Pro12 e Champions Cup: cambi in vista nei format?

Stati Uniti sempre più vicini al torneo celtico. La Coppa regina verso la meritocrazia

pro12

ph. Sebastiano Pessina

I Board delle due competizioni potrebbero presto annunciare cambiamenti nei rispettivi format. Ecco le ultime novità.

 

Un Pro12 con una sola italiana?

Lo scenario futuro del torneo celtico potrebbe essere radicalmente diverso da quello che abbiamo sempre conosciuto dal nostro ingresso nella competizione. Detto del piano concreto di coinvolgere una o più formazioni con base negli Stati Uniti o in Canada e delle discussioni in corso tra Pro12 e federazione a stelle e strisce, l’inserimento di nuove squadre comporterebbe una revisione del format. E a farne le spese, scrivono All Rugby e Scotsman, potrebbe essere proprio l’Italia. Del resto, non è un segreto che la nostra partecipazione sia poco paragonabile a quella delle cugine celtiche: basta pensare a numero di spettatori, caos societari e questione diritti televisivi, che ogni anno tengono banco anche a torneo iniziato. Una squadra con base nordamericana garantirebbe maggiori introiti per i diritti televisivi, verosimilmente più spettatori (da quelle parti c’è fame di rugby e non è un segreto) e realtà con basi più solide. Se i diritti di trasmissione del Top 14 per il periodo 2019-2023 resteranno ancora a Canal+ in cambio di  97 milioni di euro a stagione nelle case della LNR (che ridistribuisce ai club), la cifra annua del Pro12 non dovrebbe superare i 15 milioni a stagione: ma un nuovo mercato (e che mercato), la alzerebbe e non di poco.

Lo Scotsman scrive inoltre che O’Shea avrebbe incontrato nelle scorse settimane i vertici di World Rugby e della federazione scozzese per rimarcare l’importanza della partecipazione italiana al Pro12 nell’ottica del nostro sviluppo. Con quante e quali franchigie, lo scopriremo più avanti. Alzare a 14 il numero delle squadre complessive è possibile solo dividendole in 2 Conference (come già avevamo scritto), ma se dovessero restare 12 con un’americana, per noi la partecipazione si dimezzerebbe.

 

 

Champions Cup: basta posti garantiti?

Il 12 maggio, scrive sempre All Rugby, l’EPCR voterà modifiche ai criteri di qualificazione alle Coppe Europee. Sul tavolo la discussa questione del posto garantito per ogni federazione coinvolta nel Pro12, che ha portato negli anni alla qualificazione di squadre italiane nonostante il piazzamento nella classifica celtica. In caso di voto favorevole, se i risultati non dovessero migliorare le nostre squadre finirebbero entrambe in Challenge Cup. Tenendo conto che la partecipazione alla coppa regina non genera chissà che guadagni in termini di ticket e sponsor, e considerando l’atavico problema della mancanza di abitudine alla vittoria, potrebbe anche non essere uno scenario così negativo. E pensando ad un girone con una francese e un’inglese che lottano per la salvezza, uno storico approdo ai quarti potrebbe essere possibile.

In cambio dei nuovo criteri di qualificazione, si legge, la FIR avrebbe chiesto di poter partecipare al Continental Shield (la terza coppa, per intenderci) con selezioni di giocatori provenienti dall’Eccellenza. La sensazione è che a breve si dovrebbero avere novità.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

16 anni fa, “la mano di Rob Howley” per quella leggendaria meta nella finale di Heineken Cup

Uno dei momenti più incredibili nella storia della massima competizione europea

23 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Rivoluzione in vista per la Champions Cup?

Aumenterebbero le squadre in corsa e sarebbe stravolta la formula. Per ora arrivano segnali positivi

15 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: come funzionerà la prossima edizione?

Mentre i club di Top 14 decidono le norme per la qualificazione, la coppa regina potrebbe cambiare format

6 Maggio 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Undici anni fa il Bloodgate, uno degli scandali più clamorosi nella storia di Ovalia

Una delle pagine più buie, in tempi recenti, dello sport ovale

12 Aprile 2020 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Coppe europee: rimandate anche semifinali e finali

Sarebbero andate in scena il primo ed il quarto weekend di maggio

24 Marzo 2020 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Saracens, abbiamo un problema (ma non è il monte salari)

L'EPCR ha convocato un'udienza disciplinare a causa di un permesso di lavoro nel Regno Unito scaduto ad un giocatore degli inglesi

7 Febbraio 2020 Coppe Europee / Champions Cup