Rugby World Cup 2023: gli stadi della candidatura italiana

Dodici gli impianti identificati dalla FIR. C’è anche il Flaminio

ph. Andrew Boyers/Action Images

ph. Andrew Boyers/Action Images

La Federazione Italiana Rugby ha annunciato le sedi da gioco indicate per la candidatura italiana alla Rugby World Cup 2023,  in vista dell’ufficializzazione da parte di World Rugby, nell’autunno 2017, del Paese che ospiterà la decima edizione della rassegna iridata per la quale sono in corsa anche Irlanda, Francia e Sudafrica. Sono in tutto dodici gli impianti identificati per ospitare i quarantotto incontri. Tra questi c’è anche il Flaminio, vecchia casa del rugby azzurro e attualmente in stato di abbandono. “La Rugby World Cup è uno degli eventi sportivi più prestigiosi sulla scena internazionale – ha dichiarato il Presidente della FIR, Alfredo Gavazzi – e siamo certi che i tempi siano maturi per portare nel nostro Paese questa straordinaria manifestazione. Siamo in attesa di ricevere dal Governo l’impegno a fornire le garanzie economiche richieste e stiamo completando il reperimento delle manifestazioni d’interesse da parte dei Comuni”.

 

Impianti identificati da FIR per la candidatura alla Rugby World Cup 2023
Roma, Stadio Olimpico – capienza 72.698
Roma, Stadio Flaminio – capienza 30.000 c.a.
Milano, Stadio “Giuseppe Meazza” – capienza 81.277
Torino, Stadio Olimpico – capienza 27.958
Genova, Stadio “Luigi Ferraris” – capienza 36.599
Firenze, Stadio “Artemio Franchi” – capienza 47.290
Bologna, Stadio “Renato Dall’Ara” – capienza 38.279
Udine, Stadio “Friuli” – capienza 25.144
Padova, Stadio “Euganeo” – capienza 32.420
Napoli, Stadio “San Paolo” – capienza 60.240
Bari, Stadio “San Nicola” – capienza 58.248
Palermo, Stadio “Renzo Barbera” – capienza 37.619

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Il XV del Sudafrica per il Giappone

Mbonambi titolare contro la formazione di casa per il delicato quarto di finale degli Springboks

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Jones sceglie l’Inghilterra per i quarti

George Ford fuori a sorpresa, si rivede Henry Slade. C'è anche Mako Vunipola

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione degli All Blacks per i quarti di finale

Hansen conferma Lienert-Brown e Goodhue come coppia titolare di centri, la stessa vista contro la Namibia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019