Gavazzi: “Alla fine il Mondiale 2023 si farà in Europa”

Il presidente federale ha parlato anche di Zebre e FIR

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Torna a parlare il presidente della Federazione Italiana Rugby Alfredo Gavazzi, e lo fa dalle colonne de Il Gazzettino, rispondendo alle domande di Ivan Malfatto in un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano.

Diversi gli argomenti toccati nell’intervista, fra affari federali, Zebre e assegnazione della Rugby World Cup 2023. Proprio su quest’ultimo argomento, il numero uno della FIR si sbilancia: “Alla fine credo che il mondiale si farà in Europa, ma è solo un mio parere personale” dice Gavazzi, che poi argomenta “Il giudizio della commissione consultiva di World Rugby che ha preferito [la candidatura sudafricana] come sede mi pare più politico che tecnico”.

“Gli standard di sicurezza in Irlanda sono molto superiori a quelli del Sudafrica. La Francia ha garantito 40 milioni di sterline di fideiussioni governative in più rispetto ai 120 richiesti da World Rugby” ha proseguito “inoltre [la Francia] conta sugli investimenti delle Olimpiadi di Parigi 2024 per migliorare gli impianti. Entrambe hanno le carte in regola. Al voto non pensò che vincerà il Sudafrica“.

 

Gavazzi ha poi risposto ad un paio di domande sulle Zebre, fra vecchia gestione privata e ritorno al controllo federale. “So solo che hanno nominato un liquidatore” ha detto a proposito delle “vecchie” Zebre, mentre sulle “nuove” assicura: “abbiamo ratificato il bilancio preventivo e messo a disposizione i 4 milioni di euro per la stagione”. Altri introiti dovrebbero arrivare dai diritti TV sudafricani e da nuovi sponsor di cui la franchigia federale sarebbe alla ricerca.

 

Infine, il presidente ha avuto modo di affrontare gli argomenti più spinosi della propria gestione: il risanamento dei conti federali e l’allontanamento del consigliere federale Zanovello, membro dell’opposizione squalificato dalla FIR per 18 mesi in primo grado: “Quella è gente che falsifica i documenti e poi crede finisca tutto a tarallucci e vino. E invece paga. E dico anche che le elezioni uno come [Marzio] Innocenti non le vincerà mai” tuona Gavazzi.

Quindi sul piano di rientro che secondo l’opposizione (e quanto scritto nell’interrogazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di qualche settimana fa) doveva esssere già stato bocciato dal CONI: “Il CONI ci ha concesso una dilazione, per chiudere la questione Zebre e rinnovare i contratti in scadenza con alcuni sponsor azzurri. Lo presenteremo entro la fine del 2017“.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il Collegio di Garanzia del CONI ha estinto il procedimento per la fuga di notizie

Annullate le condanne per Roberto Zanovello, Gianni Amore e Fulvio Lorigiola

13 febbraio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La Procura Generale dello Sport ha fatto ricorso per le condanne sulla fuga di notizie

Presentata una richiesta di estinzione del processo a Amore, Lorigiola, Zanovello e Innocenti

11 gennaio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La riforma per gli allenatori e il confronto con l’estero: intervista a Pasquale Presutti

Con il coach dei Medicei e consigliere federale abbiamo parlato del nuovo percorso di formazione per i tecnici

3 gennaio 2018 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il nuovo percorso per la formazione degli allenatori italiani

Lo ha annunciato la FIR: basato su quattro livelli e con la possibilità (per tre di questi) di scegliere il corso di riferimento

12 dicembre 2017 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Fondo di Solidarietà e fuga di notizie: accolti parzialmente i reclami dei tre condannati

La Corte d'Appello Federale ha invece dichiarato "inammissibile" la proposta di Marzio Innocenti

5 dicembre 2017 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Rugby e politica: un’interrogazione sul piano di rientro della FIR

Ma la Giunta del CONI ancora deve discuterne l'approvazione

19 ottobre 2017 Rugby Azzurro / Vita federale