Dal Lelo Burti ai Mondiali: la Georgia tra tradizione e potenzialità

Seconda tappa alla scoperta delle nazioni del Sei Nazioni B

COMMENTI DEI LETTORI
  1. giobart 14 Marzo 2017, 14:28

    Sicuramente sono forti, ma ancora noi li battiamo.

  2. jazztrain 14 Marzo 2017, 14:50

    Credo che il top l’abbiano raggiunto lo scorso giugno contro le squadre del Pacifico.

    Ho visto una lieve involuzione nel loro gioco. Contro una Russia in calo non hanno dominato, hanno sofferto contro la Spagna ed hanno vinto facilmente contro Belgio e Germania, grazie alla netta superiorità in mischia.

    Vedremo contro la rinata Romania.

  3. LiukMarc 14 Marzo 2017, 15:02

    Io finchè non li affrontiamo non mi sento di dire nulla, anche se probabilmente, potrebbero anche batterci 1 una volta, ma mi sentirei di dire che sono come noi con altre Tier 1, su 10 partite vinciamo 8-9 volte, poi magari c’è quella in cui loro fanno l’exploit.
    Fatto sta che i miglioramenti (loro) sono netti e visibili, in uno scontro diretto dovremmo sicuramente non spegnere il cervello come fatto con la Romania a Exeter.

    • western-province 14 Marzo 2017, 15:33

      Io credo che la differenza che c’è tra noi e la Georgia sia più o meno la stessa che c’è tra l’Australia ed l’Irlanda.

      Il ranking e i confronti contro squadre simili parlano chiaro (vs Fiji, vs Samoa, vs Giappone)

      Il fatto che noi ogni tanto vinciamo contro squadre forti è semplicemente dovuto al fatto che ci giochiamo spesso e in amichevole (ai mondiali non mi risulta abbiamo mai battuto nessuno di importante)

      PS sportivamente parlando mi piacerebbe che le amichevoli di novembre e giugno venissero decise per tutti sulla base del Ranking e non di altri criteri (magari su una base biennale)
      PS io vado più volentieri a vedere Italia-Tonga che Italia-NZ

  4. Meridion 14 Marzo 2017, 16:56

    questo ENC sono involuti un pochino (tanti nuovi) io credo che in Romania rischiano e tanto… Comunque non hanno gioco..strapotere fisico, io dico ci farebbe bene giocare con loro.

  5. Jager 14 Marzo 2017, 19:24

    Sicuramente sono cresciuti parecchio , è secondo me più facile passare dalla ventesima posizione del ranking a una intorno alla dodicesima tredicesima , che passare dalla dodicesima alla decima in maniera stabile . Credo che abbiano raggiunto il top che il loro sistema rugby possa esprimere , adesso inizia il difficile : senza un campionato domestico di livello , senza adeguato supporto finanziario la vedo dura anche per loro . È mio parere che quando inizierannno ad incontrare più assiduamente nazioni di tier1 , come giustamente chiedono e come giusto che sia , il loro ranking verrà ridimensionato . Quanto al paragone con l’ Italia , credo che al momento la nostra nazionale sia ancora superiore , certo non li asfalteremo , ma credo che una vittoria di 10-15 ci stia , meno sarebbe già da vedere come una mezza sconfitta , servirebbe il confronto sul campo …. è inutile fuggire in eterno , siamo stati tirati in ballo bisognerebbe avere il coraggio del confronto.

Lascia un commento

item-thumbnail

All Blacks: tutti quanti vogliono fare l’estremo

La maglia numero 15 dei tre volte campioni del mondo è molto ambita: tanta profondità nel ruolo

item-thumbnail

Test Match Estivi 2021: ecco il calendario degli All Blacks

Un "luglio isolano" per i tre volte campioni del mondo

item-thumbnail

Argentina: c’è Thomas Gallo nella lista preliminare per l’estate

Oltre al giovane del Benetton anche il prossimo arrivo in casa biancoverde Nahuel Tetaz Chaparro

item-thumbnail

All Blacks: Kieran Read si ritira dal rugby

Una leggenda dei 'tuttineri' dice basta a 35 anni

item-thumbnail

Inghilterra: dopo il difficile Sei Nazioni cambia lo staff tecnico

Due assistenti di Eddie Jones lasciano il loro incarico con la Nazionale, che dunque dovrà cercare nuove figure specializzate per attacco e skills

item-thumbnail

British and Irish Lions: cambia il calendario del Tour in Sudafrica

Novità importanti per la selezione britannica, con un nuovo avversario da affrontare e aggiustamenti "logistici" che coinvolgono anche i test match