le domande!

  2. Hullalla 12 Dicembre 2017, 20:21

    Adesso bisogna lavorare ad un percorso formativo per diventare dirigente.

    • gian 12 Dicembre 2017, 21:44

      ma sono l’unico che trova preoccupante che il corso per il livello superiore sia fatto per invito delle fir e che un allenatore non possa sciegliere di farlo e che poi sia la sua professionalità a farlo lavorare?

      • Hullalla 13 Dicembre 2017, 01:09

        Io trovo preoccupante che non ci sia scritto che corso devi fare per essere l’insegnante del corso allenatori.
        Evidentemente per allenare una U10 devi fare un corso, ma per fare l’insegnante ad un corso FIR basta la parola.

        • gian 13 Dicembre 2017, 12:08

          una sera all’anno pasqualone organizza una cena e a fine serata abaud estrae due partecipanti per insegnare in ogni corso 🙂

          • Hullalla 13 Dicembre 2017, 16:24

            Beh, se la cena la organizza Pasqualone allora sono tranquillo.

  3. burger 13 Dicembre 2017, 00:07

    E’ fatto per non far perdere tempo ai giocatori nazionali che verranno invitati subito al quarto livello, i piu’ sfigati o meno sponsorizzati si dedicheranno al minirugby che invece e’ molto piu importante a ivello formativo

    • Giovanni 13 Dicembre 2017, 00:35

      Quindi se sei bravo, ma non hai un passato glorioso, puoi solo sperare nella chiamata da parte del mammasantissimo di turno. Sacchi nel calcio sarebbe rimasto per sempre ad allenare il Fusignano.

  4. tunga 13 Dicembre 2017, 20:21

    Il cambio formativo è interessante x la suddivisione x età ma ridicolo nei contenuti.
    treincontri nei fine settimana e sei allenatore x i bambini. Una follia.
    40 anni fa c erano i corsi cas e duravano molti mesi ed erano solo per cominciare.
    siamo tornati indietro.
    per il 4 livello l invito come condizione è un insopportabile segno di potere e nepotismo

Lascia un commento