Fondo di Solidarietà e bilancio: un problema di contabilizzazione

Il Presidente Gavazzi si difende: nessun conto “truccato”. E spiega il rosso da due milioni

COMMENTI DEI LETTORI
  1. campolegio 5 Ottobre 2016, 16:20

    si attendono delucidazioni da parte dei forumisti soci e/o partners delle seguenti società:

    Reconta Ernst&young
    Pricewaterhousecoopers
    Kpmg
    Deloitte

    • fracassosandona 5 Ottobre 2016, 17:14

      🙂 le big four hanno rotto il ca22o…
      ogni volta che li vedo all’opera mi viene in mente la celebre telefonata al Barcaro… “che te me mandi sempre el bocia”, con i loro begli analisti junior spavaldi nel loro completino blu che si fanno prendere per il culo dai vecchi ragionieri volponi delle aziende in pullover bordeaux e pantofole…
      gente accampata per settimane in sale riunioni ricavate da vecchi bunker, magazzini polverosi, dato che quelle belle servono ai commerciali per vendere… 😀

      invito invece a riflettere su questo brano dell’articolo:
      Ora, dopo la risposta della Federazione che ha parlato di “insussistenza” e “assoluta infondatezza”, arrivano le parole del numero uno Alfredo Gavazzi, da poco riconfermato alla guida della movimento ovale italiano per il prossimo quadriennio.

      Chi ha parlato per la federazione? un ventriloquo? A che titolo?
      Gradirei che un giornalista (si) facesse queste domande…
      Posso sommessamente osservare che il Presidente (anche fosse ingiustamente accusato) in questo caso è in conflitto d’interessi con la Federazione che rappresenta?

      Non fatemi fare il PM che non è il mio mestiere…

      • LiukMarc 5 Ottobre 2016, 17:27

        Pensa te fracasso che io lavoro proprio in una di quelle (anche se non faccio il triste revisore dei conti) 😉

        • fracassosandona 5 Ottobre 2016, 18:22
          • Jock 5 Ottobre 2016, 19:13

            @fracasso, magistralmente descritti; per non parlare di quelli della Mc Kinsey.

        • Jock 5 Ottobre 2016, 22:11

          @Liuk, @fracasso, a me, quello che mi fotte, è che le “quattro” me le ricordo, tutt’ora, disgiunte, che erano dieci, più l’Arthur Andersen. Purtroppo.

      • Ghigno di Bacco 6 Ottobre 2016, 10:16

        Fracasso, io sono stato per qualche anno uno di quei “bocia”, anche se in una società “non big4”. Ma la descrizione che hai fatto è impeccabile! Che ricordi …

    • Camoto 5 Ottobre 2016, 19:20

      Guarda che la sostanza non cambia.
      È come il partito che prende 200.000.000 lire per le tangenti e poi una volta scoperti li ridà indietro (fatto reale), qui per 7 anni porti a ricavi soldi di altri e ora dici li rimettiamo, l’unica differenza è che nessun cittadino si è messo i soldi in tasca, ma un minimo di modello 231 (prevenzione reati fatti dalla persona fisica a vantaggio della società in cui si lavora) la Fir ce l’ha oppure no?

  2. Pro veritate 5 Ottobre 2016, 16:24

    …insomma, la procura è composta da inetti che scambiano lucciole per lanterne..?
    Ci sarà un processo e vedremo, certo è che il rugby italiano ultimamente – basti guardare la prima pagina del Corriere della Sera di oggi, terribile – non spicca certo nella stampa nazionale per grandi successi, per significativi valori trasmessi alla nostra società.
    Come sempre sarà colpa dei giornalisti..

  3. carlo s 5 Ottobre 2016, 16:46

    1. Ma allora sta perdita c’è o è un invenzione?
    2. Come mai il patrimonio è negativo, oppure si tratta solo di un artificio contabile?
    3. Ma il presidente del Coni non aveva detto che era possibile chiudere il bilancio in negativo solo se la perdita era coperta dal patrimonio?

    Il commissariamento, in un paese normale, a questo punto dovrebbe essere un atto dovuto!

  4. Giovanni 5 Ottobre 2016, 16:47

    Dunque, se ho inteso correttamente, la prossima stagione le Zebre partono con 1 milione di budget in meno. Poi ci sarà da recuperare il milione e spiccioli per ripristinare il fondo infortuni.
    Sarà interessante vedere chi andrà in campo per gli strisciati, dal momento che:
    – i cordiglieri altri soldi non sembrano intenzionati a metterne (già due di loro si son fatti liquidare e se la sono data a gambe).
    – dei potenziali nuovi sponsor, uno è finito al gabbio per bancarotta, senza manco fare a tempo ad appiccicare il proprio nome sulla maglietta. Di altri nomi altisonanti, annunciati in campagna elettorale, per ora manco l’ombra…
    – i pagamenti sono già in ritardo adesso, figuriamoci tra un anno.
    – a fronte di tutto ciò si sono ingaggiati a costi profumati vecchie glorie che avrebbero dovuto “far cassetta” ed altri downunder dall’apporto a dir poco deludente (senza contare non-equiparabili quali Mahu e Roan).
    A questo punto, dato che siamo impegnati col board per un’ulteriore stagione, perchè non varare una formazione completamente autarchica, recuperando un po’ di ex-celtici tornati in Eccellenza, sommando giovani emergenti accademici e non, aggiungendo qualche permit e qualcuno rientrante dall’estero (ad occhio e croce già adesso un paio di nomi sono ipotizzabili).
    Tanto i 50 punti in trasferta li beccano già ora, prenderne 70 o 80 cambia poco, ma per lo meno si risparmia un bel po’ sui costi (in ogni caso bisognerà tagliare comunque) e, se ci va di posteriore, viene fuori qualche giovanotto nuovo che torna utile più avanti. Poi nel 2018 si sbaracca almeno una delle due licenze celtiche, sempre che nel frattempo non sia già sbaraccato tutto l’alto livello italico.

    • mattedoardo67 5 Ottobre 2016, 18:00

      Se ho ben compreso non dovrebbe mancare il milione di euro per le zebre. I soldi sono sempre quelli, solo che anziché imputarli nel preventivo del 2016, lo hanno messo a costi nel bilancio relativo all’anno 2015. Si genera così un buco nel bilancio appena approvato, ma si alleggerisce di due milioni il bilancio del prossimo anno. Per questo in un post precedente parlavo di tecnicismi contabili. Insomma sopportiamo una brutta perdita per quest’anno che il prossimo andra’ sicuramente meglio (il loro probabile modo di ragionare) e anzi si potra’ sbandierare un miglioramento di bilancio

      • sentenza 5 Ottobre 2016, 18:26

        Bisogna che però le entrate restino stabili o aumentino, perchè se invece calano siamo daccapo. Le precisioni e prospettive che dicono, vedi Dmax?

      • Giovanni 5 Ottobre 2016, 18:49

        Ho riletto, e mi sa che è come dici tu. Alla fine il prossimo bilancio ripartità in pari, ma resta il problema di fondo e cioè che le Zebre, tra pubblico che latita, privati che non si riesce a coinvolgere e sponsor tiepidi, continuano a pesare parecchio sul bilancio FIR annuale.

  5. cracco 5 Ottobre 2016, 17:00

    Basta! Quest’uomo e i suoi amici stanno devastando l’immagine del nostro movimento. Continua a mentire. Dovrebbe solo avere il pudore di fare un passo indietro: ma si sa che la dignità è merce rara.

    • zappinbo 5 Ottobre 2016, 17:11

      sei M. Travaglio? 🙂

      • cracco 5 Ottobre 2016, 17:12

        ci avevo messo tanto a mantenere l’anonimato 🙂

        • fracassosandona 5 Ottobre 2016, 17:19

          ciao Carlo…
          ho mangiato maluccio l’ultima volta lì da te… 🙂

          • carlo s 5 Ottobre 2016, 17:54

            e pagato un botto

        • dengra 5 Ottobre 2016, 17:22

          Non accadrà nulla verrà tutto a tacere e ne usciranno con la faccia pulita. A.i.r. cosa dice? E le altre associazioni di giocatori?

  6. LiukMarc 5 Ottobre 2016, 17:33

    Vedi te che han tenuto le elezioni (vincendole) per il rotto della cuffia, se sti casini arrivavano ancora in periodo elettorale, volevo vedere con che faccia ci si presentava alle elezioni.
    E se davvero han fatto casini col fondo di solidarietà per gli atleti infortunati spero che paghino tutto (e tutti) quello che devono.

  7. IlGiustiziereDegliHaters 5 Ottobre 2016, 17:33

    Se tutto va come deve andare … Siamo rovinati !

  8. ginomonza 5 Ottobre 2016, 18:05

    Non capisco una cosa!
    Leggendo le regole del FdS ed in particolare gli articoli 1.4,1.6,1.7 e 2.7 mi viene il dubbio che il Fonda non dovrebbe far parte del bilancio!
    Mi sbaglio?
    O e’ cambiato qualcosa nelle regole?

  9. M. 5 Ottobre 2016, 18:16

    sì ma chi era vicepresidente nella precedente gestione?

    Inoltre, domanda pratica, se anticipano un milione dell’anno prossimo delle zebre, dandone 5 invence di 4, l’anno prossimo le zebre ne piglieranno 3.
    E come faranno, improvvisamente comparirà un mecenate a tirare fuori grano o andranno a sfalciare contratti a più non posso?

  10. PROSPICIO 5 Ottobre 2016, 18:36

    Non sono tre anni.
    Regolamento di Giustizia
    Art. 16 – La prescrizione.
    2. La prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui occorre il fatto disciplinarmente rilevante.
    3. L’esercizio dell’azione disciplinare interrompe la prescrizione.
    4. Fermo quanto previsto al successivo art. 81, comma 5, il diritto di sanzionare si prescrive entro:
    b. il termine della sesta stagione sportiva successiva a quella in cui è stato commesso l’ultimo atto diretto a realizzare la violazione, qualora si tratti di violazioni in materia gestionale ed economica.
    Inoltre contabilizzando correttamente i costi, si sarebbe chiuso in perdita sicuramente il bilancio 2014 (+35.000,00 ufficiale), e probabilmente anche il 2012 (+163.000,00 ufficiale) oltre a quello del 2013 (-265.000,00 ufficiale) in perdita.
    Quindi il presidente Gavazzi avrebbe nei suoi tre anni di gestione di bilancio, essendo stato eletto nel settembre 2012, presentato sempre bilanci in perdita, considerato l’unico eventuamente positivo è il 2012 di cui ha la responsabilità di soli tre mesi.
    La logica aziendale, cara al nostro Presidente, dov’è?.

  11. fracassosandona 5 Ottobre 2016, 18:37

    faccio quello che per una volta posta il link ad un sito altrui…
    spero che la redazione non se la prenda o, al limite, che prenda spunto… 😉

    http://www.ilneroilrugby.it/2016/10/04/14074/

    • Camoto 5 Ottobre 2016, 21:22

      Sinceramente questo ragionamento non mi convince. Probabile che sia andato appositamente lì per i voti, ma ai giocatori del Gussago chi gliel’ha fatto fare di dargli la delega?
      E poi non penso che avevano dubbi su dove fossero finiti i voti.
      Peggio è quando hai il dubbio del voto di chi deleghi.
      Io per esempio ho preso deleghe in condominio quando qualcuno me l’ha chiesto, ma ho spiegato cosa avrei votato in ogni singolo punto. L’esempio è banale, ma tanto il condominio è stato spesso usato come metafora della Fir, quindi un po’ ci calza.

  12. PROSPICIO 5 Ottobre 2016, 18:49

    Quanto a “All’ultimo abbiamo messo un milione sul bilancio 2015 delle Zebre, togliendolo ai 4 stanziati per il 2016”.
    Non è cosi’ basta leggere la relazione dei revisori al bilancio preventivo 2016, la FIR era impegnata a darli, con un patto contenuto nell’accordo preliminare di cessione delle quote vendute dalla FIR.
    Patto ben noto al Presidente Gavazzi, pochè tale accordo fu da lui sottoscritto, e non dal mago Silvan.
    Giocare con i contratti ed i numeri alla fine ci si scotta, ma tanto i soldi sono FIR.

  13. arali 5 Ottobre 2016, 19:08

    Dichiarazioni del tutto insoddisfacenti, in linea con il comportamento tenuto finora.
    Breve elenco di domande alle quali mi aspetterei di leggere una risposta del presidente:
    – Perchè il giorno prima della elezioni ha dichiarato che il passivo di bilancio era
    di 1 milione, mentre in verità i milioni sono 2?
    – Visto che il cosiddetto errore contabile costa 1 milione al rugby italiano, chiedere scusa per l’errore no?
    – il milione alle Zebre di cui si parla è stato erogato nel 2015 o nel 2016? senza questo dato non si capisce se il rilievo dei revisori è frutto di un colpo di sole o se la federazione ha fatto una furbata per spostare in avanti il costo
    Grazie

  14. frank 5 Ottobre 2016, 21:20

    ah Gavà…..

  15. leo64 6 Ottobre 2016, 08:22

    Poveri noi che amiamo sport. Ma chi lo hanno dato in mano ? Vedrete che cosa succederà alle Zebre.

Lascia un commento

item-thumbnail

URC: si continua con le Zebre, per ora

In un'intervista il presidente FIR Marzio Innocenti spiega che cosa ha convinto il Consiglio federale a puntare ancora su Parma

4 Luglio 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Approvato il bilancio Fir 2021, con un avanzo di oltre 17 milioni

Il Consiglio Federale della Federazione Italiana Rugby ha approvato il Bilancio Consuntivo del 2021

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

I poli di sviluppo per la formazione congiunta Fir/Club

Il 1 luglio partirà ufficialmente il nuovo progetto tecnico congiunto per il rugby d'elite

29 Giugno 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: il contenuto della Circolare Informativa per il 2022/23

La divisione su due livelli del rugby femminile, i joker medicali, la tutela sanitaria e i "giocatori italiani"

25 Maggio 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il sito web della FIR dedicato agli eleggibili

Un portale per raccogliere informazioni su profili che possano qualificarsi come italiani a fini sportivi

24 Maggio 2022 Rugby Azzurro / Vita federale