Il Rugby Seven a Rio 2016, tra immagini indelebili e un calcolo inesatto

Il ritorno della palla ovale ai Giochi può dirsi un esperimento positivo. Ma il vero sette non è 15-8…

fiji rugby seven rio 2016

ph. Phil Noble/Action Images

Ci vorrà del tempo per capire quanta onda porterà con sé il ritorno della palla ovale ai Giochi Estivi dopo 92 anni di assenza, attraverso il torneo maschile e femminile di rugby Seven. Di certo tante cose resteranno impresse nel ricordo di chi le ha viste: alcune partite davvero entusiasmanti, il Giappone che batte la Nuova Zelanda, le Fiji che vincono la prima medaglia della loro storia, una proposta di matrimonio in stile RWC 2015, la foto collettiva tra Brasile e Argentina dopo le polemiche per le tensioni e gli sfotto tra tifosi su alcuni degli spalti olimpici, Sonny Bill Williams che esce dal campo dolorante, il canto finale delle Isole Fiji e i giocatori che si inginocchiano per ricevere la medaglia dalla Regina Anna. Quando Bill Beaumont dice che un’altra pagina nella storia del rugby è stata scritta, queste sono alcune delle foto che la accompagneranno.

 

Dove le cose non sono forse andate come previsto è stato dentro al campo, dal punto di vista tecnico. O meglio, non come forse ci si attendeva, a partire dalla Nuova Zelanda che si è dovuta accontentare del quinto posto: vero che l’eliminazione ai quarti di finale è arrivata proprio per mano di e compagni poi vincitori, ma resta il fatto che il gioco offerto anche nel Girone non ha entusiasmato. E, soprattutto, confermato che il rugby Seven non è un rugby a quindici giocato con otto cartellini rossi come per certe squadre è sembrato, ma una cosa completamente diversa.

 

Lo hanno dimostrato proprio le Fiji e anche Sudafrica e Australia, brave a pulire velocemente la palla sul breakdown, arretrare anche nei propri 22 aspettando la difesa fino a che un portatore decide di cambiare velocità e angolo quando individua uno spazio non solo attaccabile, ma anche esplorabile con un successivo offload. Per certi aspetti e dinamiche di costruzione dell’azione, più un touch rugby con il contatto (il meno possibile) che non il rugby Union giocato in sette. Vero che nei placcaggi e soprattutto nelle pulizie del punto d’incontro si vedeva eccome chi è abituato a giocare ad alto livello a XV, ma in generale l’esperimento di prendere atleti più o meno forti e adattarli non ha pagato i dividendi attesi. Un capitolo a parte meritano le Fiji: il rugby Seven sembra davvero quello più congeniale ai giocatori isolani, che se peccano nella disciplina e nell’ortodossia tattica fondamentali nel quindici non mancano certo in velocità e capacità di tener vivo l’ovale.

 

Ha divertito? Beh, dipende dai gusti personali, ma probabilmente più di qualcuno, neofita o esperto che sia, avrà apprezzato un offload da terra, un cambio di passo, un incrocio per liberare la superiorità o anche solo un tuffo in meta dopo corsa di 50 metri. Il bilancio può dirsi positivo e l’esperimento riuscito. Cosa ci lascia il primo torneo Seven olimpico di sempre? Le immagini di cui sopra, federazioni isolane che reclameranno sempre maggiore attenzione (come dichiarato dopo il lancio del Brisbane Global Tens) e, in generale, la sensazione che il rugby (soprattutto nella versione Seven) sia uno sport sempre più per tutti. E molte federazioni se ne saranno accorte e vorranno partecipare alla grande festa: la qualificazione a Tokyo 2020 sarà ben più impegnativa.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italseven in raduno a Roma: ecco i convocati

Sono 15 gli atleti scelti da Andy Vilk per il primo raduno del 2021 della nazionale azzurra a sette

8 Gennaio 2021 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

La decisione ufficiale di World Rugby sulla stagione dei 7s

Il governo mondiale ha preso posizione anche sull'assegnazione dei titoli

30 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

E se Inghilterra, Galles e Scozia si unissero permanentemente in team UK?

Una soluzione che potrebbe presto essere presa per le compagini 7s

29 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italseven verso le Challenger Series a Montevideo

I ragazzi di Andy Vilk giocheranno contro Giappone, Zimbabwe e Paraguay. Serve migliorare l'11esimo posto della prima tappa del circuito

19 Febbraio 2020 Rugby Azzurro
item-thumbnail

Italseven deludente nella prima giornata delle Challenger Series

Azzurri del Sevens sconfitti da Germania e Uganda nella prima giornata a Vina del Mar, in uno stadio quasi vuoto per il nuovo torneo internazionale

16 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Italia, nel weekend il kick-off del world 7s challenger: i convocati

Il nuovo torneo prende il via sabato 15 da Vina del Mar

13 Febbraio 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven