The Fox. Il colpevole Brendan Venter racconta e “confessa”

Il tecnico sicuro: perso perché finita la benzina. A Sale e Rovigo intanto…

venter italia sei nazioni

ph. Sebastiano Pessina

Continua a tenere banco in tutta Ovalia la strategia italiana (ormai ribattezzata “the fox di non contestare la ruck, che tanto ha fatto tremare (e arrabbiare) Twickenham e scatenato un dibattito che sta proseguendo da giorni. In attesa di vedere cosa accadrà nel weekend…

 

 

Brendan Venter: il colpevole confessa

“Quella partita si è rivelata un pomeriggio interessante”. Inizia così l’articolo del tecnico della difesa della Nazionale dalle pagine digitali di AllOutRugby. Un piano che aveva come obiettivo “quello di battere l’Inghilterra. Dire che è stato fatto per limitare i danni è un insoluto”. E credo anche che “Eddie Jones si sia ravveduto dopo che nel post-match aveva dichiarato che quello non era rugby. Era frustrato e irritato […] Ma ora guarderà la nostra strategia in modo diverso e come qualcosa che alla lunga ha funzionato”

Il tecnico parla poi della messa in pratica della strategia. “All’inizio è stato difficile, perché non è naturale. Ma poi la nostra esecuzione è migliorata […] Il doppio infortunio a Gori e Allan non ha aiutato. Chi è entrato ha fatto molto bene, ma non ha la stessa esperienza per eseguire un simile piano di gioco, che tra l’altro dai due titolari è stato provato per più tempo”. Poi la partita è cambiata. E no, non è stato merito dell’Inghilterra.

“Ad 11 dal termine eravamo sul 17-15 e pienamente in partita. L’Inghilterra ci ha battuto non perché ha iniziato a fare pick and go. Il motivo è che collettivamente abbiamo faticato tantissimo nell’ultimo quarto, ed è una cosa comune alle prime due partite del torneo”. “Oggi il problema del rugby italiano è che non siamo abbastanza professionisti per riuscire ad essere competitivi per 80 minuti. Con una miglior preparazione avremmo battuto l’Inghilterra. Abbiamo finito la benzina. Siamo giovani e serve tempo”.

 

 

Steve Diamond: quella spazzatura arriverà (ma non fa per me)

Chi si dice sicuro che la tattica verrà certamente riproposta è il Director of Rugby di Sale, Steve Diamond. “Alcuni allenatori intelligenti, come O’Shea, la porteranno in Premiership”, ha dichiarato a BBC Radio Manchester. Ma ad usarla non saranno certo i suoi squali: “Non lo farei mai – continua Diamond – Le regole sono complicate, ma c’è sempre chi è in grado di interpretarle. Ma il Sei Nazioni è la competizione più prestigiosa e nessuno vuole vedere quella spazzatura: vogliamo un gioco bello e abrasivo. E’ un po’ da codardi”. Se qualcuno dovesse usarla contro gli Sharks, le soluzioni non mancano: “Il pick and go è la più immediata”.

 

 

Anche Rovigo a lezione

Anche le squadre italiane iniziano a muoversi. Come si legge infatti sul Gazzettino, i Bersaglieri hanno preso parte ad una riunione con alcuni arbitri per avere indicazioni e chiarimenti a riguardo. Per i rossoblu in calendario due partite fondamentali: sabato contro Petrarca e la prossima settimana a Calvisano. Vedremo qualcosa di particolare?

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale