Italia-Scozia: da Singapore alla Georgia c’è di mezzo l’Oceano ovale

In settimana doppio confronto U20 e Senior tra le due squadre. Ma il sistema scozzese è già vincente

COMMENTI DEI LETTORI
  1. frank 5 Giugno 2017, 09:29

    “E alcuni gesti – come guidare 150 chilometri per comprare un quotidiano – non aiutano certo a creare quel clima distensivo che tanto servirebbe.”

    Grande Roberto.

    E poi quel Cottolengo fa il muso lungo se do dell’asino a Gérard Depardieu.

    • tony 5 Giugno 2017, 12:13

      @frank scusa ma Tu hai le testimonianze dell’accaduto, le foto non significano niente lo sai spero…..

  2. franzele 5 Giugno 2017, 09:39

    http://www.scottishrugby.org/sites/default/files/editor/docs/files/Scottish-Rugby-Record/SY%20Record_digital_v2.pdf

    Basta copiarlo…. e invece no, in Italia ogni parrocchia ha il suo genio del rugby che va per conto suo. E gli altri sono tutti delle pippe

  3. gian 5 Giugno 2017, 09:55

    C’è da dire, pur d’accordo con quasi tutto quello che è stato scritto, una differenza grossissima c’è che non aiuta il funzionamento del sistema, in scozia l’alto livello aiuta ed appoggia il domestico che di conseguenza si trova avvantaggiato a collaborare con il pro, in italia il domestico è un semplice serbatoio/parcheggio per il pro che quasi nulla restituisce al domestico stesso, da cui resistenze e dispettucci vari.
    fossero strutturati nel medesimo, o analogo, modo, probabilmente ci sarebbero molti meno problemi

  4. gsp 5 Giugno 2017, 10:21

    Non vedo il nesso. le partite di U20 ed emergenti sono completamente slegate. non mettiamo altra pressione ai giocatori.

    Per quanto riguarda il sistema scozzese, ci metto la firma domani. pero’ qui ognuno capisce quello che vuole. quel sistema ridimensiona i club. se siete daccordo andate dal vostro presidente e chiedetegli di firmare.

    ma quel sistema e’ anche piu’ costoso per le celtiche e giustamente. andate da Zatta ed a casa zebre a dire che ci sono piu’ soldi da mettere.

    • pesopiuma 5 Giugno 2017, 18:58

      Bravo.
      Concordo. Ammiro molto la Scozia per il lavoro fatto negli ultimi anni, ma non è detto che copiare quel sistema sia fattibile. O meglio, sarebbe fattibile col ridimensionamento del ruolo dei club. Cosa difficile in Italia.

  5. Hastings15 5 Giugno 2017, 11:16

    OT: si sa nulla su dove andrà a giocare Favaro nella prossima stagione?

  6. leo64 5 Giugno 2017, 11:49

    Mentalità Italiana. Speriamo che in poco tempo COS la cambi. È un po che lo diciamo presidente non all’Altezza per il ruolo che ricopre. Basta pensare quello che ha fatto. Vergognoso.

    • Pumba 5 Giugno 2017, 14:23

      I cambiamenti di mentalità o culturali non si fanno in poco tempo e soprattutto non spetta certo a CO’S

  7. matteol 5 Giugno 2017, 12:14

    Grazie Roberto per questo articolo esaustivo che definisce il sistema scozzese. Personalmente non mi sono mai messo alla ricerca di come fosse strutturato, ma se funziona perché non provare a imitarlo, previa rimozione di Ascione, Checchinato e co?

  8. kinky 5 Giugno 2017, 12:26

    “No, non ci aspettiamo che dalla sfida tra Italia e Scozia di giovedì escano una quantità di campioni pari a quella uscita dalla sfida tra Nuova Zelanda e Inghilterra ai Mondiali Under 20 del 2011 (Mako Vunipola, Launchbury, Ford, Wade, Farrell, Daly, Yarde, Luatua, Retallick, Sopoaga, Anscombe, Perenara, Barrett, Piutau, Naholo)”.
    Con dovuti rapporti invece da questa nazionale U20 (’97/’98) nel giro di 5/6 anni (perché qualcuno ci andrà subito ed altri con più calma) ce ne saranno parecchi nella nostra maggiore: io dico più di dieci!

  9. 6nazioni 5 Giugno 2017, 12:44

    FINALE UNDER 18 ELITE’ 11 GIUGNO 2017 ORE 17,000

    STADIO E. CHERSONI PRATO

    PETRARCA – CAPITOLINA

    n.p. Capitolina terza finale di seguito,miglior settore giovanile d’ italia punto.
    Kinky ci vieni?

  10. Jager 5 Giugno 2017, 13:13

    Tutto vero , però bisognerebbe fare dei distinguo : qualcuno ha commesso il peccato di ignavia , qualcuno ha remato volutamente contro ( è lo fa tuttora ) perchè pensano di essere i depositari del sapere rugbistico italico e vorrebbero che tutti si prostrassero al loro passaggio come dei sudditi .

  11. Hastings15 5 Giugno 2017, 13:39

    Hanno nominato Gori Capitano per questo tour estivo 2017

  12. Hullalla 5 Giugno 2017, 17:40

    Avendo vissuto in Scozia, posso dire che diverse scelte della SRU mi hanno lasciato perplesso, pero’ il vantaggio di quel sistema e’ che ci sono parecchi tecnici professionisti validi a tutti i livelli. In Scozia fare l’allenatore delle giovanili puo’ benissimo essere una carriera che richiede studi universitari, ma poi ti puo’ dare da mangiare per tutta la vita, mentre in Italia no.
    Questo e’ un dato di partenza che da’ loro un vantaggio sull’Italia a prescindere da qualunque struttura.

  13. xnebiax 5 Giugno 2017, 17:50

    – Il sistema del draft è assolutamente necessario. Da copiare paro paro.
    – Cutitta che insegna la mischia in tutte le accademie, u20, emergenti, club di B, A, ed Eccellenza, nonché franchigie, sarebbe una manna dal cielo. È uno dei migliori tecnici della mischia al mondo.
    – Uguale a Cuttitta per la mischia servirebbe uno che fa la stessa cosa per i 3/4. (Anzi due o tre ce ne vorrebbero perché serve più tempo e lavoro). Il lavoro, secondo me, dovrebbe essere incentrato sulle lacune storiche dei 3/4 italiani: palle alte e contesa in aria, cambio di passo e scansare placcaggi, rompere placcaggi e pestare sulle gambe, velocità, attaccare la linea e giocare due contro uno con buon draw-pass-catch, visione di gioco e prendere decisioni. Potrebbe farlo uno come Catt. O, come detto, due o tre come lui.
    – serve OBBLIGARE i club di Eccellenza a lavorare per il Pro12, prestare giocatori eccetera. Chi non lo vuole fare viene relegato di ufficio in serie B e tanti saluti.

  14. gattonero 5 Giugno 2017, 18:08

    non si potrebbe gia’ iniziare la prossima stagiore?,allargando intanto le rose e portarle almeno a 45 giocatori per franchigia di cui 10/15 ,scelti da treviso e zebre,entrano nel draft,con tutti i paletti e regole necessarie…

    • tony 5 Giugno 2017, 18:46

      gatto fatto all’inverso si farà già…. vale a dire che ciascuna delle due franchigie si può scegliere d’accordo con le società limitrofe alcuni giocatori permit che si alleneranno con la franchigia poi il giovedì se non ne hanno bisogno tornano alla società con cui sono tesserati. Ad esempio Treviso dovrebbe avere Zanon,Rizzi,Lamaro e non so chi altro.

  15. ginoconsorsio 5 Giugno 2017, 21:59

    Pensare che qualcuno l’aveva già indicata la strada ed è stato preso per matto!
    Meno soldi e più flessibilità era la soluzione. Ma qualcuno la in alto non piace l’idea.
    Chissà perché?

Lascia un commento

item-thumbnail

Italia Under 20: i convocati per l’ultimo raduno prima del Mondiale

Gli azzurrini di coach Santamaria a San Benedetto del Tronto, dove disputeranno anche il test con la Spagna

item-thumbnail

Alessandro Lodi e Andrea Marcato negli staff tecnici della FIR

Dopo essersi sfidati come coach di Rovigo e Petrarca, ora i due tecnici collaboreranno all'interno della Federazione

10 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Italseven: i risultati finali delle nazionali maschili e femminili a Makarska

Azzurri e azzurre torneranno protagonisti a fine mese

10 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italia: chi andrà al tour estivo? Il borsino dei pre-convocati

Il c.t. Quesada dovrà tagliare 6 giocatori prima della partenza per il Pacifico: ecco la situazione ruolo per ruolo

9 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

ItalSeven: i risultati della nazionale maschile e femminile a Makarska

Seconda giornata di gare in Croazia per le squadre guidate da Mazzantini e Saccà

9 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

ItalSeven: i risulati della 1° giornata del torneo di Makarska

Il torneo del circuito Rugby Europe Sevens Championship Series 2024 vede impegnate sia la nazionale femminile che quella maschile

8 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Rugby Seven