L’Inghilterra? Può arrivare ovunque, parola di Jonny Wilkinson

L’ex apertura inglese vede ampi margini di crescita per la squadra di Eddie Jones. Ma guai a copiare gli All Blacks

ph. Matthew Childs/Action Images

ph. Matthew Childs/Action Images

Il cappotto rifilato all’Australia nella serie di test match giocata a giugno ha sorpreso l’intera Ovalia, tanto da chiedersi fin da ora dove potrà arrivare quest’Inghilterra nei prossimi tre anni in prospettiva Rugby World Cup 2019. I paragoni con la nazionale inglese capace di vincere il titolo nel 2003 si sprecano e lo stesso Jonny Wilkinson, star di quel torneo, è sicuro che gli uomini di Eddie Jones possano ripercorrere quel cammino glorioso. “Sono già ad un buon punto ora. Nel nostro percorso, nel 1999 e nel 2000 cominciammo a crescere ma non battemmo l’Australia in trafserta per 0-3, questo è sicuro – ha dichiarato l’ex apertura in un’intervista al Telegraph – Loro sono avanti se paragonati a noi nello stesso periodo. Ora si tratta di capire come verranno gestiti i prossimi tre anni. Sembrano esserci ampi margini di crescita”.

 

Per Wilko, insomma, quest’Inghilterra può arrivare ovunque, a patto di continuare a progredire giorno dopo giorno e di non copiare gli All Blacks. “Provare ad essere la Nuova Zelanda sarebbe uno spreco di energia. Se provassimo ad essere come loro, verremmo costantemente battuti. Dobbiamo avere fiducia nel fatto che la migliore Inghilterra dovrà battere la migliore Nuova Zelanda, ma trovando la propria strada”. Che, inevitabilmente, passerà anche dal piede di quell’Owen Farrell sempre più in grado di caricarsi la squadra sulle spalle, come dimostrato in Australia con i 66 punti messi a referto durante la serie. “Siamo sempre in contatto – ha dichiarato Wilkinson, con cui il giocatore dei Saracens si allena saltuariamente – Capita di vederci spesso, altre volte ci accontentiamo soltanto di alcuni messaggi. Se non ho sue notizie vuol dire che èconcentrato su quello che deve fare.

 

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Inghilterra: Eddie Jones prolunga il suo contratto fino al 2023

Con un record di vittorie eccezionale, Jones si è guadagnato la conferma fino alla prossima Coppa del Mondo

item-thumbnail

World Rugby: i tour estivi restano in bilico

Lo ha chiarito Bernard Laporte, presidente della federazione francese

item-thumbnail

Scozia: Finn Russell e Gregor Townsend, prove di disgelo

L'apertura potrebbe tornare in nazionale. I rapporti col tecnico stanno migliorando

item-thumbnail

Il rugby può rinunciare ai test match di novembre?

Raelene Castle, CEO della federazione aussie, dice che si potrebbe pensare di chiudere il Super Rugby e giocare il Championship, evitando di venire in...

item-thumbnail

British & Irish Lions 2021: si pensa a una modifica del calendario nel tour in Sudafrica

Per gli organizzatori dell'evento c'è un must necessario: non sovrapporsi alla programmazione olimpica di Tokyo 2021