Francia, la nazionale è in difficoltà: Lega e Federazione provano a collaborare

Il rugby francese, davanti al disastro di novembre, prova a cercare delle soluzioni

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Tre sconfitte a giugno, tre ko a novembre e un pareggio interno deludente contro il Giappone. La nazionale francese di rugby non sa più vincere, anzi: più il tempo passa e più sembra sia vittima di un’involuzione tecnica e psicologica che Oltralpe sta diventando un serio problema. I media locali infatti guardano al prossimo biennio – quello che porterà alla RWC 2019 – con negativismo assoluto e pensano che la Coppa del Mondo 2023, che si disputerà proprio in territorio transalpino, possa rappresentare una Caporetto.  In questo clima quindi le vecchie ferite del movimento rugbystico sono tornate ad aprirsi.

 

 

Come riporta Rugbyrama infatti, la Lega Nazionale Rugby e la Federazione Francese sono tornate ai ferri corti. Dopo il caos legato all’elezione di Bernarde Laporte da numero uno del rugby transalpino, cosa che aveva scatenato un terremoto di reazioni negative, la “tregua armata” estiva sembrava aver riportato tutto alla normalità; ma la dipartita della squadra di Novès (per inciso anche lui sulla graticola) ha risvegliato i due organi che però pare siano intenzionati a collaborare per il bene della nazionale: “Al termine di una finestra di novembre con risultati molto negativi, la LNR è pronta ad impegnarsi al più presto e congiuntamente alla FFR per l’elaborazione di una nuova convenzione riguardante gli atleti di interesse nazionale”.
Un assist alla Federazione che ha ora il compito di redigere un documento all’interno del quale tutelare i giocatori francesi, senza scontentare troppo i club del Top14, che ad oggi resta comunque il Campionato più ricco e prestigioso del mondo. 
Il tempo non è poi così tanto e il protocollo dovrà essere esteso in un periodo almeno di cinque anni, in maniera che si possa arrivare a quel fatidico 2023 sopra citato nelle condizioni di poter ambire a vincere il titolo iridato in casa.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rassie Erasmus: “Pur di giocare contro i Lions siamo disposti a qualsiasi cosa”

Il responsabile tecnico degli Springboks esprime il suo punto di vista sulla vicenda

18 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

British & Irish Lions: petizione popolare, con richiesta di rinvio del tour al 2022

I tifosi si schierano dalla parte della storia itinerante della selezione, senza dimenticare l'indotto turistico sudafricano

13 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Joel Stransky: “Cancellare il tour dei Lions sarebbe un disastro”

Lo storico numero 10 degli Springboks vede un futuro nero per l'atteso scontro tra Sudafrica e Lions

item-thumbnail

British & Irish Lions: e se il Tour del 2021 contro il Sudafrica si disputasse “in casa”?

La clamorosa ipotesi è al vaglio: da valutare ci sono incastri economici, logistici, sanitari, finanziari e tecnici

item-thumbnail

Gareth Anscombe è tornato ad allenarsi dopo 17 mesi d’assenza

Il trequarti gallese sembra vedere la luce infondo a un tunnel fatto di buio e di infortuni

item-thumbnail

Tour dei Lions a rischio rinvio? Si decide entro febbraio

Tante implicazioni in vista dello scontro coi Campioni del Mondo. Ecco il nuovo possibile calendario se i Lions non giocassero quest'estate