Il rugby italiano e le Zebre salutano Quintin Geldenhuys

Il seconda linea torna in Sudafrica per motivi familiari. De Rossi: un esempio per tutti

zebre rugby geldenhuys

ph. Luca Sighinolfi

“Di comune accordo con il club il giocatore ha anticipato di due mesi il suo ritorno in Sudafrica per motivi famigliari, salutando ufficialmente il rugby giocato”. Inizia così il comunicato stampa rilasciato dalle Zebre Rugby che salutano il seconda linea Quintin Geldenhuys, che torna in patria finendo con un po’ di anticipo la stagione.

 

Classe 1981 e 67 caps con la maglia della Nazionale con cui ha esordito nel 2009 contro l’Australia, il seconda linea nativo di Krugersdorp milita da 12 stagioni in Italia, dove è arrivato al termine della Currie Cup 2005 per giocare cinque stagioni a Viadana, poi agli Aironi e infine con la franchigia bianconera. Prima di allora aveva militato con Natal e Pumas in Currie Cup e con i Junior Springboks campioni dal Mondo 2002. Nel palmares anche tre presenze con i Barbarians nelle tre vittorie contro  AllBlacks, Sudafrica e Inghilterra. Lavoratore silenzioso e mai sopra le righe, il suo è stato un caso di equiparazione lungimirante in un reparto in cui da sempre soffriamo per la coperta corta.

 

Le parole di Geldenhuys: “Ringrazio le Zebre Rugby per questi cinque anni insieme; ci sono stati anche momenti difficili ma a Parma ho costruito amicizie solide e condiviso tante buone esperienze di rugby e di vita. Guardando al futuro penso che con pochi cambiamenti e con continuità nelle scelte tecniche i miei compagni potranno cogliere buoni risultati. Torno a casa a lavorare nella fattoria di famiglia dove c’è bisogno di me; 5000 ettari tra Johannesburg e Bloemfontein. Spero di poter rientrare presto nel mondo del rugby; magari per aiutare i giovani nel futuro”.

 

“Salutiamo soprattutto una grande persona – dice invece il team manager Andrea De Rossi – Quintin è stato un fulcro della storia celtica di questa franchigia e della nazionale degli ultimi dieci anni, arrivando anche a indossarne i gradi di capitano. Persona da prendere come esempio sia in campo che fuori; si è dimostrato un serio professionista ed allo stesso tempo collante nel gruppo delle Zebre Rugby. E’ stato un punto di riferimento per tutti gli stranieri arrivati in Italia ed altresì per quello che riguarda la dialettica tra lo spogliatoio e gli staff tecnici che si sono avvicendati a Parma negli ultimi anni”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Video: OnRugby Relive, la larga vittoria delle Zebre a Newport – Pro14 ’19/’20

Rivivi il brillante successo dei Multicolor contro i Dragons

5 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il momento di Federico Mori, tra Nazionale, popolarità ed una famiglia di campionissimi

Abbiamo parlato con il giovane azzurro, nella cui crescita c'è anche lo zampino dello zio Fabrizio, fuoriclasse dell'atletica leggera

5 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre, Paolo Pescetto: “C’è competitività nel ruolo d’apertura. Vorrei acquisire leadership e ritmo”

L'ambientamento, gli obiettivi per il futuro e gli idoli di infanzia: il trequarti parla a cuore aperto

1 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Come funziona con i Permit Player delle Zebre Rugby?

Le differenze pratiche e semantiche rispetto ai Leoni

30 Giugno 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

A che punto sono gli infortunati delle Zebre?

Ne abbiamo parlato con Rocco Ferrari, responsabile medico della franchigia ducale

29 Giugno 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre, Alessandro Fusco: “Al lavoro su velocità, capacità decisionale e comprensione del gioco”

Il mediano di mischia ha voglia di misurarsi con la realtà del Pro14

25 Giugno 2020 Pro 14 / Zebre Rugby