Guida ai Test Match 2017: le cose da sapere sul mese di novembre (prima parte)

La Redazione di On Rugby si è riunita per rispondere ad alcune domande fondamentali

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 9 Novembre 2017, 12:32

    Test match molto sperimentali in questo Novembre dove vedo i Saanzar in vantaggio rispetto alle europee, non tanto sull aspetto fisico poichè potrebbero essere un pò appannati considerando i lunghi impegni, quanto sull aspetto del gioco. Sud Africa e Australia arrivano in Europa abbastanza rodate, con i primi che vogliono sicuramente riscattarsi dalle tremende prestazioni dello scorso anno; mentre i secondi vogliono continuare sull onda positiva dopo la vittoria contro gli AB’s. Non le vedo assolutamente squadre balbettanti…l’unica a poter soffrire un pò forse è l Argentina, ma da loro mi aspetto buone prestazioni dai giocatori convocati dal campionato nazionale, internamente esiste la rivalità tra Jaguares e locali, considerati quasi figli di un dio minore, ma forse con una maggiore voglia di emergere rispetto ai fratelli più noti.
    Per le europee invece lo vedo come un periodo di grande sperimentazione, un pò tutti, tranne forse che per l Inghilterra, stanno cercando di mettere nuova linfa alle proprie squadre. L Irlanda si baserà sulle buone prestazioni di un pò tutte le franchigie. la Scozia trainata dal blocco Glasgow ma con ben 10 esordienti.
    Secondo me le due sorprese di questo Novembre potrebbero essere Francia e Galles, magari se non sul piano dei risultati, la prima dei galletti è da mission impossible, sicuramente sul piano del gioco e dell identità troveremo squadre completamente diverse rispetto al passato recente.
    La Francia sta puntando su di un mix tra esperienza e gioventù da accompagnare fino al mondiale, salvo infortuni. Dagli avanti ai trequarti a giocatori di esperienza internazionale, da Poirot a Cancoriet a Macalou; passando dalla giovanissima mediana Dupont-Belleau, per finire con Penneaud e Lecroix, tutti giovani che trovano regolarmente spazio nei propri club. a Questi si aggiunge l esperienza e la forma ritrovata dei Bastereaud, Huget ed altri. Di sicuro potremo vedere una Francia più spumeggiante…
    Infine mi lascio il Galles, nazionale per cui tifo e che seguo molto da vicino, Gatland ha promesso per questi test parecchie novità, speriamo finalmente che qualcosa di diverso oltre alla warren-ball ci possa essere, o quanto ci deve essere! quel tipo di gioco nei grossi palcoscenici non si vede più da almeno un paio d anni, e vista anche la futura partenza di Howley, mi aspetto dal neozelandese un gioco molto più arioso, capace di poter mettere in evidenza le doti di finisher di Evan e Liam Williams. Rumor dicono di un Owen Williams schierato 12 come doppio play, il che ha presagire che sicurament Scott Williams o un altro centro verrà fatto fuori, sicuramente Jonathan Davies vestirà la 13 per le sue doti difensive. Mi aspetto un tipo di gioco molto rapido e su alti ritmi, capaci di sfruttare la mobilità degli avanti e la tecnica dei trequarti…ormai manca veramente poco e sapremo anche le formazioni ufficiali.

  2. Gremo 9 Novembre 2017, 13:04

    Dubito che la Francia riuscirà ad imporsi contro gli All Blacks, e nemmeno contro il Sudafrica, ma in questo caso sì che conta più la prestazione del risultato! 9-10-12 con un’età media di 21 anni scarsi!! Invece sono curiosissimo di vedere la Scozia, magari galvanizzata dall’effetto Warriors, chissà che non possano essere loro a dare davvero filo da torcere ai Blacks!

  3. LiukMarc 9 Novembre 2017, 14:24

    Giusto per, Galles che si conferma (come dce Ian qui sopra) con Williams a fare il doppio play, Davies a 13, Williams-Evans le ali, e Webb fuori dai 23.
    Australia che va a Cardiff con Beale (forse il miglior Aussie dell’anno con Folau e McMahon) a estremo, Hodge torna all’ala e Foley a 10, 12-13-14 da paura per la fisicità. Hanigan sicuramente crescerà e migliorerà, ma non ha brillato proprio durante il Championship secondo me.
    Inghilterra che sperimenta qualcosa con l’Argentina (Slade a 12, Underhill a 7, la solita feroce competizione in seconda che lascia in panchina uno come Launchbury, assieme a Tom Curry e Lozowski).

    • Superignazzio 9 Novembre 2017, 19:24

      se non si fosse rotto dempsey henigan il campo lo vedeva col binocolo, con tutto il rispetto

Lascia un commento

item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro

item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Continua il dibattito su “Swing Low, Sweet Chariot”

La leggenda del Rugby League Martin Offiah non crede che vada vietato l'utilizzo della famosa canzone inglese

19 Giugno 2020 6 Nazioni – Test match