L’esclusione di Ben Te’o? Tra i British & Irish Lions c’è confusione

Gary Gold, Director of Rugby dei Worcester, ha parlato dell’assenza del suo giocatore dal XV titolare per il secondo test

ph. Reuters

ph. Reuters

Sembrava difficile da pronosticare solo poche settimane fa, eppure l’esclusione di Ben Te’o dal XV titolare dei British & Irish Lions per il secondo test match contro gli All Blacks ha sollevato qualche polemica al di là della Manica. L’ex stella del rugby League è stato uno dei migliori della selezione nella sfida inaugurale della serie a Auckland, in cui ha ben arginato Sonny Bill Williams, ma più in generale è anche uno dei più positivi per rendimento dell’intero tour dei Lions, come dimostrato da alcune statistiche: l’inglese infatti è il primo della squadra per difensori battuti (14), per break creati (9) e per offload riusciti (9), ma nemmeno i numeri sono bastati a Gatland per riconfermarlo in vista della partita di Wellington.

 

Il ct neozelandese gli ha preferito Sexton – con Farrell spostato a primo centro – una scelta che Gary Gold, Director of Rugby dei Worcester Warriors di Te’o, spiega come l’ennesimo esempio del disordine che regna all’interno dei Lions. Gold, ai microfoni del Telegraph, ritiene che Gatland sia stato influenzato dalle continue voci sul suo gioco monodimensionale da parte dei media neozelandesi, che lo avrebbero condotto a cambiare strategie per il secondo match contro i campioni del mondo: “Non ho mai pensato che i Lions potessero giocare come la Nuova Zelanda – ha dichiarato il sudafricano – Contro i Crusaders e i Maori non lo hanno fatto e sono andati molto bene. Mi chiedo se non abbiano sentito la pressione nel giocare un rugby diverso, più gradevole. Ai neozelandesi piacerebbe: hanno utilizzato questi giochetti mentali nelle conferenze, dicendo che i Lions potevano giocare solo in un modo, e ora hanno degli effetti”.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...