Test Match: Hansen è molto soddisfatto del 2017 degli All Blacks

L’ex allenatore del Galles ha fatto il punto della situazione in salsa nera, definendo la stagione neozelandese significativa e costruttiva

ph. Reuters/Rebecca Naden

ph. Reuters/Rebecca Naden

I tre successi (più uno, nella gara di Lione, contro la Francia XV) nel tour di fine anno su Galles, Scozia e Francia hanno chiuso una stagione intensa per gli All Blacks, reduci dallo sfavillante successo nel Rugby Championship (sei trionfi su sei partite giocate) e dalla durissima serie pareggiata contro i Lions, a cavallo tra giugno e luglio. Il bilancio consuntivo parla di un bottino complessivo di undici (più una) vittorie, un pareggio e due sconfitte (la prima contro i Lions, la seconda contro l’Australia, nella terza sfida valida per la Bledisloe Cup, che, però, era già assegnata ai “tuttineri”). Numeri eclatanti, che hanno permesso ai neozelandesi di archiviare questo 2017 con il sorriso.

 

Un anno, dunque, significativo e costruttivo, anche e soprattutto a detta dell’head coach Steve Hansen, che è intervenuto ai microfoni di Sky Sports per fare il punto sulla stagione appena conclusa e in particolare sul tour novembrino. “Sono molto orgoglioso di questo gruppo. Abbiamo avuto una dozzina di infortuni e non so quante squadre avrebbero saputo sopperire ad una situazione simile. E’ stato un anno duro, ma estremamente gratificante, e lo chiudiamo con tanti ragazzi giovani che bussano sempre più alla porta degli All Blacks e avranno sicuramente lo spazio che meritano in futuro”, ha dichiarato il 58enne allenatore di Dunedin, che, poi, ha parlato pure del grande impatto difensivo dei suoi nella battaglia del Principality. “Contro il Galles abbiamo dovuto testare la nostra tenuta difensiva e devo dire di essere molto soddisfatto dell’attitudine mostrata dai ragazzi. Abbiamo approfondito in modo molto dettagliato la nostra conoscenza dell’attacco gallese, proprio per farci trovare pronti”, ha concluso l’ex Canterbury.

 

Ora il meritato riposo per la truppa nera, in vista di un 2018 che sarà l’ultimo anno di preparazione prima di un mondiale giapponese che ormai si staglia all’orizzonte. Un anno che si aprirà, come di consueto a fine inverno europeo, con un Super Rugby sempre più terreno di caccia prediletto delle franchigie neozelandesi, e potrebbe rivelarsi quello della consacrazione definitiva di talenti folgoranti come Ioane e McKenzie o dell’esplosione di giovani in rampa di lancio come Aumua.

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match, calendario novembre 2018: date, orari e luoghi dell’autunno ovale internazionale

Tutti i dettagli da sapere sulla prossima finestra internazionale

item-thumbnail

La federazione inglese mette pressione ad Eddie Jones

Steve Brown, CEO di RFU, si aspetta che l'Inghilterra vinca tutti i test del prossimo autunno

item-thumbnail

L’ultima vittoria di Sam Warburton

Che non ha portato ad una vittoria, ma al pareggio più memorabile nella storia recente del rugby

item-thumbnail

Sfruttare le fasi statiche in modo creativo

Mischia e touche sono sempre più utilizzate per lanciare schemi elaborati e fantasiosi. Due esempi dall'ultima stagione

item-thumbnail

Australia: i dubbi e le certezze di Michael Cheika

Dalla finestra estiva è uscita una nazionale sconfitta ma forte, in crescita e in grado di mettere in difficoltà anche i migliori

item-thumbnail

Israel Folau è stato squalificato per una giornata

La Federazione australiana ha già presentato ricorso. Punito il contrasto aereo con Peter O'Mahony nell'ultimo Test Match