Test Match: Lions ancora vincenti. Chiefs battuti 6-34

La squadra di Gatland firma quattro mete e trova la seconda vittoria consecutiva. Ora gli All Blacks

Ph. Lions / INPHO

Ph. Lions / INPHO

Land Rover lions

La sfida inizia con i Lions a comandare il gioco, mentre i padroni di casa appaiono non troppo presenti venendo puniti anche per la propria indisciplina, nonostante dal dodicesimo in poi si trovino in campo in superiorità numerica a causa del giallo comminato correttamente a Marler per un placcaggio a palla lontana, e già scaricata, effettuato dal pilone ai danni di Nepo Laulala. Nei primi venti minuti infatti sono due punizioni vincenti di Biggar a smuovere il punteggio portando i britannici sullo 0-6.
Al ventiduesimo, poi, i Chiefs accorciano con Stlephen Donald, ma la reazione della selezione di Gatland è feroce e si traduce nella prima meta di giornata: Nowell inizia l’azione al largo insieme a Liam Williams, poi l’estremo gallese decide di rientrare verso l’interno trovando l’accoppiata Best-Biggar pronta a dargli sostegno. L’ovale arriva praticamente sotto ai pali ma l’ultima raccolta vincente, con tanto di balzo annesso per schiacciare e andare oltre è proprio di quel Jack Nowell che aveva dato il là all’azione. Un momento di riscatto, dopo un tour per ora poco felice, per l’ala inglese. La conversione c’è per il 3-13.
L’ultimo quarto d’ora scivola via senza particolari emozioni, la franchigia neozelandese si sfoga sotto il controllo dei britannici. In conclusione però, c’è giusto il tempo ancora per Donald di mettere a referto il 6-13 che manda le squadre negli spogliatoi.

 

 

Il restart è piuttosto lento. Le squadre si studiano, ma i britannici passando dalle fasi statiche riprendono il pallino del gioco. Inizia la prima girandola di cambi. La pressione della compagine in maglia rossa aumenta ed al cinquantaquattresimo ecco arrivare una nuova marcatura: sugli sviluppi di una touche, la maul dei Lions pilotata da Alun Wyn Jones e Iain Henderson rompe gli argini. I Chiefs contengono a fatica commettendo numerosi falli. Per l’arbitro ci sono i presupposti della meta tecnica, che arriva insieme al conseguente giallo inflitto a Mitchell Brown. Il punteggio si sistema sul 6-20.
I padroni di casa provano a riproiettarsi in avanti, ma sbagliano le loro scelte. Anzichè piazzare una comoda punizione in mezzo ai pali decidono di giocare una touche sui cinque metri avversari perdendo però l’ovale. La risalita rapida e di qualità dei Lions è un pezzo di bravura a cui il pubblico di Hamilton non può che battere le mani: tutti i trequarti si trasmettono la palla da destra a sinistra e poi nella direzione opposta finchè non è nuovamente Nowell ad impossessarsi dell’ovale stesso. Il trequarti slalomeggia volando in meta sotto ai pali. I neozelandesi spariscono dal campo. E’ il colpo del ko.
Liam Williams fiuta la chance di poter andare ancora a fare male e pochi minuti dopo compie un offload vincente trovando il sostegno di Jared Payne per la quarta meta Lions. Biggar addiziona due punti facili dalla piazzola. A quindici minuti dalla fine è 6-34.
Nel finale non succede più nulla di significativo.
I British & Irish Lions si impongono nettamente, per la prima volta in un midweek test,  preparandosi da domani alla serie contro gli All Blacks.

 

 

Chiefs: 15 Shaun Stevenson, 14 Toni Pulu, 13 Tim Nanai-Williams, 12 Johnny Faauli, 11 Solomon Alaimalo, 10 Stephen Donald (c), 9 Finlay Christie, 8 Tom Sanders, 7 Lachlan Boshier, 6 Mitchell Brown, 5 Michael Allardice, 4 Dominic Bird, 3 Nepo Laulala, 2 Liam Polwart, 1 Siegfried Fisi’ihoi
A diposizione: 16 Hika Elliott, 17 Aidan Ross, 18 Atu Moli, 19 Liam Messam, 20 Mitchell Karpik, 21 Jonathan Taumateine, 22 Luteru Laulala, 23 Chase Tiatia

 

Marcatori Chiefs
Mete:
Conversioni:
Punizioni: Stephen Donald (22, 40)

 

British and Irish Lions: 15 Liam Williams, 14 Jack Nowell, 13 Jared Payne, 12 Robbie Henshaw, 11 Elliot Daly, 10 Dan Biggar, 9 Greig Laidlaw, 8 CJ Stander, 7 Justin Tipuric, 6 James Haskell, 5 Courtney Lawes, 4 Iain Henderson, 3 Dan Cole, 2 Rory Best (c), 1 Joe Marler
A disposizione: 16 Kristian Dacey, 17 Allan Dell, 18 Tomas Francis, 19 Cory Hill, 20 Alun Wyn Jones, 21 Gareth Davies, 22 Finn Russell, 23 Tommy Seymour

 

Marcatori Lions
Mete: Jack Nowell (25, 58), Meta Tecnica (54), Jared Payne (64)
Conversioni: Dan Biggar (26, 59, 65)
Punizioni: Dan Biggar (12, 18)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...