Test Match: Irlanda, la storia passa da Chicago. All Blacks battuti 40-29

Un mostruoso primo tempo ferma a 18 le vittorie consecutive dei tutti neri

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Al Soldier Field di Chicago va in scena una partita che a suo modo entrerà nella storia della palla ovale. Si ferma a 18 la striscia di vittorie consecutive degli All Blacks, battuti da una splendida Irlanda.

 

Il primo tempo è di netta marca irlandese: linee dirette di attacco, breakdown feroci e una difesa aggressiva ed efficace che non lascia spazio alla Nuova Zelanda nemmeno nelle sfuriate più veloci. Gli All Blacks sono fallosi con tre placcaggi pericolosi che portano al giallo di Moody. E così dopo la meta in apertura di Moala arrivano le marcature di Murphy (maul) e CJ Stander dopo bel multifase. Prima della fine di frazione, Murray pesca le guardie impreparate e arrotonda ulteriormente il punteggio e il primo tempo si chiude sul 25-8 Irlanda.

 

Nella ripresa deve farsi sentire la strigliata di Hansen. Perenara accorcia su offload di Coles, Ben Smith schiaccia alla bandierina (meta convalidata dal TMO) e poco dopo l’ora di gioco Scott Barrett all’esordio internazionale trova la prima marcatura sul palcoscenico più prestigioso. La partita è vivace, il momentum favorevole ai tutti neri e ad un quarto d’ora dal termine lo score è 33-29. Ma la squadra di Schmidt è matura abbastanza per non sbandare dopo le tre mete subite e scaccia i fantasmi del passato. Nel finale i verdi mettono la parola fine con Henshaw, dopo sbagliata scelta di Savea di non calciare. Finisce 40-29. Gli All Blacks si fermano a 18 vittorie consecutive.

 

 

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Andrew Trimble, 13 Jared Payne, 12 Robbie Henshaw, 11 Simon Zebo, 10 Johnny Sexton, 9 Conor Murray, 8 Jamie Heaslip, 7 Jordi Murphy, 6 CJ Stander, 5 Devin Toner, 4 Donnacha Ryan, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best (c), 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Cian Healy, 18 Finlay Bealham, 19 Ultan Dillane, 20 Josh van der Flier, 21 Kieran Marmion, 22 Joey Carbery, 23 Garry Ringrose

Marcatori Irlanda
Mete:  Murphy (10), Stander (17), Murray (34), Zebo (48), Henshaw (76)
Conversioni: Sexton (10, 34), Carbery (76)
Punizioni: Sexton (4, 24), Murray (59)

 

All Blacks: 15 Ben Smith, 14 Waisake Naholo, 13 George Moala, 12 Ryan Crotty, 11 Julian Savea, 10 Beauden Barrett, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read (c), 7 Sam Cane, 6 Liam Squire, 5 Jerome Kaino, 4 Patrick Tuipulotu, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Codie Taylor, 17 Ofa Tu’ungafasi, 18 Charlie Faumuina, 19 Scott Barrett, 20 Ardie Savea, 21 TJ Perenara, 22 Aaron Cruden, 23 Malakai Fekitoa

Marcatori All Blacks
Mete: Moala (5), Perenara (52), Ben Smith (56), S. Barrett (63)
Conversioni: Barrett (52, 56, 63)
Punizioni: Barrett (21)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027

item-thumbnail

Samoa pronta a schierare due ex All Blacks contro l’Italia

A novembre l'apertura Lima Sopoaga e il terza linea Steven Luatua potrebbero rafforzare la rosa che ha vinto la Pacific Nations Cup